Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore - II parte

Peter Gray commenta il libro di Bruno Bettleheim.

Ho incontrato questo articolo di Peter Gray in una di quelle giornate in cui la mia autostima come genitore non era diciamo ai massimi livelli. Man mano che leggevo però qualcosa dentro di me cominciava a risollevarsi, alla fine dell'articolo avevo cambiato completamente umore e rimesso le cose del giusto ordine di priorità; gli ho subito chiesto autorizzazione a pubblicarlo in italiano e lui ha acconsentito felicemente...dedico questa traduzione a cura di GenitoriChannel a tutti i genitori "sufficientemente" bravi che conosco, a quelli che non sanno di esserlo e anche a quelli che non lo sono ma a cui basterebbe solo una pacca sulle spalle per poterlo diventare.

Data la lunghezza del testo originale l'articolo è diviso in due parti. Leggete la prima parte "Il genitore *sufficientemente* bravo è il migliore genitore" e poi continuate di seguito

***

I genitori sufficientemente buoni provvedono a fornire l'aiuto di cui i loro bambini hanno bisogno e vogliono, ma non più di quanto hanno bisogno o vogliono.

[Questa è l'osservazione che viene più da me, anche se ho il sospetto che Bettelheim sarebbe d'accordo.] I bambini vengono al mondo progettati dalla natura per voler fare da soli esattamente ciò che possono fare da soli. Questo è il modo in cui si muovono continuamente verso l'età adulta.
I genitori *sufficientemente* bravi capiscono questo concetto intuitivamente, in modo da permettere ai loro figli la libertà di rischiare e di fare per se stessi quello che possono, permettono ai figli di fare errori e di fallire, perché sanno che gli errori e i fallimenti sono inevitabili componenti di apprendimento.
Quando forniscono aiuto, lo fanno completando e sostenendo gli sforzi del bambino piuttosto che sostituendosi completamente a lui.

L'obiettivo è quello di consentire al bambino di fare di più da solo, per favorire lo sforzo del bambino verso l'indipendenza, non per interferire con esso.

Gli strumenti principali di una genitorialità sufficientemente buona sono: la riflessione consapevole, la maturità, e l'empatia.

I genitori *sufficientemente* bravi non seguono ciecamente i consigli degli "esperti" o le ultime mode genitoriali, e non sono eccessivamente preoccupati di come gli altri giudicano la loro genitorialità. Essi sono più propensi a cercare i consigli di amici e parenti che conoscono direttamente la famiglia piuttosto che quelli degli esperti che non conoscono la situazione.

Il loro scopo è quello di aiutare il loro bambino a raggiungere ciò che il bambino vuole e ha bisogno di raggiungere, non è quello di dimostrare al mondo che sono genitori meravigliosi o quello di proteggersi dalle critiche. Per sapere come sostenere meglio i loro figli, i genitori *sufficientemente* bravi si sforzano di capirli, e i principali strumenti per farlo sono la riflessione consapevole, la maturità (che include la pazienza), e l'empatia.

Come già detto, il rapporto genitore-figlio è in qualche modo sbilanciato e in altri modi non lo è. Il genitore è più consapevole, più in grado di capire le cose, più maturo rispetto al bambino. I bambini, che già si sentono insicuri, sarebbero molto più insicuri se sentissero che i loro genitori non sono competenti per affrontare i problemi della vita più di di quanto lo siano loro. La maturità conta.
I genitori *sufficientemnete* bravi sanno che devono andare oltre la metà perchè la relazione genitore-figlio funzioni.

E' compito del genitore capire il bambino; non è necessariamente compito del bambino capire il genitore.

Tutti i genitori sono stati bambini, così ricordando la loro infanzia possono capire i loro figli; ma i bambini non sono mai stati i genitori.
Ecco le parole di Bettelheim:

