Il dolore del parto?

By bs Aprile 29, 2010

 

Clara Scropetta parto di EfremA seguito dell'interessante dibattito sorto sull'articolo di Odent, relativamente al tema del dolore, proponiamo questo scritto di Clara Scropetta proprio sul Dolore in relazione alla nascita.

Clara Scropetta si auto definisce così:

Sono mamma e custode della nascita. Dopo la laurea in chimica e tecnologia farmaceutiche, ho studiato varie discipline "complementari" per giungere ad una visione della salute quale equilibrio dinamico di relazione che si manifesta come bellezza e felicità. Credo che la guarigione del percorso nascita sia un punto chiave per il recupero del benessere personale e sociale. È stata la maternità ad avermi iniziata a questa visione e sono i miei tre figli gli alleati preziosi nelle ricerche. Mi sto rieducando con fervore ad uno stile di vita rispettoso, sobrio e consapevole (ecologico profondo) e al recupero delle competenze materne.

...

Dolore?

Dolore fu quando a sedici settimane di gravidanza nacque il mio primo bambino, con un aborto su indicazione medica, provocato dagli ovuli di prostaglandina, io perduta nel mio corpo sconquassato e passivo; dolore fu soprattutto quando dopo tutta una notte e una mattina ancora nulla successe e un medico molto indelicato decise di farmi portare in “sala parto” per sottopormi ad una ispezione vaginale di “controllo”. Sollievo fu per il buon cuore dell’infermiera che mi tenne la mano e per la sua compassione nel concedermi alcune gocce di Valium, dopo.

 

 

Anni dopo nacque Ephrem e no, non provai dolore.

A chi mai sarà venuto in mente di ricorrere a questa parola inappropriata, limitativa, fuorviante, perfino denigrante verso l’incantesimo della nascita?

Potere volere lasciarsi precipitare

nel più profondo

nel più vasto

nel più inafferrabile

e COMPRENDERLO.

Aprirsi a questa dimensione dell’essere non è ovvio, banale o veloce, pur essendo di per sé semplice.

Richiede una resa incondizionata.

Una fiducia smisurata.

Il rispetto dei tempi necessari.

Celebrazione e rito.

E allora diventi mare,

diventi luce,

si perdono i confini tra te e il resto.

Comprendi il tutto in te e comprendi come del tutto sei una parte.

 

No. non provai dolore, incontrai la dea e da allora la custodisco amorevolmente.

Fu lei a rendermi sorda alle voci attorno a me che insistevano su dolore, paura, pericolo.

Fu lei a rendermi immemore delle esperienze della mia stessa madre, che tanto soffrì da non poterne parlare ancora adesso.

Fu lei a rendermi percettiva e ricettiva.

Fu lei ad iniziarmi alla fiducia e alla conoscenza.

Così accadde che accolsi l’inizio del travaglio con gioia e curiosità, con la meraviglia di un bimbo che vede per la prima volta un fiore.

Onde delicate e caute mi sommersero, di tanto in tanto irregolari o accavallate tra loro, a tratti incerte, titubanti o maldestre – esitazioni del perineo a distendersi.

Ma le onde acquistarono forza, e io assieme a loro, e ritrovai la mia voce.

No, non provai dolore, estasi fu, io il mio sposo e questo piccolo essere uniti sotto la luce della luna.

 

E poi nacque Luna. Silenziosa e discreta procedette la dilatazione. Possenti le onde che quindi mi investirono, una vocina turbata dentro di me “ce la farò?” La zittii, mi raddrizzai mi isolai completamente per godere fino in fondo della POTENZA della vita di cui in quel breve, così breve lasso di tempo ero portavoce…e no, non provai dolore, tutto il tempo necessario si annullò in un minuscolo attimo.

Non riuscii a saziarmi della magia e della maestosità dell’evento in cui ero immersa.

No, non fu dolore; estasi fu.

 

Spesso, troppo spesso succede che questo processo meraviglioso diventi una valvola di sfogo per la sofferenza che ci portiamo dentro, personale, familiare, generazionale, antica.

Antica.

E anche di questa sofferenza che fa tanto male in fondo dovremmo rallegrarci, perché mentre la viviamo ce ne stiamo liberando, e congratularci con i nostri alleati, quei medici che ci aiutano a soffrire il più possibile…o forse che?

Forse che sarebbe meglio alleggerirci della nostra sofferenza in altro modo? Di guarirla per davvero, riconoscendo pienamente la valenza sciamanica dell’esperienza del parto?

Il parto è uno stato alterato di coscienza e di connessione con il divino il cui potere di guarigione è impressionante.

Onoriamolo.

Celebriamolo.

Troviamo il coraggio di accantonare la paura, figlia della violenza e madre della sofferenza!

Saranno le endorfine ad occuparsi del mero dolore fisico, ad ubriacarlo e a farci volare.

Nel processo di separazione tra madre e bambino accantonato il dolore al suo giusto posto mi sembra sia utile “faire le deuil”, ovvero elaborare il “lutto”, accettare il cambiamento, vivere appieno la piccola morte e la piccola rinascita; magari deuil e doglia non si assomigliano solo per caso...

per D&D, la rivista delle ostetriche, giugno 2004

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.