Coltivare la passione per la lettura

Coltivare la passione per la lettura

I libri sono il passaporto della mente.

Noleggiare passeggini e seggiolini in vacanza

Noleggiare passeggini e seggiolini in vacanza

E' nato un servizio di noleggio che recapita lettini e passeggini e altri prodotti dove vuoi tu.

Martedì, 05 Aprile 2011 08:02

Il diritto dei nonni di vedere i nipoti

Nonni e nipoti Nonni e nipoti di Stacie Andrea www.sxc.hu

Quanto siano importanti i nonni nella vita dei nipoti (e dei loro genitori)  e quanto rilevante possa essere il loro ruolo sia affettivo che educativo è un dato noto e ampiamente condiviso. Ma cosa succede quando interviene una separazione o quando si litiga e magari si cerca di impedire ai nonni di avere un rapporto con il bambino? I nonni hanno dei diritti? Lo chiediamo a Eleonora Georgiacodis, mamma e avvocato civilista, che si occupa prevalentemente di diritto di famiglia, delle persone e dei minori.


Eleonora, capita che si litighi anche sui rapporti dei figli con i nonni?

Purtroppo sì. In effetti in genere è in occasione delle crisi familiari che il tema emerge, quando accade  che uno dei due genitori assume un atteggiamento ostacolante nei confronti dei parenti,  e dei nonni in primis, facenti parte della famiglia d’origine dell’altro genitore. Ciò si manifesta in molti modi, attraverso critiche continue, diffidenza, accuse di eccessiva indulgenza o severità, sfiducia nelle capacità di accudimento dei piccoli, timori di ingerenze, divergenze educative e di visione della vita che diventano motivo per limitare i rapporti con i nonni (o anche con zii e cuginetti). Atteggiamenti e umori che nella realtà dei fatti non è detto non sussistano quando la famiglia è unita, ma che quando la crisi del nucleo familiare esplode diventano problematici. L’ostilità e l’impedimento della relazione con nonni e cuginetti sono spesso, infatti, strumentali  al conflitto in essere tra gli adulti.

Esistono delle norme che regolano il rapporto dei nonni con il bambino?

Nel nostro ordinamento non vi è una disciplina specifica e sistematica della relazione nonni-nipoti, vi sono diverse norme che riguardano aspetti di natura prevalentemente patrimoniale o le ipotesi di assenza o incapacità dei genitori. Il mantenimento non è un dovere diretto dei nonni, i quali però hanno il dovere di “fornire ai genitori stessi i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli”(art. 148 cc.) quando i genitori non hanno i mezzi sufficienti per mantenere i figli. I compiti educativi, di cura, istruzione ed educazione sono per legge interamente demandati ai genitori.
Tuttavia, da tempo la giurisprudenza in varie occasioni ha riconosciuto anche il valore rilevante sia affettivo che educativo del rapporto nonni – nipoti che va oltre quello patrimoniale, e ha affermato in via generale che “l’interruzione dei rapporti fondati su tale legame familiare può trovare giustificazione solo in presenza di gravi e comprovate ragioni” (Cass. 1998 n. 9606). Quindi esiste il principio secondo il quale un corretto esercizio della potestà genitoriale non può comportare un divieto dei rapporti nonni – nipoti senza ragioni serie e provate.

Quindi i nonni hanno degli strumenti legali per ottenere un rapporto negato con i nipoti?

Ricordiamoci sempre che l’obiettivo non è la tutela del diritto dei nonni, ma la tutela del diritto del bambino, minorenne, ad avere rapporti con i suoi familiari. Il diritto del bambino può essere fatto valere dai nonni, gli zii, etc.
I nonni possono rivolgersi al Tribunale per i Minorenni (art. 333 e 336 c.c.), quando l’atteggiamento di ostilità e di chiusura nei loro confronti è così grave da concretizzare un vero e proprio pregiudizio per il bambino. Si tratta di una norma che vale sempre, non solo nel momento dello scioglimento della coppia.
La legge sull’affidamento condiviso (l. n. 54/2006) ha esplicitato in modo nuovo la rilevanza giuridica della relazione nonni-nipoti.  L’art. 155 del codice civile infatti ora dice: “Anche in caso di separazione personale dei genitori il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti (ndr. i nonni) e con i parenti di ciascun ramo genitoriale”. Tale norma si applica anche ai figli dei genitori non coniugati, le cd. coppie di fatto o conviventi, oltre che in caso di divorzio o di dichiarazione di nullità del matrimonio.
E’ una norma a tutela del figlio minore il quale ha diritto alla continuità delle relazioni con i nonni, con gli zii, con i cugini, da parte di ciascun genitore. Viene data piena rilevanza allo sviluppo della personalità del minore e alla tutela della continuità delle relazioni parentali significative, nel rispetto della sua crescita e della sua persona. Diritto che assume particolare rilievo in concomitanza con la disciplina della crisi familiare e la cui osservanza si ritiene implicita nella famiglia unita, anche se non sempre lo è.

