Una primogenita invisibile

By Febbraio 02, 2012

Abbiamo parlato da poco della tragedia del lutto prenatale, oggi una mamma ci ha regalato la testimonianza della perdita della sua prima figlia, una primogenita invisibile che vive nel cuore dei suoi genitori e di come essi siano riusciti a fare spazio ad un altro bambino.

***

A marzo del 2006 sono rimasta incinta della mia prima figlia. Una gravidanza desiderata, cercata e arrivata subito.
Tutto procedeva per il meglio, il famoso primo trimestre, quello "pericoloso" era scivolato via senza troppi disagi e ci apprestavamo a fare l'ecografia morfologica con la convinzione che l'unica sorpresa sarebbe stata conoscere il sesso del bambino.

Quel giorno è segnato nella nostra memoria come il primo di una lenta discesa negli abissi del dolore.
La nostra ginecologa riscontrò un problema e ci inviò ad un centro universitario per fare un'ecografia di II livello.
Lì con enorme brutalità e distacco venne diagnosticata un'ernia diaframmatica sinistra (ovvero la non completa chiusura del diaframma) alla nostra bambina, la nostra Alice.
Il dolore della diagnosi si mischiò alla concitazione del momento: ci spiegarono di cosa si trattava, cosa si poteva fare e quali erano i tempi e modi per una interruzione terapeutica.
Dopo aver parlato con i chirurghi dell'ospedale pediatrico, decidemmo di proseguire la gravidanza e tentare l'intervento chirurgico alla nascita. Ricordo che comunicai ad un'amica la nostra decisione con queste parole "il mondo oggi ci sembra molto meno meraviglioso di ieri, ma abbiamo deciso di dare ad Alice la possibilità di conoscerlo".
I mesi che seguirono furono scanditi dai controlli serrati e dalla costante paura di ciò che ci aspettava.
Con quasi nessun supporto da parte della struttura ospedaliera, affrontammo quel periodo impauriti, ma speranzosi.

 


Alice è nata con tc il 29 novembre 2006. Due giorni dopo la nascita è stata operata, ma la notte stessa ha avuto un arresto cardiocircolatorio ed è morta.
Così il 2 dicembre abbiamo dovuto dire addio ad una figlia a cui avevamo appena fatto in tempo a dire Benvenuta.
La nascita e la morte di Alice hanno significato per noi uno spartiacque della nostra vita.
Niente è più come prima, il mondo come lo conoscevamo prima non esisteva più e a noi stava ricostruire le nostre esistenze a cui era stato appena strappato il futuro.
Ci sono voluti tre mesi per capire fino in fondo ad ogni nostra cellula quello che era successo, che davvero era capitato a noi di dover seppellire una figlia e che proprio dalla sua breve, ma indelebile esistenza dovevamo ripartire per ricominciare a vivere.
Tre mesi di buio, di solitudine, perchè dopo il primo mese più nessuno ti chiede come stai, più nessuno si preoccupa per te. Non sapendo che il primo mese è quello dell'incoscienza, in cui non hai ancora realizzato cosa è successo veramente e che il bisogno di supporto, ascolto e sostegno deve ancora davvero arrivare.