"I nostri ricordi della nostra infanzia ci renderanno pazienti e comprensivi; e nel momento in cui ci rendiamo conto che, nonostante l'ostinazione, nostro figlio soffre ora come noi abbiamo sofferto allora, quando riconosciamo in lui  tanto di come eravamo noi, in quel momento il nostro amore per lui farà ritorno... i genitori *sufficientemente* bravi si sforzano di valutare e rispondere a questioni sia dal loro punto di vista di adulti sia dal punto di vista, ben diverso, del bambino, e si sforzano di basare le proprie azioni su una ragionevole integrazione dei due punti di vista, pur accettando che il bambino, a causa della sua immaturità, è in grado di capire le cose solo dal suo punto di vista... Così il genitore *sufficientemente* bravo, oltre ad essere convinto che qualunque cosa faccia il suo bambino lo fa perché in quel momento è convinto che questo è il meglio che possa fare, si chiede anche: 'Che cosa mai mi farebbe agire come il mio bambino agisce in questo momento? E se mi fossi sentito costretto ad agire in questo modo, cosa mi avrebbe fatto sentire meglio? '"

famiglia2 s


Non credo che Bettelheim sia del tutto corretto nella sua dichiarazione che i bambini possano capire solo i propri punti di vista. Ho visto anche bambini che sembrano avere notevoli intuizioni circa il funzionamento della mente dei genitori. Ma sono certamente d'accordo con lui che la comprensione del punto di vista dell'altro deve essere molto più una responsabilità del genitore che del bambino.

L'empatia è la chiave di ogni relazione di successo, e i genitori *sufficientemente* bravi devono sapere che sono loro a dover prendere l'iniziativa di essere empatici, perché è più facile per loro entrare nella mente del bambino che per il bambino entrare nella mente del genitore.
Ancora una volta, le parole di Bettelheim:

"L'empatia, così importante per la comprensione del bambino da parte dell'adulto, richiede di considerare l'altro come un pari, non per quanto riguarda la conoscenza, l'intelligenza, o esperienza, e certamente non nella maturità, ma per quanto riguarda i sentimenti che motivano tutti noi."

La comprensione da parte del genitore dei sentimenti del bambino, e il rispetto per questi sentimenti, è il primo passo per essere utile.

I genitori *sufficientemente* buoni sono convinti che la loro genitorialità *sufficientemente* buona è davvero buona a sufficienza

I genitori che si sentono sicuri circa la loro genitorialità saranno più calmi e pazienti, meno ansiosi nella loro genitorialità, e sapranno quindi fornire una maggior fonte di sicurezza per i loro figli, rispetto ai genitori che non si sentono così sicuri.
Nelle parole di Bettelheim:

"La sicurezza traballante del bambino dipende, come si sa bene, non dalle sue capacità di proteggere se stesso, ma dalla buona volontà degli altri. E' presa in prestito dalla sicurezza dei suoi genitori... Essere un genitore *sufficientemente* bravo richiede quindi che noi stessi siamo convinti di esserlo."


Verso la fine del libro, Bettelheim aggiunge:

"Anche se non siamo perfetti, siamo davvero genitori *sufficientemente* bravi se, per la maggior parte del tempo, amiamo i nostri figli e facciamo del nostro meglio per fare loro del bene. Questa saggezza, o verità, ci possono proteggere contro la follia di pensare che tutto ciò che un bambino fa, dipenda solo da noi. Molto di ciò che fa ha soprattutto a che fare con se stesso e solo indirettamente o perifericamente collegato con noi e con quello che noi facciamo"

Questo ultimo punto riguarda il valore dell'umiltà. I genitori *sufficientemente* bravi riconoscono che l'universo del bambino non ruota attorno ai genitori.

Le azioni dei nostri figli non sono motivate ​​primariamente dal desiderio di compiacerci o farci del male, ma per motivi che hanno a che fare con i loro tentativi di trovare il proprio posto nel mondo.

Se siamo genitori *sufficientemente* bravi, non prendiamo molto credito, nè tanto biasimo, per le azioni dei nostri figli; dobbiamo solo concentrarci sulla comprensione e aiutare quando il nostro aiuto è richiesto.

 

 Articolo tradotto dal blog di Peter Gray su www.psychologytoday.it

di Peter Gray
Ricercatore al Boston College, autore di Free to Learn : le sue ricerche e i suoi scritti si concentrano primariamente sulle modalità in cui i bambini imparano naturalmente e sul valore del gioco.

traduzione a cura di Barbara Motolese

 Immagini: Happy family e happiness father on shutterstock.com

Barbara Lamhita Motolese

Amo l'innovazione in tutti i campi, e come mamma mi sono scoperta innovativa facendo scelte del passato!
Vivere la mia genitorialità ricercando la coerenza con il mio sentire e con il mio pensiero, mi ha portato a esperienze poco comuni e molto felici: il parto in casa, il co-sleeping, il babywearing, e l'homeschooling... per citarne alcune.
Sono un'appassionata custode della nascita e una meditatrice assidua.
Ho dato vita a GenitoriChannel.it per coniugare la mia passione dei temi genitoriali con quella per il web.