Quindi i figli devono essere messi nelle condizioni di avere un rapporto con i nonni, se sono abituati ad averlo, sia in caso di separazione che in caso di semplici liti genitori-suoceri… E i nonni hanno voce in capitolo in caso di separazione?

La Corte di Cassazione  ha espresso il seguente principio “I nonni hanno il diritto di vedere i nipoti, ma non di intervenire nel giudizio di separazione, anche quando lamentano che malgrado sia stato disposto l’affidamento condiviso la nuora impedisca loro di mantenere rapporti con i piccoli.” E aggiunge che, semmai è il giudice a preoccuparsi che non sia leso “il diritto dei minori, figli di coniugi separati, di conservare rapporti significativi con gli ascendenti (i nonni) ed i parenti di ciascun ramo genitoriale” con eventuali opportuni provvedimenti.
In sostanza si riconosce meritevole di tutela il diritto alla relazione nonni-nipoti solo in quanto questo coincida con la tutela del diritto del minore.

E tu, nella tua personale esperienza trovi che l’attuale ordinamento tuteli opportunamente il diritto alla relazione nonni nipoti o si potrebbe, ad esempio, dare ai nonni la possibilità di intervenire di più?

Credo che se fosse riconosciuta ai nonni la  facoltà di chiedere al giudice che sia riconosciuta e disciplinata la propria possibilità di contatto con i nipoti, questo finirebbe per fare aumentare i conflitti in modo esponenziale, in un settore dove è necessario semplificare e ridurre i temi del contenzioso; si amplierebbero inutilmente le ragioni di conflitto, con il rischio di azioni finalizzate a soddisfare ragioni personali dei familiari sotto le finte vesti della tutela dell’interesse del bambini. Già in situazioni poco complicate e quotidiane si assiste al caso di nonni abituati ad ingerirsi troppo nella vita del figlio o della figlia (e di conseguenza dei nipoti) , immaginiamo cosa accadrebbe in situazioni di separazione o divorzio…

Quindi, in conclusione, il rispetto del diritto del bambino alla continuità delle relazioni affettive con nonni e con gli altri parenti è un dovere dei genitori?

Certamente, ai genitori la legge richiede l’impegno concreto a preservare tali relazioni e a non pregiudicare i legami affettivi dei figli. Si tratta di un principio importante che va oltre l’affermazione dei tradizionali doveri facenti capo ai genitori, di natura principalmente patrimoniale (mantenimento, educazione, istruzione), in quanto si riferisce ad un diritto di natura esistenziale, un diritto alle relazioni, il che implica in capo agli adulti delle prestazioni di natura personale e dei doveri di rispetto del bambino in un aspetto essenziale della sua vita, ovvero quello delle relazioni affettive. 


Eleonora Georgiacodis
avvocato del Foro di Milano

Video

Aggiungi commento


Commenti   

+2 # gianni milella 2011-08-30 17:00
....e se muore uno dei due genitori può l'altro negare ai nonni(del genitore morto) di vedere il bambino facendo seguire il bambino dalla nuova compagna (con ancora nessun vincolo legale) o dalla figlia di questa (15 anni)???
A chi bisogna rivolgersi????
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Avv. E. Georgiacodis 2011-09-13 10:17
In via generale, l’atteggiamento del genitore che neghi ai nonni (del genitore defunto) di vedere i nipoti non rispetta il diritto alla continuità delle relazioni parentali dei minori; in tale caso i nonni potranno rivolgersi al Tribunale per i Minorenni del luogo di residenza del minore e proporre un ricorso ai sensi dell’art. 333 del codice civile, affinché venga esaminata la situazione e vengano presi gli opportuni provvedimenti nell’interesse del minore e del suo benessere.

Avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # marco 2012-05-22 20:31
una giovane mamma vedova con un bimbo piccolo ha l'obbligo difar vedere il figlio alla nonna paterna anche se in passato la nonna non ha mai avuto importanti rapporti con il nipote (sporadici... una due volte al mese)?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Avv. E Georgiacodis 2012-05-24 07:15
Il diritto del minore a conservare e sviluppare relazioni parentali con le famiglie di entrambi i genitori e' valido sempre, non solo in caso di rottura della relazione di coppia tra i genitori per separazione, quindi anche nel caso in cui uno dei due sia deceduto.

E' un diritto che rientra nella tutela dello sviluppo della personalita' del minore e delle sue esigenze di crescita.

La madre vedova ha un obbligo di preservare i rapporti con la nonna paterna ( madre del genitore deceduto) in tanto in quanto, come genitore, ha il dovere di preservare le relazioni parentali del figlio, poiché rientra in un corretto esercizio della potestà genitoriale, a meno che non vi siano seri e fondati motivi per non farlo, sempre nell' interesse del minore.

Cio' vale in via generale, anche se il bambino e' piccolo e non ha per il momento sviluppato una vera e propria relazione con la nonna che ha sempre visto poco.

Avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # federica 2012-06-12 07:03
e nel caso in cui entrambi i genitori non separati di comune accordo reputino dannoso per il figlio il rapporto con i genitori di uno dei due, nonchè il bambino non abbia interesse e rifiuti il rapporto con i nonni questi ultimi hanno ugualmente qualche diritto a riguardo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2012-06-12 14:40
Il diritto di cui si sta parlando è sempre unicamente un diritto del minore, di cui i genitori sono i "custodi", attravreso l'esercizio della responsabilità genitoriale.Se i due genitori non separati, di comune accordo, reputano dannoso il rapporto del figlio minore con i nonni, ciò rientra nel corretto esercizio dei loro doveri genitoriali. I nonni, di per sè non hanno nessun diritto proprio, potranno solo rivolgersi al Tribunale per i Minorenni, che potrà valutare se, nel caso concreto, è davvero contrario all'interesse del minore l'atteggiamento dei genitori eventualmente ostacolante dei loro rapporti con il bambino.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Mafalda 2012-07-30 09:41
Ciao a tutti, non è sempre facile, ci si aspetta che i nonni possano fare bene alla crescita emotiva di un bambino, ma purtroppo non è sempre così, da mia esperienza personale , mia suocera ha dei valori un tantino strani, le amicizie si coltivano solo se servono, e poi se non sono + utili le scarichiamo, sei importante solo se hai soldi altrimenti non conti nulla,la cosa importante è solo l'interesse personale, se stai bene tu non importa il resto. Giusto un assaggio del suo modo di pensare e di essere. Ho avuto molti scontri con lei, ora cerco di evitarla. Non sono separata, e ho deciso che quando mio marito va da lei con i bambini io evito per non creare motivo di liti, che anche non volendo si riperquotono sul nostro rapporto. Ma vi assicuro che non è facile quando loro sono la ho sempre un nodo allo stomaco che mi uccide. Pensate che 5 anni fa, quando i bambini erano + piccoli (4/6) mi fece inviare una lettera dall'avocato, voleva vederli da sola (senza di me e si suo figlio), diceva che la nostra presenza "infastidiva" il suo rapporto con loro. Per fortuna non ha potuto fare nulla, anche perchè noi non le impedivamo di vederli, ma solo volevamo essere presenti. Ora che sono cresciuti confido negli insegnamenti dati, e spero che la nonna non faccia troppi danni. Comunque una cosa positiva c'è, su 4 nonni 3 sono ok.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara Siliquini 2012-07-30 10:08
Gulp Mafalda...
comunque bisogna confidare nella capacita' dei nostri bambini di percepire da soli cosa e' giusto e cosa no... è vero che sono delle spugne, ma e' anche vero che crescendo si matura una propria visione critica delle cose...
In bocca al lupo,
bs
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # nonno marpi 2012-08-23 18:06
Il ruolo dei nonni è fondamentale, soprattutto come ponte con il passato, le tradizioni, le consuetudini: LE RADICI.
Lo strumento principe del nonno è la narrazione di fatti di cui è stato testimone, di vicende a lui tramandate e di creazioni fantastiche (come sto tentando di fare con le mie favole) intorno alle regole e alle buone abitudini.
Tutto ciò è fondamentale sul piano educativo, ma ha successo solo se è accompagnato da un percorso umano fatto di autorevolezza e di consenso.
Se si pone la questione sul piano del diritto legale, si parte con il piede sbagliato, perché si cerca di stabilire tra contendenti chi ha torto e chi ha ragione. A questo punto hanno torto tutti a prescindere, perché generano nel minore un conflitto emotivo: la necessità di scegliere tra persone care diventa lacerante.
A mio parere gli adulti hanno il dovere, anche in caso di divorzio o di incompatibilità , di riconoscere l'importanza dei rispettivi ruoli davanti al minore. Anche in caso di abbandono o di fuga di uno dei genitori, è utile tentare di trovare con il minore il modo per non distruggerne l'immagine.
Purtroppo questo è l'errore più diffuso e il divieto di vedere i nonni ne è una conseguenza: si ha paura che questi possano smentire la versione del genitore affidatario.
Bisognerebbe avere la lucidità di pensare che il minore sa di avere in sé una parte delle caratteristiche di entrambi i genitori e che qualsiasi attacco ad uno di essi può portarlo a temere di avere quegli stessi difetti.
Sono convinto che per il bene del minore sia utile salvaguardare l'immagine di tutte le figure parentali: questo atteggiamento può servire anche per smussare i contrasti e abbattere le barriere.
Un nonno o un genitore che si vede allontanato dal minore, prima di ricorrere alle vie legali, dovrebbe farsi un buon esame di coscienza per capire il perché e cercare un accomodamento: l'unica strada utile al minore è un accordo tra le parti.
Con le vie legali si può cercare un "minor danno", ma la frittata è comunque fatta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara Siliquini 2012-08-28 14:39
Nonno Marpi, hai proprio ragione... le vie legali difficilmente sono una soluzione che porta serenità.
Il fatto e' che a volte l'irragionevole zza prevale sul buonsenso, e si arriva alle vessazioni e ci rimettono tutti: nonni, bambini e genitori...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Vale 2012-09-29 16:41
Salve, ho fatto un figlio con la mia ragazza e abbiamo convissuto per 1 anno. Adesso ci siamo lasciati e lei è tornata a casa dai suoi genitori. La mia ex lavora Partime e in quelle ore di lavoro mio figlio è con la nonna (la madre di lei). Io ho paura che mio figlio venga cresciuto da questa signora perche' è una persona che ha avuto un passato orribile: la prima figlia,nata dal primo marito, morta per incidente domestico..poi il suo primo marito morto per malattia…poi la madre (o meglio la bisnonna della mia ex) si è suicidata e il marito non ricordo che tragedia ha avuto).Questa signora ha avuto un passato orribile e dei seri problemi ed è molto complessata. Problemi che ha trasmesso alla figlia (la mia ex) e che poi sono stati motivo della nostra separazione.
Posso impedire che mio figlio sia affidato alla nonna? Aiutatemi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv.E. Georgiacodis 2012-10-01 17:22
Secondo quanto Lei sostiene, la nonna materna con la quale la madre di Suo figlio è tornata a vivere è un soggetto che, per la sua storia personale e per la sua personalità, potrebbe essere negativo e dannoso per suo figlio. Il bambino è affidato alla madre, ma rischia di crescere in un ambiente non idoneo e, forse pericoloso per la crescita e l'educazione di suo figlio. Per impedirlo, occorrerebbe innanzitutto a cercare di essere il più presente possibile nella vita di Suo figlio e impedire che la nonna si sostituisca alla madre. Non so che tipo di accordi abbiate sull'affidament o, ma cercherei di ottenere un regime di visite il puù ampio possibile (compatibilment e con la tenera età del bambino). Qualora la situazione sia davvero così grave e pregiudizevole per il bambino, è allora opportuno fare presente la situazione al Tribunale per i Minorenni, formulando una richiesta di collocamento del bambino presso di Lei, così da allontanarlo da quel contesto familiare negativo.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Vale 2012-10-02 11:40
avv. Eleonora Georgiacodis, la ringrazio vivamente per avermi risposto.
L'affidamento è ancora da decidere ma mio figlio attualmente vive con la madre o meglio nella casa dei nonni materni e da qualche settimana ,lui e la madre,si sono trasferiti in un bilocale al piano di sopra.
Mio figlio è attualmente a carico della nonna materna e questa signora ha a suo carico anche la figlia (la mia ex) e suo figlio (il fratello della mia ex).
I genitori della mia ex, non sono sposati ma convivono e a quanto pare hanno 2 nuclei familiari per ragioni fiscali.
Personalmente non so se la nonna percepisce un assegno familiare a mia insaputa ma sicuramente ha degli sgravi molto convenienti avendo a suo carico anche mio figlio.
Siccome dovro' versare un assegno di mantenimento,la mia domanda è:
Possiamo io e la mia ex avere nostro figlio a carico 50 e 50 anche se lui ha la residenza a casa della madre (o meglio la nonna)?
Oppure se questo non fosse possibile...Pos so pretendere legalmente,di fare aprire un nucleo alla mia excompagna dove caricare mio figlio?
Aggiungo che lei è disoccupata come me.