La decisione più difficile da prendere è quella di voler ricominciare a vivere e non solo sopravvivere.
La condivisione di quel tempo con chi come noi stava attraversando un lutto perinatale, o l'aveva già attraversato da qualche tempo, i genitori incontrati su CiaoLapo, è stata fondamentale per percorrere la strada tortuosa che avevamo davanti.
I mesi successivi sono stati quelli della consapevolezza e della costruzione della nostra rinascita, come persone, come coppia e come genitori.
Non sono mancati momenti di sconforto e di ritorno del dolore, ma ogni volta eravamo più forti e preparati per rialzarci.
A sei mesi di distanza dalla morte di Alice, una nuova vita  si è annidata nel cuore prima e nel mio ventre poi.
La gravidanza successiva ad una perdita è un'esperienza difficile, è necessario avete molto sostegno da parte dei medici e anche di amici e familiari. Nulla è come prima e anche la gravidanza ha perso parte della magia scontrandosi contro la realtà più dura.
Riuscire a non far dominare l'ansia, e non vivere la gravidanza solo come un tempo da far passare per poter finalmente abbracciare un bambino, ma come un'altra esperienza  di maternità, con consapevolezza, responsabilità e attenzione verso il nuovo arrivo è faticoso, quanto doveroso.
Come genitori siamo tenuti a considerare sempre il benessere nostro e dei nostri figli come obiettivo principale  ed avere le risorse per poterlo fare quando si ha subìto un lutto perinatale è difficile, quanto necessario.
Sentire da parte di chi mi rivedeva con il pancione frasi del tipo "che bello, vedrai stavolta andrà tutto bene" oppure "finalmente diventerai mamma" non facevano che acuire il mio senso di inadeguatezza e scollamento dal mondo esterno.
Nessuno aveva più voglia di ascoltare mentre parlavo di Alice, come se la mia prima figlia fosse un pensiero triste da scacciar via ora che ero nuovamente in attesa. Mentre io avevo bisogno di confermare a me stessa per prima e al mondo poi, che comunque il suo posto non era in pericolo, nel mio cuore, nella mia memoria, ma soprattutto nella memoria di chi mi stava accanto.
Contemporaneamente sentivo il bisogno di fare spazio ad Agnese, che ignara di tutto, cresceva in me.
Una cosa non annullava l'altra, a dispetto di chi pensava il contrario.
Fare spazio nel cuore e nella vita ad un nuovo figlio è un cruccio di ogni madre, l'ho sentito da molte amiche, per me era un più difficile perchè ho una primogenita invisibile, ma come dice il Piccolo Principe "l'essenziale è invisibile agli occhi, non si vede bene che con il cuore" e nel mio cuore ci sono due figlie.


Lucia e Paolo, genitori di Alice e Agnese.

 

Ringraziamo l'associazione CiaoLapo Onlus

Articoli correlati (da tag)

  • Bambini e diabete: diretta streaming 16/5 Bambini e diabete: diretta streaming 16/5

     Bambinie diabete: #5azioni per educare e supportare.

  • Emergency: aiutiamo tutti a diventare liberi e uguali Emergency: aiutiamo tutti a diventare liberi e uguali

    Cosa fa Emergency?

    Se ti fai male o sei malato sai che puoi andare dal medico che ti dara' le medicine e le cure che servono.
    Non in tutti i posti esistono i dottori, le medicine o gli ospedali.
    In quei posti, bambini come te rischiano di non essere curati anche se ne hanno bisogno.
    Emergency esiste perché nel mondo tutti possano avere le cure fondamentali e necessarie

  • "Vittoria per tutti": i bimbi del reparto oncologico sulla neve! "Vittoria per tutti": i bimbi del reparto oncologico sulla neve!

    Oggi si svolgerà a Bardonecchia “Vittoria per tutti”, una giornata sulla neve che ha l’obiettivo di far sperimentare a 16 bambini oncologici tra i 5 e i 10 anni seguiti presso il reparto di Onco-ematologia dell’Ospedale Infantile Regina Margherita esperienze e sensazioni nuove come scendere dalle piste da sci, farsi trainare da una muta di cani da slitta, cimentarsi con le attività circensi ed esprimere attraverso il gioco e il disegno le loro emozioni.

    Una bellissima giornata sulla neve organizzata per i bambini dell'Ospedale di Torino Regina Margherita che, grazie all'Associazione Progetto Davide (APD), alla Fondazione Paideia onlus e all'Unione Genitori Italiani onlus, potranno vivere un'esperienza unica a contatto con la neve

  • La tragedia della morte perinatale La tragedia della morte perinatale

    Oggi dedichiamo uno spazio di informazione al tema della perdita in gravidanza e dopo il parto, un tema delicato che coinvolge i genitori e che grazie all'associazione CiaoLapo ha uno spazio dove potersi esprimere.

    ***

    CiaoLapo Onlus è un'associazione a carattere scientifico e assistenziale, composta da  genitori colpiti da lutto in gravidanza e dopo il parto e professionisti (medici, psicologi, ostetriche) impegnati nella ricerca sulla morte perinatale e nel sostegno psicologico ai familiari in lutto.

