La scienza scopre che il bambino ha bisogno della mamma

“E se fosse vero…?

Che il sistema immunitario del neonato può essere indebolito quando il parto si distanzia troppo dalla fisiologia?
Che l’ossitocina sintetica spesso utilizzata durante il travaglio, potrebbe arrivare anche al cervello del nascituro e alterare la sua capacità di produrre gli “ormoni dell’amore”?


Che alcune forme di medicalizzazione della nascita aumentano il rischio di autismo, anoressia nervosa, obesità, iperattività, comportamenti violenti o autodistruttivi come il suicidio giovanile?

Negli ultimi decenni i progressi tecnici hanno favorito la medicalizzazione del parto, le evidenze scientifiche invece dimostrano sempre più chiaramente che conviene favorire la fisiologia della nascita per non interferire con la salute e l’equilibrio psico-fisico della persona.

In altre parole, e sembra un paradosso, dopo millenni di interferenze culturali nel processo del parto, la scienza sta scoprendo che… il bambino ha bisogno della mamma (e la mamma del bambino), così come è previsto dalla fisiologia.

Lo rivela lo studio dei meccanismi immunologici, neuro-psico-endocrinologici ed epigenetici del periodo primale (gravidanza, parto e primo anno di vita). Se l’incomprensione di questi fenomeni porta a un eccesso di medicalizzazione (quando non è necessaria), disturbando il processo fisiologico in buona parte delle nascite, si rischia di alterare negli individui la capacità di produrre gli ormoni naturali dell’empatia e della socievolezza (soprattutto ossitocina e endorfine). E allora, per favorire la “capacità di amare” e di rispettare se stessi e gli altri, non basteranno certo gli spray nasali all’ossitocina… Che tipo di società stiamo preparando per le generazioni future?

Vanno ben oltre i limiti dell’ostetricia, gli inquietanti interrogativi (o scomode verità) posti da uno dei massimi esperti mondiali nel campo della nascita, il chirurgo e ricercatore Michel Odent.

Ha più di 50 anni di esperienza in ostetricia ed è stato il primo a creare un ambiente intimo e libero per le sale travaglio e a introdurre le vasche per il rilassamento. È autore di 14 libri divulgativi e più di 100 articoli pubblicati su riviste scientifiche autorevoli.

Ecco un'intervista rilasciata a Genitori Channel sulla differenza tra ossitocina sintetica e ossitocina naturale durante il parto

Presto in Ticino (Svizzera) a un'ora da Milano l’eccezionale opportunità di ascoltare il dottor Michel Odent e di confrontarsi con la sua proposta di basarsi sulle evidenze scientifiche per operare un cambio di paradigma nel campo della nascita.

 

Michel Odent il 31 maggio 2013 sarà a Lugano-Trevano (Aula magna SUPSI) per una conferenza pubblica.
L’1 e 2 giugno 2013 sarà all’ospedale San Giovanni di Bellinzona per un seminario organizzato dall’Associazione Nascere Bene Ticino, dalla Federazione Svizzera delle Levatrici (TI) e dal Cerchio delle doule (S.I.), in collaborazione con il servizio formazione dell’EOC-EOFORM.

Per informazioni più dettagliate e iscrizioni: www.nascerebene.ch

Per fotografie, informazioni supplementari o eventuali interviste con il dott. Odent, potete rivolgervi a:

Delta Geiler Caroli, 076 616 86 40
Associazione Nascere Bene Ticino: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Immagine: Texturl su flickr

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.