La mediatrice familiare dice che non è un bene per il bambino che sia a carico della nonna e ovviamente anche io non voglio che questa signora continui a percepire agevolazioni che secondo me non gli appartengono, aggiungo anche che se lei aprisse un nucleo tutto suo avremmo molte + agevolazioni per l'asilo nido comunale.

La ringrazio enormemente della sua disponibilita e la saluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # marilyn b. 2012-10-12 20:10
Io sono nonna da qualche mese, ciò nonostante percepisco la diffidenza di mia nuora nei miei confronti! Vedevo la bambina solo due ore al giorno sempre con la presenza della madre. Ogni qualvolta che la bambina piangeva la madre arrivava con qualche cosa per mia nipote e quando usciva dalla stanza la bambina si metteva a piangere di nuovo (ha soltanto otto mesi)E logico che se c'è la mamma in casa la bambina vuole stare con lei!! La mamma mette la bambina d'avanti la TV trovo terribile questo secondo me i bambini non devono sapere che la televisione esiste. Ho fatto notare a mia nuora che non va bene per i bambini a quel età di stare d'avanti alla TV e per questo da due settimane mio figlio non mi fa vedere mia nipote. Io sto veramente male perché non credo di avere fatto nulla di grave.Vorrei avere i commenti grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # barbara di GC 2012-10-15 09:52
Cara nonna Marilyn B.
purtroppo sono molti i nonni che ci scrivono perché faticano a vedere i nipoti.

Quello che tu dici e' di grande buonsenso.

