Come avete visto nel nostro articolo Tutti uniti per l’allattamento dall’Italia agli Stati Uniti, parte un'iniziativa intercontinentale con l'obiettivo di sponsorizzare e parlare dell'allattamento nei luoghi pubblici, perché è importantissimo rendere quotidiana e 'normale' la scena di una mamma che allatta.

Allattare in pubblico è un gesto di dirompente positività: rafforza l'orgoglio e la percezione che una neomamma ha delle proprie facoltà di azione, le permette di muoversi con più facilità e di godere di una ricca vita sociale. Tutti straordinari antidoti al senso di esclusione, isolamento e depressione a cui molte donne vanno incontro nel post-parto. Vorremmo vedere tante mamme che allattano i bimbi: sui tram, al parco, nel ristorante, in coda alla posta... perché è bello abituare tutti ad un gesto d’amore!

Noi abbiamo dato il via con "Semplicemente Ciuccio", le foto sull'allattamento in luogo pubblico (imperdibili!).

Ta-Daaa!!!!

La giuria del concorso fotografico Semplicemente Ciuccio si è espressa......

E' stata durissima, perchè le foto sono davvero splendide e c'era l'imbarazzo della scelta, ma ora il dado è tratto: abbiamo i vincitori!

ECCO LE 3 FOTO SCELTE:

 Arriva dagli Stati Uniti uno report dal titolo “Il nome di mio padre è: Donatore. Studio su giovani concepiti attraverso la donazione dello sperma" (My daddy's name is: Donor).

Lo studio mostra evidenze che fanno riflettere sulla vita adulta di

 

chi è stato concepito con una tecnica riproduttiva molto comune nel mondo, ormai da alcuni decenni, quella che in Italia chiamiamo  “fecondazione eterologa” e che nel nostro paese è vietata dalla legge 40/2004.

Alex
Piccola storia di un bimbo mai nato


E’ davvero una piccola storia quella di Alex, una vita lunga 11 settimane, ma soprattutto è la storia di sua madre e del vuoto in cui cadde dopo quelle 11 settimane.
Molti giorni ad immaginare, pensare, progettare, gioire e poi, d’un tratto il buio. Improvviso, inspiegato, inevitabile, ineluttabile.
Quale sofferenza prova una donna che perde il suo bambino durante la gravidanza?
Rimane qualche cicatrice emotiva dopo un’aborto spontaneo?

 

Genitori Channel goes international ;-), fatelo anche voi!

Tutti uniti per l’allattamento dall’Italia agli Stati Uniti, parte un gemellaggio con le americane Code Name: Mama (ovvero- nome in codice: mami) e Baby Dust Diaries, in collaborazione con la farmacia Pozzi Dottor Publio, di Bassano del Grappa, da sempre impegnata su questi temi, per sostenere l’allattamento al seno nei luoghi pubblici.

 

"Mentre sto facendo pranzo, la donna nel tavolo affianco al mio si mette ad allattare la figlia senza coprirsi, poi mette la bambina sul tavolo e la cambia"

questo il messaggio della modella di Play Boy Kim Kardashian su Twitter, e poi ancora

"Anche mia sorella allatta! E' una cosa bella e naturale, non c'e' niente di male, ma lei si copre, non con le tette in bella mostra!"

sempre su Twitter.

La gravidanza e la nascita di un bambino costituiscono momenti fondamentali per la salute della mamma, del bambino e dell’intero nucleo familiare. In generale la donna crea intorno a sé un ambiente favorevole perché questi momenti contribuiscano ad essere i più idonei allo sviluppo del bambino.

 

Ospitiamo questa testimonianza di una mamma che svela come a volte le manifestazioni dedicate all'infanzia in realtà sono gestite ed organizzate da chi di infanzia si intende ben poco, e quindi finisce per incappare in qualche svarione spiacevole per chi partecipa alla fiera.

 

Con molto piacere vi comunichiamo i membri della giuria che avrà l'arduo compito di selezionare le tre migliori foto nell'ambito dell'iniziativa Semplicemente Ciuccio!

 

In questo periodo abbiamo sentito parlare di trattamento sanitario obbligatorio per le madri a rischio di depressione post partum, di un ministro donna che trova che tornare al lavoro sia un dovere, stare con i propri figli neonati un privilegio trascurabile, c'è il problema della società che invecchia perchè non si fanno più figli da un lato del mondo, mentre dal lato opposto ce ne sono troppi, c'e' chi incita a non fare piu' figli, e chi afferma che le madri siano schiavizzate dai figli scimpanzè e provino il desiderio di sfuggire ai figli, che

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.