Da quando mi sono avvicinata alle community di mamme in giro per il web ho capito che se c'è un argomento che trasforma immediatamente un post in un "flame" (un post infiammato!) è proprio l'omeopatia. Si creano immediatamente due fazioni opposte, quelli che difendono a spada tratta l'utilizzo dei rimedi omeopatici in qualsiasi situazione e quelli che al contrario sbeffeggiano i primi tirando in ballo l'effetto placebo e la mancanza di studi scientifici.
Io ho sempre pensato che più strumenti si hanno a disposizione in generale, meglio e più velocemente si possono trovare soluzioni ai problemi. Per questo mi incuriosisco sempre molto delle cose che trovo in rete o nei libri e credo che conoscere e sperimentare sia la prima regola per essere maggiormente liberi di scegliere.

Quando arrivano i figli la vita si trasforma, per me con loro è arrivato il bisogno di avvicinarmi ad una medicina che guardasse alle manifestazione del loro corpo come qualcosa da comprendere, non semplicemente da arginare.

Quasi per istinto, mi affidai ad una pediatra omeopata... non sapevo bene cosa fosse l'omeopatia, ma capii subito che c'era una differenza sostanziale nell'approccio della pediatra omeopata, rispetto a quella della asl (che seguiva la medicina tradizionale).

Il burro di karitè è uno di quei doni divini, un po' come l'aloe, disponibile in natura allo stato selvaggio, ha proprietà anti-infiammatorie, anti-batteriche, offre protezione alla pelle, cura le piccole abrasioni, previene e riduce le rughe, nutre... 

Io l'ho scoperto grazie al dono di un'amica, in un periodo in cui avevo un problema di pelle drammatico, con delle esfoliazioni che mi davano un bruciore pazzesco e fissuravano la pelle da per tutto, dal viso, alle parti intime, ai gomiti... l'unica cosa che mi dava sollievo era spalmare questo strano burro denso che mi aveva portato. Poi il problema è passato (soprattutto quando è passato lo stress che l'aveva ingenerato credo) e il burro di karitè ha avuto la sua parte.

Ora che siamo tutti in partenza per le vacanze, tra le cose da non dimenticare a casa, c'è una borsina con tutto il necessario nel caso di piccoli malanni o problemi di salute.

Dai suggerimenti delle mamme emerge questo elenco di base:

Cosa c’è di meglio di una giornata di mare e di sole tutti insieme? O una bella camminata tra i monti, a godere del fresco e dei profumi del bosco?
Nulla!

I rischi per la pelle dei più piccoli, però sono elevati.
I bambini, infatti, hanno un’epidermide molto delicata che va protetta con solari dedicati ad alta protezione.

Quali rimedi portare sempre con sè ora che iniziano le vacanze brevi e lunghe? Quando diventi mamma spesso ti si apre il mondo dei rimedi naturali, perchè tu diventi il punto di riferimento dei bambini quando hanno qualsiasi dolore, dolorino, male forte... e si sa, i bimbi di frequente (specie se ne hai più di uno) lamentano il mal di pancia, il mal d'orecchie, la tosse, un arrossamento, una puntura di insetto, un ditino scottato, la schiena arrossata dal sole....

Così, dopo i primi tempi, e il primo figlio, in cui ricorri al pediatra perfino per i consigli sul cibo da dargli, quando passa il tempo o diventi bis - tris o quadris e più mamma, sfoggi una borsetta di sostanze salvifiche degna di un alchimista.

Oggi vorrei condividere con voi il contenuto della mia borsina dei "rimedi della mamma", che porto sempre in vacanza e ho sempre con me... Non sono un medico, quindi questi sono rimedi che ho scoperto confrontandomi con medici o altre mamme e che ho testato personalmente. Dunque il primo ingrediente, come sempre. è il buonsenso!

I Fiori Californiani estendono i Fiori di Bach, che sono delle essenze, che si assumono in gocce, si ottengono utilizzanto l'energia di fiori particolari usando il metodo della solarizzazione, i Fiori Californiani, come i Fiori di Bach sono adatti a "curare" gli stati di disagio emotivo, che possono anche portare a disagi fisici. 

Rispetto ai fiori di Bach, quelli californiani lavorano su problematiche specifiche più moderne e attuali e che al tempo in cui Bach è vissuto non erano così preponderanti o non se ne parlava ancora come oggi: l'anoressia e la bulimia, i disturbi sessuali, le malattie derivate dall'inquinamento ambientale.

La loro indicazione può aiutare grandi e bambini a superare momenti difficili: la separazione, gli incubi, il conflitto madre - figlio o padre - figlio, la scarsa concentrazione, l'iperattività...

Sotto potete trovare, forse, il fiore adatto a voi, o a questo momento della vita vostra e dei vostri figli.

E' possibile creare delle essenze composite unendo Fiori di Bach e Californiani, così come essenze di altri repertori floriterapici di altre parti del mondo.

Quali sono i rimedi naturali che possono aiutarci in gravidanza quando abbiamo acidità e pesantezza di stomaco?

L'apertura delle scuole a settembre segna anche l'apertura della stagione influenzale ma è proprio in questi mesi più freddi che i bambini si ammalano maggiormente. Abbiamo già parlato della funzione della febbre, vediamo invece come alleviare o risolvere gli altri classici sintomi influenzali che spesso ci troviamo ad affrontare con i nostri figli, in maniera naturale. Questi sono "rimedi della nonna", così come si consigliano tra mamme, quindi date loro il valore di una condivisione tra mamme (certamente non di un consulto medico!).

Fastidiose, irritanti, onnipresenti, è cominciata la stagione delle zanzare!

Quale mamma non fa di tutto per proteggere il proprio bambino dalle odiose punture?
Attenzione però che la soluzione non sia peggiore del problema … proviamo a dare un’occhiata consapevole (e non ;-) ) ai rimedi di cui avvalerci.

Per cominciare mi sento di suggerire molta cautela nella valutazione dei dispositivi commerciali più diffusi.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.