Purtroppo quando arriva un bebè succede spesso che la mamma si ritrovi gelosa della nonna paterna. Succede a tutti, poi in alcuni casi questa gelosia e' accecante e la mamma non se ne rende conto, e quindi vede le osservazioni degli altri come meri attacchi a se stessa.
Non c'è molto che possiamo consigliare per aiutarti, dovrai trovare tu un equilibrio delicato, magari facendo mediare tuo figlio. Ricordati di non parlare male di tua nuora a tuo figlio, perché questo arriverebbe a lei e nuocerebbe al vs rapporto e non ti aiuterebbe.
Piuttosto dì a tuo figlio come ti senti per il fatto di non poter vedere tua nipote quanto vorresti.
A te spetta il ruolo piu' duro, perché sei la persona più grande e quindi devi essere piu' saggia... proprio come da mamme ci capita che i nostri figli a volte ci trattino male, urlino o dicano cose brutte sull'onda del nervosismo, e noi perdoniamo, perché sappiamo leggere oltre le parole: vediamo il disagio da cui nascono e quindi possiamo lasciar correre.

Io ti auguro un grande in bocca al lupo,
bs di Genitori Channel
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # luciana 2012-10-26 12:03
Buongiorno,
sono una mamma che ha perso suo figlio a marzo, sposato e
con un bimbo di 7 anni...
Per 15 anni ho avuto un bellissimo rapporto con mia nuora.
Dopo la morte di mio figlio, esattamente dopo 3 mesi ha
conosciuto una persona , (ho scoperto che ha dei
precedenti). Ora da 2 mesi vive con questa persona , ha
cambiato paese, e non sappiamo nemmeno dove sono.
Siamo obbligati ad andare a vedere il bambino quando
gioca al pallone senza preavviso perche' altrimenti trova
delle scuse.(Lui e' molto legato all'altro mio figlio e a
tutti noi.)
Ha portato 1 sola volta il bambino al cimitero , e lei mi
ha detto che devo scordarmi che ci vanno ancora.
Io non voglio che faccia scordare il suo papa' che adorava...
La mia preoccupazione e' mio nipote che non vedo
fisicamente dal 18 agosto ....
All'inizio telefonavamo , lei non rispondeva , poi faceva
rispondere al bambino...Lui la prima cosa che dice , mi
chiede nonna quando ci vediamo? Io gli dico non so quando
la mamma ti porta, e lui mi risponde ma io non so se
vuole.
Premetto che ho mia mamma di 82 anni ... Anche lei la
chiama ma a volte si fa negare dicendo che ha da fare . e
quindi la evita.
Ora vorrei sapere se abbiamo il diritto di vedere il
bambino non di nascosto o fare improvvisate dove gioca al
pallone.
Come mi posso comportare e cosa posso fare per avere i
miei diritti se ne ho?

Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Nadia 2012-10-27 12:42
Cercherò di spiegare la mia situazione
anche se non sarà facile. SOno sposata con mio marito da 13 anni e abbiamo 2 bimbi di 9 e 5 anni. Fin da quando ho conosciuto mio marito 18 anni fa mia suocera purtroppo non mi ha mai accettata e ha sempre avuto astio verso di me e quindi poi anche verso suo figlio. Purtroppo per vicissitudini della vita quando avevamo la prima bimba di 1 anno siamo tornati a vivere da lei e non è stato facile in quanto voleva essere sempre presente nella nostra vita e nelle decisioni riguardanti la bimba. IO ho sempre portato "il buon per la pace" ma lei al contrario se ne approfittava. E' sempre stata una mamma autoritaria, purtroppo anche con dei problemi di nervi mai accettati e che usava più le mani delle parole con mio marito. Dopo 8 mesi che convivevamo da lei una mattina si è talmente alzata male che ha cominciato a litigare, buttare all'aria la casa spaccando oggetti e mettendo le mani addosso a me e mio marito. In 2 ore abbiamo vissuto il peggior incubo della nostra vita e ringrazio il Signore che la mia bimba aveva solo 1 anno e mezzo e l'abbiamo protetta il + possibile. Il risultato è che dopo 2 ore di litigata ci ha buttati fuori di casa e abbiamo dovuto vivere 1 settimana dai miei genitori (loro ci hanno sempre aiutato e sostenuto e lei ne è sempre stata gelosa marcia) in una stanza, fino a che non abbiamo trovato una casa in affitto. Da lì io ho chiuso i rapporti con lei, anche se purtroppo c'è stata l'occasione di rivedersi o risentirsi ma molto raramente. Ad adesso io non la vedo e non la sento dalla nascita del mio secondo bambino che ha quasi 5 anni. La cosa assurda è che lei non ha mai chiesto scusa e non ha mai pensato di aver fatto niente di così eclatante da giustificare un comportamento così da parte nostra. Anzi lei da solo la colpa a noi e fa la vittima dicendo che è una mamma abbandonata dal figlio. Dopo l'accaduto non abbiamo più voluto avere contatti e abbiamo cambiato anche numeri ai cellulari e abbiamo cercato di non fargli sapere dove vivevamo ma purtroppo la città non è grande e quindi non gli c'è voluto molto a sapere dove vivevamo e a venire a suonare la campanello. Bè capirete che in quel momento io ho cominciato a piangere perchè non volevo rivivere un incubo. Mio marito ha preso l'occasione per parlarci e alla fine sono venuti all'accordo che lui gli avrebbe portato a vedere i bimbi quando poteva. Abbiamo creato un nuovo numero di cellulare in modo che lei potesse sentire i bimbi e fissare per vederli. Io non ho mai impedito a mio marito di andare a portargli i bimbi, anzi, sono sempre stata io a ricordargli di andare in quanto lui non vorrebbe proprio avere nessun rapporto con una mamma che gli ha fatto solo male nella vita e che ogni santa volta sia per telefono sia di persona si lamenta di quanto lui è un figlio cattivo e che non è presente e che dovrebbe comandare sua moglie (in quanto lei pensa che dietro a tutti ci sia io). A giugno poi, con un messaggio su FB ci comunicava che non voleva più vedere i bimbi perchè tanto loro hanno già gli altri nonni che gli bastano (messaggio che mio marito prontamente ha memorizzato sul pc). Non nego che questa notizia a noi faceva più che piacere, poi però ad agosto si è sentita male è andata all'ospedale e da lì ha ricominciato a fare la vittima della situazione verso suo figlio che non è andato mai a trovarla (mio marito la chiamava quasi tutti i giorni quando era all'ospedale ma non è mai andato anche perchè eravamo in ferie e cmq non se la sentiva assolutamente)e ha ricominciato a richiedere dei bimbi minacciando di prendere provvedimenti visto che è un suo diritto vederli. Allora mio marito gliel'ha portati e lei nel salutarlo gli ha detto che se non glieli riporta metterà in mano all'avvocato la cosa e andremo in tribunale.
Vorrei sapere se e cosa può succedere visto cmq che mio marito quando lei ha chiesto di vedere i bimbi (anche se mal volentieri) gliel'ha portati. E che se ora non glieli portava da mesi è perchè lei aveva mandato quel messaggio dicendo che non li voleva più vedere.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 18:13
ciao nadia nel sentire la tua storia rivivo in parte la mia vita solo che io avevo un marito che è SATANA che anche dopo il divorzio ha plagiato mio figlio grande e non mi fa vedere mia nipote Stai tranquilla tua suocera non ti può fare nulla con il tribunale per lo più se ha delle testimonianze FORZA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+4 # franco 2012-10-29 14:59
abbiamo, io e mia moglie, avuto divergenze con ns genero a causa del suo pessimo carattere, per ripicca ci impedisce di vedere i nipotini che tra l'altro sono stati praticamente allevati da noi a causa degli impegni di lavoro suoi e di miavfiglia; vorrei sapere se rivolgendomi ad un legale potrò avere il consenso a vedere i bambini.premett o che abitiamo a trenta metri di distanza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 18:21
cara nonna PINA IL DOlore tuo è micidiale e anche io ho lo stesso e le tue parole sono giuste ricordati che i loro figli li tratteranno alla stessa maniera RICORDATI CHE UN DIO ESISTE ciao a presto ANNA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # anna 2014-01-05 18:26
caro franc sono una nonna disperata ma sono stata anche una figlia con un marito schifoso che non voleva che i miei vedessero i nipoti ho combattuto semnpre ed ho rispettato i miei genitori ci vuole tanta forza da parte di tua figlia ciao anna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # TINA 2012-11-03 23:51
il problema è sempre molto serio, negare ad una nonna l'amore che potrebbe trasmettere a suo/a nipote, io ho una storia da raccontare, mia figlia in soli pochi giorni ( 20) all'età di 17 anni e sei mesi è uscita incinta lui più grande di quasi 9 anni in un primo momento ho accettato la gravidanza, dopo mesi ho scoperto che lui non lavorava, incominciava a manipolare mia figlia in pieno, distaccandola da sentimenti, scuola..modi e stili di vita dove lei era abituata, manipolatore in tutti i sensi...mesi di incomprensioni. .lei al compimento di 18 anni è andata via..ci siamo riavvicinate durante la gravidanza,ma lui come solito ha incominciato ad inveire contro me mia figlia..e lei per un sentimento verso di lui ha preferito allontanarmi, in tutto questo non mi fanno vedere mio nipote che oggi ha 8 mesi nessuno dei due lavora..lui non ha voglia di lavorare e vengono mantenuti da un vecchio amico di 77 anni..molto perfido e di natura diversa, lui ha allontanato la mia famiglia e quella di mio marito, nessuno può vedere ne lei ne mio nipote...cosa posso fare? sono disperata, anche perchè mia figlia ha avuto un carcinoma papillare .scoperto da me leggendo delle carte dell'ospedale e io tempestivamente l'ho fatta operare, deve seguire il follow up per cinque anni ,..lui mi odia tanto..solo perchè io ho capito il soggetto gli ho sempre detto che lui non è capace di mantenere la famiglia..non ha voglia di lavorare...come posso stare tranqui
lla con un pensiero costante per mia figlia..e mio nipote che non vedo..quali sarebbero le soluzioni?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2012-11-05 22:26
Gentile signora Luciana,
con riferimento alla Sua vicenda non posso che rinadire quanto valido in via generale, ovvero che il minore ha diritto a conservare relazioni parentali significative con i rami familiari di ciascun genitore. Se ciò non avviene, per impedimento posto da uno dei due genitori, i nonni potranno eventualmente rivolgersi al Tribunale per i Minorenni che valuterà il caso concreto, sempre tenendo presente unicamente l'interesse del bambino, non quello degli adulti.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2012-11-05 22:42
Gentile signora Nadia,