  • I pediatri raccomandano di vaccinare solo i bambini a rischio I pediatri raccomandano di vaccinare solo i bambini a rischio

    Con piacere diamo diffusione al Comnunicato Stampa dell'associazione Culturale pediatri in cui si raccomanda di utilizzarre la vaccinazione influenzale solo per chi è a rischio complicanze per la presenza di malattie. Inoltre leggiamo con molto sollievo lo stop all'annunciata sperimentazione del vaccino sui lattanti con meno di 6 mesi. Come misure preventive per l'influenza i pediatri raccomandano il lavaggio delle mani, una buona igiene respiratoria e l'isolamento in casa volontario di chi contrae l'influenza.

    ***

    COMUNICATO STAMPA
    INFLUENZA STAGIONALE: l’ACP raccomanda di vaccinare solo chi è a rischio complicanze per la presenza di altre malattie o in condizioni di particolare vulnerabilità.

Aggiungi commento


Commenti   

Barbara_Siliquini
0 # Barbara_Siliquini 2012-02-02 07:44
Che bellissima testimonianza, grazie davvero Lucia!

Quando in gravidanza si scopre che qualcosa non è come dovrebbe, parte la mamcchina dei controlli, delle diagnosi, etc... mi chiedo se abbia davvero un senso, perchè questo fa piombare la coppia in un vortice di ansia continua, perche' ogni esame porta un esito che puo' non essere quello voluto...

Io ho sperimentato la scoperta di aver contratto la toxo in gravidanza. Il rischio era di avere una bambina con gravissime malformazioni.
Mia figlia per fortuna e' un fiore, sana e bella. Ma ricordo che dopo un primo consulto medico alla fine decisi che nn avrei seguito le indicazioni ai controlli che mi proponevano, che tanto nulla avrebbero potuto per prevenire, e cercammo di vivere la gravidanza nel modo piu' positivo possibile e poi di partorire in casa.
SOno sempre molto grata a me stessa per aver trovato la forza di questa scelta, cioe' di non fare i controlli che mi proponevano, che tanto non avevano uno scopo curativo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
laura
+2 # laura 2012-02-02 09:18
E' una testimonianza che tocca il cuore e la mente,oltre alla commozione è di una realtà sconvolgente.In maniera diversa perchè io ho conosciuto mia figlia e ho condiviso la sua vita per 5 anni,anche io ho una primogenita invisibile,tutt o vero ,la gravidanza del secondo genito vissuta diversamente,le persone che dimenticano,mi sento di abbracciarti cara mamma con la consapevolezza che i nostri figli continuano a vivere....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
LAURA
0 # LAURA 2012-02-23 14:34
CARI LUCIA E PAOLO,
MI CHIAMO LAURA LEGGERE LA VS STORIA MI HA FATTO TORNARE INDIETRO DI DUE ANNI,ANCHE IO E MIO MARITO PURTROPPO ABBIAMO PROVATO IL DOLORE DI PERDERE IL PROPRIO FIGLIO...
ANCHE LA NS E' STATA UNA GRAVIDANZA T CERCATA E DESIDERATA E FATICATA
ANCHE NOI SEMBRAVA ANDASSE TT BENE FINO A QUEL FATIDICO 15 MARZO 2010 VISITA MORFOLOGICA RESPONSO IL MIO PICCOLO ANGELO DI NOME SIMONE NN AVEVA META' CUORE E NN CE L'AVREBBE MAI F
FATTA A VIVERE,CS ALL'OSPEDALE MI HANNO FATTO L'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA E DOPO UNA SETTIMANA DI FLEBO E GEL HO PARTORITO IL MIO ANGELO.
E' UN DOLORE IMMENSO TI SEMBRA DI NN RESPIRARE PIU' VORRESTI URLARE MA IL DOLORE E' TROPPO GRANDE E NEMMENO LE URLA BASTEREBBERO A RIEMPIRE QUELLA VORAGGINE CHE CI SI SENTE NEL CUORE.
GRAZIE CMQ AL MIO FORTE ANIMO ALLA MIA GRANDE PASSIONE DI CUCIRE E ALLA MIA FAMIGLIA MI SONO TIRATA SU E ORA SONO MAMMA DI GIULIA DI SL 3 MESI.
CERTO QST GRAVIDANZA NN LO VISSUTA NELLA SPENSIERATEZZA CHE SI DOVREBBE PROVARE, QST ESPERIENZE TI CAMBIANO LA VITA.

LAURA MARIN
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Barbara Siliquini
0 # Barbara Siliquini 2012-02-23 15:02
Grazie Laura Marin per questa tua condivisione, bs
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.