Stampa questa pagina

Esistono le botte a fin di bene?

By Novembre 19, 2012 Comments (2)

Siamo abituati a pensare che una sculaccata, un buffetto, una "sana sberla" siano appunto salutari, come nell'immagine di questo articolo che recita "Devi essere crudele per essere buono", ma se fossimo noi a ricevere un gesto del genere, non dato per scherzo, ma perchè "non abbiamo fatto le brave, o i bravi" come genitori, come persone, penseremmo che sia un modo efficace di portarci sulla retta via?

Leggiamo questo interessante contributo di Alice Miller, psicoanalista e ricercatrice nell'ambito dell'infanzia, ha scritto nuemrosi libri e articoli con l'intento di dimostrare che gli abusi sui bambini producono non solo bambini infelici e disturbati, adolescenti distruttivi e genitori maltrattanti, ma anche una società disturbata che funziona spesso in modo estremamente irrazionale.

 

Perché le sculacciate, gli schiaffi e altri tipi di botte, apparentemente inoffensivi, come gli schiaffetti sulle mani di un bambino, sono pericolosi?

  • Perché gli insegnano la violenza attraverso l’esempio che ne danno.
  • Perché distruggono la certezza di essere amato di cui il bambino ha un bisogno vitale.
  • Perché creano un’angoscia permanente: quella della prossima punizione.
  • Perché sono portatrici di una menzogna: pretendono di essere educative mentre, quando sono inferte, servono solo ai genitori per sbarazzarsi della loro collera. Picchiano perché sono stati picchiati da bambini.
  • Perché inducono alla collera e ad un desiderio di vendetta rimossi che si esprimeranno in un secondo momento.
  • Perché programmano il bambino ad accettare argomentazioni illogiche (ti faccio del male per il tuo bene) e le imprimono nel suo corpo.
  • Perché distruggono la sensibilità e l’empatia verso gli altri e verso sé stesso.



Quale lezione il bambino impara dalle punizioni corporali?

  •   Impara che un bambino non merita rispetto.
  •   Che si può apprendere bene attraverso le punizioni (– cosa falsa: in realtà le punizioni insegnano al bambino solo a voler punire a propria volta quando sarà giunto il suo momento).
  •   Che non bisogna sentire la sofferenza, che bisogna ignorarla, cosa deleteria per il suo sistema immunitario.
  •   Che la violenza fa parte dell’amore (insegnamento che può portare alla perversione).
  •   Che la negazione delle emozioni è salutare (ma sarà il corpo a pagare il prezzo di questo errore, spesso molto più tardi).
  •   Che non bisogna difendersi prima dell’età adulta.

Le tracce nocive delle cosiddette “botte date a fin di bene” restano impresse nella memoria corporea e non vengono più dimenticate.


Come ci si libera dalla collera rimossa?

Durante l’infanzia e l’adolescenza:

  1. Ci si burla dei più deboli.
  2. Si picchiano i propri compagni e compagne.
  3. Si umiliano le ragazze.
  4. Si aggrediscono gli insegnanti.
  5. Si vivono le emozioni proibite davanti alla televisione o ai videogiochi, identificandosi con gli eroi violenti (i bambini che non sono stati mai picchiati si interessano meno ai film crudeli e non produrranno dei film pieni di atrocità, una volta divenuti adulti).

Nell’età adulta:

Continua a leggere l'articolo su Nontogliermiilsoriso.org

Immagine HA! Designs - Artbyheather

Sculacciate a fin di bene

Questo articolo partecipa alla rassegna

Liberi di non picchiare

partecipa anche tu inserendo il banner sul tuo sito

Super User

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.