debbo premettere che la valutazione dei singoli casi non può essere fatta in questa sede, ma, eventualmente, da un professionista al quale Lei potrà rivolgersi per esaminare il problema e valutare il da farsi. Da un punto di vista generale, posso ribadire che non esiste un diritto dei nonni in quanto tali a vedere e frequentare i nipoti, ma esiste il diritto dei minori ad avere relazioni significative e valide con i nonni, gli zii, i cugini etc. In caso di controversia, deciderà i Tribunale per i Minorenni, valutando esclusivamente l'interesse del minore.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2012-11-05 22:47
Rispondo al sig. Franco, ripetendo quanto appena scritto: i singoli casi vanno valutati in un'altra sede. In via generale, il Tribunale per i minorenni che dovesse essere investito di una questione quale la sua, deciderà considerando la migliore soluzione rispondente all'interesse del minore.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2012-11-05 23:00
Gentile signora Tina,
la sua situazione mi pare particolarmente complessa perchè coinvolge non solo i Suoi rapporti con il nipote, ma anche quelli con una giovane figlia, fragile e malata. Occorre una valutazione da parte di un professionista che non può essere fatta in questa sede. Non posso quindi che ribadire quanto già scritto varie volte in ordine alla natura del diritto del minore ad avere relazioni significative con i parenti (e quindi con i nonni) e in ordine al tipo di valutazione che viene fatta dal Tribunale per i Minorenni in caso di atteggiamento ostacolante dei genitori che si riveli di progiudizio per il minore stesso.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # lory 2012-11-13 08:54
io invece sono una nuora, non ufficiale perchè non sono sposata. convivo con il mio compagno da quando ero incinta di 5 mesi inoltrati. Abbiamo una bambina di quasi 8 mesi e viviamo ad un metro e mezzo dalla porta di mia "suocera".
Bene, io ho il problema contrario, il nonno paterno non vede la nipote dal 29 luglio 2012 cioè giorno del battesimo e la nonna non ha fatto di meglio!!! Io esco la mattina per andare a lavorare e torno la sera. La bambina va dalla tata.I Nonni paterni non vengono a vedere la bambina perchè pretendono che la sera il figlio porti la nipote nel loro appartamento!!! A me la cosa da fastidio perchè a quell'ora la bambina cena gioca un pò con il papà (che non vede per tutto il giorno!)e poi dorme. Abbiamo invitato più volte i nonni a venire da noi la sera, anche a cena. Ma loro si rifiutano. Adesso la suocera minaccia di andare da un avvocato per conoscere e far valere i suoi diritti!!!!!! Cosa dice la legge??
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 17:51
nonna maryli sono nonna anna ho 56 anni e sono 3 anni che non vedo mia nipote mi abita vicino e cerco di non incontrare mia nuora e mio fighlio perchè dopo 3 anni ti puoi immaginare come sto ma ricordati noi non cisaremo più ma quello che hanno fatto a noi gli sarà rifatto con gli interessi ciao anna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giorgio 2012-12-01 01:03
Buon giorno avvocato, sono a chiderle qualora io abbia il diritto di evitare che i miei bambini possano vedere la nonna materna in quanto da me ritenuta attualmente una situazione di disagio in quanto la figlia o per meglio dire la mia compagna è alcolsta da diversi anni e il fuori e dentro da ospedali e clieniche la sta portando nel baratro, di conseguenza nascono tensioni nei rapporti interpersonali, ma i rapporti con la nonna materna sono oramai piuttosto compromessi per vari episodi che si sono verificati nei miei confronti e sulla figlia, ciò mi fa riflettere ovviamente sui bambini stessi, quale diritto ho in questo caso?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2012-12-04 21:37
Buongiorno Giorgio, vista la delicatezza della Sua situazione, occorre che lei si rivolga ad un legale che possa valutare la vicenda da vicino e nei dettagli, al fine di capire qual'è l'effettivo interesse dei minori.
cordialità
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # avv. E.Georgiacodis 2012-12-04 21:47
Buongiorno Lory,
circa le disposizioni di legge in materia non posso che richiamare quanto già scritto nell'articolo. Ripeto, non esiste un diritto dei nonni in quanto tali di vedere i nipoti, ma esiste invece il diritto del minore ad avere rapporti affettivi con i nonni e gli altri parenti. Sono però sempre i genitori a dovere decidere come regolare quasti rapporti. Solo in casi davvero gravi e di ostacolo assolutamente ingiustificato dei rapporti, il Tribunale per i Minorenni, se interpellato, potrà valutare un intervento, sempre tenendo conto solo della posizione del minore e del suo effettivo interesse.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 11:34
caro avvocato ma se miofiglio non lavora e così anche la compagn puà la nonna prendere la bambina in affidamento temporane grazie nonna disperata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # roberto 2012-12-27 14:45
credo di avere lo stesso problema della signora NUCCIA ZAPPALA.Io i miei nipoti li ho visti prima di natale ,5 minuti,solo per ritirare i regali, ma si vedeva benissimo nella loro faccia quell odio incucato dalla loro mamma.Che poi io e mia moglie non sapevamo niente di niente.i rapporti prima erano solosettimanali .Mai avuto soddisfazione da vero nonno.per me il 2 OTTOBRE POSSONO ANCHE ELIMINARLA.QUAL CUNO SARAcontrario,m a deve solo provare cosa si prova.NONNO ROBERTO
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Marlyn B. 2012-12-28 09:28
Buonasera Nonno Roberto, Lei ha avuto la fortuna di vedere i suoi nipoti prima di Natale,io ho visto la mia nipotina l'ultima volta verso la fine di settembre aveva sette mese e mezzo adesso ha 10 mesi e 10 giorni non so ne anche più com'è. Non so come le nuore possono essere così cattive perché questa è pura cattiveria cosa credono di essere queste mamme? Io non ne posso più. Nonna Marilyn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 11:26
ciao sono anche io una nonna distrutta perchè ho una nipotina di tre anni che non posso vedere per la cattiveria di mia nuora e del mio ex marito usano la bimba come ricatto per avere dei soldiio li ho aiutati come potevo ma la cattiveria del nonno supera satana e mio figlio e mia nuora per 200 euro almese stanno vicino a luiti considerano tra breve andrà dal giiudiced speriamo di io ti dico una sola cosa fai del bene e scordati fai del male e pensaciil giudice mi aiuteràciao
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # zia tutto fare 2013-01-26 09:23
Purtroppo ho perso entrambi i genitori nello scorso mese di ottobre ed entrambi sono deceduti con l'unico desiderio di vedere, almeno una volta a settimana, le adorati nipotine. Questo non è successo...ma mio fratello, padre delle nipoti in questione, ora rivendica un terzo dell'eredità quando per 20 anni non ha voluto saperne dei genitori. é normale tutto questo??? capisco che la legge è legge ma la sfera affettiva non conta nulla??? Grazie e buona giornata!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # mimmo 2013-03-10 17:23
un mio nipote ha tre piccoli di cui due gemelli, io e mia moglie da tre anni quasi dalla nascita (gemelli) periodicamente ospitiamo uno dei bimbi con cui si è creato un rapporto forte di affetto;
portandolo anche in vacanza;
ora purtroppo si stanno separando , è già la moglie di nostro nipote incomincia a dirci che le cose sono cambiate che è disposta a mandare il piccolo ma solo se non lo portiamo dal padre o nonni paterni, condizioni non possibili eticamente ,
io evito anche visite perchè il bimbo appena ci vede vuole venire con noi...
uno zio non può negare ad un padre di andarlo atrovare mentre ospita suo figlio, grazie per eventuali pareri..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs Genitori Channel 2013-03-11 09:15
A questo post devo dire che arrivano i commenti più strazianti...
Caro "zio" mimmo, l'avvocato ti dara' delle indicazioni "di legge", mi spiace molto di questa situazione dove, al di là della sofferenza di noi adulti, quello che strazia è come vengano feriti i bambini e il loro diritto ad avere relazioni con figure adulte di riferimento ed amorevoli.