Articoli correlati (da tag)

  • La comunicazione empatica e non violenta La comunicazione empatica e non violenta

    La Comunicazione NonViolenta (chiamata anche CNV o comunicazione empatica) è un processo di comunicazione assertiva sviluppato da Marshall Rosemberg a partire dagli anni '60 e  ci aiuta a esprimere il nostro sentire sospendendo il giudizio su di sè e sugli altri. Anche nella comunicazione con i nostri figli, piccoli o grandi che siano, possiamo mettere in pratica piccoli o grandi cambiamente che miglioreranno la relazione con loro .

    In questo articolo Luana De Falco, Mediatrice Relazionale e Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta, ci introduce a questo argomento portandoci anche qualche esempio pratico.

    Se vi interessa l'argomento, il 26 e 27 Maggio Luana sarà vicino a Torino con Maria Grazia Lia per un corso dedicato a "Homeschooling e comunicazione empatica", tutte le informazioni a fine articolo.

     ***

    Nel suo libro….”Le parole sono finestre (oppure muri)”, Marshall Rosenberg scrive:“ La CNV (Comunicazione NonViolenta) è un linguaggio di processo che scoraggia le generalizzazioni statiche….”.

    Ho voglia di dirvi tantissime cose sulla CNV, oggi ho pensato di condividere con voi questo passaggio, che ci parla di quanto la staticità nel pensiero e nel lessico, bloccano la possibilità di incontrarci. 

    Cos'è la CNV?

    Quando diciamo sei così, è giusto questo o quello, devi fare la tal cosa, non ci si comporta in questo modo, …. velocissimamente ci pietrifichiamo in una posizione (statica) e in questa staticità non c’è più spazio per un dialogo fluido, curioso, creativo.
    Quello che ci propone la Comunicazione NonViolenta è di appropriarci di un linguaggio in cui parliamo di come ci sentiamo noi, in relazione a quello che accade e portare la nostra curiosità per cosa prova l’altro.

    Usciamo dalla staticità dei luoghi comuni, di definizioni generiche, di convinzioni culturali e sociali, per parlare di cosa proviamo ed ha valore per noi, proprio in quel momento ed interessarci all’altro per quello che è vivo in lui.

    Mettiamo in scena una danza, un dialogo ricco di scambi, in cui non sentiamo più il bisogno di dimostrare, attaccare o difenderci ma spiccano la voglia di farci conoscere e la curiosità di conoscere.
    Ogni volta che appiccichiamo un etichetta o diamo un giudizio su qualcuno: “Sei pigro e svogliato” (o sei geniale) … o facciamo una profezia: “Non combinerai mai nulla, se continui così!” ci fissiamo in una posizione di distanza con altro, rigidità, a volte ostilità e risentimento, forse impotenza e rassegnazione e dall’altra parte potremmo incontrare vergogna, senso di colpa o rabbia e insofferenza… tutto questo ci allontana, non ci permette di vederci ed ascoltarci, potrebbe creare dei muri molto faticosi da tirar giù o oltrepassare.



     

    Cosa succede quando usiamo la CNV

    Quando ci liberiamo di questi macigni “culturali” e “abituali”, per sperimentare un linguaggio (Rosenberg… sostiene) “Naturale”, in cui parliamo delle nostre sensazioni e bisogni e ci incuriosiamo ai quelli dell’altro..

    “Sono un po’ preoccupata e inquieta nel vedere che non finisci la tua relazione, vorrei sentirmi tranquilla che ti stai prendendo cura dei tuoi progetti”

    ...e facciamo delle richieste chiare...

    “ti andrebbe di dirmi come ti senti a riguardo?”

    ...entriamo in un linguaggio che incoraggia lo scambio, l’apertura e l’incontro alla ricerca di soluzioni condivise.

