La mamma è come Troncon!

Ancora una volta Monia ci regala le sue riflessioni un po' ironica e un po' serie sul suo ruolo di mamma, questa volta si chiede...che tipo di mamma sarò?

***

Si sa: siamo un po' quello che pensiamo di essere, un po' quello che vogliamo, un altro po' quello che gli altri ci dicono che siamo e alla fine, ma solo alla fine, un po' ciò che siamo davvero.

Dico solo un po' perchè siamo variegati come gusti di gelato e soprattutto perchè mica è facile essere ciò che siamo davvero: scoprirsi, accettarsi, coltivarsi senza remore.

Figuriamoci poi se ci immaginiamo in un nuovo ruolo come quello di mamma: dal niente, diventi una chioccia-leonessa che dà una nuova vita al mondo, con la voglia di non concederla più di tanto,ma di tenersela stretta tutta per se', proteggerla eppure garantirle una felicità libera.

 

Ci sono le mamme-principesse, quelle sempre impeccabili anche con la tuta e i capelli raccolti con la pinza, senza trucco e (forse) senza inganno; ci sono le mamme-in-carriera, che domano il passeggino come la curva di un diagramma che tenta di flettersi; ci sono le mamme-ansia che scoprono e ricoprono il proprio piccino come se aggiungessero e togliessero una strato ad una lasagna, senza mai essere soddisfatte; ci sono poi le mamme-sportive, che non sono solo quelle che fanno jogging dietro alla carrozzina, intervallando cinquanta addominali ad ogni poppata, ma anche quelle che si angosciano poco e prendono sportivamente pianti, rigurgiti, coliche e anche le proprie piccole mancanze, se del caso. Le mamme famose non sono contemplate, perchè tanto come sono realmente con i propri figli e quanto vivano la loro maternità non ci è dato di saperlo, quello che ci fanno vedere di loro è solo uno spot.

 

E io che mamma sarei stata?

Immaginavo l'erede messo davanti all'ardua scelta di selezionare uno dei prototipi di mamma più comuni per definire la sua; lo vedo già, pensieroso, che non riesce a decidersi e riflette:

“Al di là dell'aspetto fisico e delle proporzioni, che dal mio punto di vista sono difficilmente calcolabili, la mia mamma che fa? Corre veloce coprendo lo spazio che ci separa, scatta in piedi pronta al primo vagito, mi riacchiappa al volo e mi afferra sicura, tenendomi stretto; se serve, mostra il suo lato forte, anche se in genere cerca più che altro di usare l'intelligente. Non è sempre perfettamente in ordine ma è sempre al suo posto e anche lei, come me, si sporca...”

Ecco cosa direbbe il mio erede: la mia mamma è come Troncon!

 

di Monia Scarpelli, autrice di “Mani di vaniglia: nascita di una mamma in 40 settimane

http://www.sxc.hu/photo/648083

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.