    Quando impostiamo un linguaggio di questo tipo con i nostri figli, quello che si sviluppa è il desiderio di contribuire al benessere reciproco, poiché, invece di insegnare com’è “bene” comportarsi, a livello intellettuale…. accompagniamo i bambini nella scoperta di quanto e piacevole quando le nostre azioni contribuiscono a rendere la vita, nostra e altrui, più bella (meravigliosa).

    Questo lo facciamo affiancandoli con l’osservazione, notando insieme a loro quali sentimenti ed emozioni provano in relazione al loro agire e porgendogli i nostri con delicatezza.

     

    Un esempio di Comunicazione empatica

    Invece di dire:

    “Bravo, sei proprio un bravo bambino, è così che ci si comporta!”

    portandogli una valutazione dall’esterno, gli potremmo dire:

    “ ho visto che è spuntato un grande sorriso sulla tua bocca, quando hai sollevato Giacomo da terra e lui ti ha ringraziato ed abbracciato”

    Ci riferiamo a quello che è successo specificatamente e poi lo accompagnamo nell’esplorazione…

    “com’è stato per te?"

    …e gli potremmo anche parlare di noi..

    “io mi sono emozionata, ho provato gioia e leggerezza, mi piace quando vedo che vi sostenete tra di voi”

    .. e potremmo anche esprimere la nostra gratitudine e spiegare il perché..

    “grazie per questo tuo gesto, mi sento al sicuro e nella collaborazione quando ci penso”.

    Che ne dite? … Sì lo so, può sembrare complicato!… quello che ho scoperto io e che è una specie di droga, quando sto in questa qualità di dialogo, quando ci riesco… liberandomi da zavorre, convinzioni e smania di insegnamento e sto semplicemente lì, in quello che c’è in me e nell’altro, con tenerezza, stupore e gratitudine…. questo Nettare è talmente Buono ( Come dice il mio caro amico Eduardo Montoya) che non vedi l’ora di assaggiarne ancora un po’.



     

    Corso Homeschooling e comunicazione empatica, Pino Torinese (To), 26 e 27 Maggio 2018

    L'homeschooling è una strada possibile per la vostra famiglia?
    Per partire con consapevolezza e con le informazioni efficaci. Maria Grazia Lia e Luana De Falco, due mamme homeschoolers, conduranno questo intenso fine settimana attraverso testimonianze, decreti legislativi, vari stili e approcci, verso quella che potrà essere la strada percorribile della vostra famiglia.
    Inoltre verranno condivisi gli strumenti per una comunicazione che arriva dal cuore.

    Per tutte le informazioni consultate l'evento su Facebook

    31282235 1735726356510376 1705750629588140032 o

     


    di Luana De Falco
    Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta
    Mediatrice Relazionale

     

    Credit immagine principale: Side view of handsome father...stock photo di George Rudy su Shutterstock

  • Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore

    Peter Gray commenta il libro di Bruno Bettleheim.

  • Il ruolo del papà nella crescita dei figli Il ruolo del papà nella crescita dei figli

    Quando parliamo del ruolo paterno, è importante tenere conto del contesto sociale in cui viviamo e dei profondi cambiamenti che lo hanno prodotto.

    Negli ultimi decenni abbiamo assistito infatti alla caduta della figura del padre autoritario e distanziante, un tempo detentore delle regole e unico sostegno economico.

  • Né rospo, né principessa: educare i figli all’autostima Né rospo, né principessa: educare i figli all’autostima

    Educare all'autostima, significa aiutare i propri figli ad amarsi e a credere in se stessi.

    L’autostima di una persona si differenzia dal "concetto di sé".
    Il Concetto di sé è la costellazione di elementi a cui una persona fa riferimento per descrivere se stessa, mentre l’autostima è la valutazione circa le informazioni contenute nel concetto di sé; deriva dai sentimenti che una persona ha nei confronti di se stessa in senso globale.

    L’autostima si misura dal divario fra

  • Creare con i bambini: la falegnameria Creare con i bambini: la falegnameria

    Un laboratorio mobile per bimbi dai 3 ai 12 anni per praticare la falegnameria di Gino Chabod. Un modo per sviluppare la manualità e la creatività e per riscoprire che giochi e oggetti utili possiamo anche costruirceli da noi.

     

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.