Immagino che se il giudice non dispone un divieto al padre di vedere il bambino quando non è con la mamma, voi, dal pdv legale non abbiate vincoli.... la madre pero' potrebbe non portarvelo più per evitare di fargli incontrare il padre o i nonni fuori dalle visite concordate...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 17:43
ma cosa è bs genitori channel
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # jvirginia 2013-03-12 11:59
Gent avv,io e mio marito nn abbiamo + rapporti con la nuora x incomprensioni( da parte sua)il problema è che mio figlio si è allontanato da noi.non ci telefona,non sa manco dove abitiamo....abb iamo 4 nipoti solo i primi 2 conosciamo il terzo e la quarta una solo volta li abbiamo visti....ora sono 2 anni che non vediamo neanche i + grandicelli...c osa dobbiamo fare? noi adoriamo i nstr nipoti,e non vogliamo che crescano senza sapere che hanno altri 2 nonnie che loro non "ci vivono".GRz e porgo cari saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Francesco Sabatini 2013-03-21 10:38
mio figlio è mancato il 13 febbraio scorso e poco dopo la moglie separata ha cambiato il regime di frequentazione della nipotina di 5 anni finchè il papà è stato in vita.(da 6 gg. su 14 a 1 giorno ogni 15) Il papà dopo la separazione è tornato a casa nostra e la bimba è cresciuta con noi nonni. mio figlio è morto dopo una lunga malattia, ma supportato da noi nonni è sempre stato presente per sua figlia anche nei momenti
più difficili. ora la bimba ha perso papà e praticamente nonni paterni e c'é il rischio che possa essere portata via dall'Italia. Quale tutela può avere la piccola per mantenere un rapporto significativo e duraturo con noi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2013-03-21 12:06
Buongiorno, rispondo alla signora Virginia. Nel Suo caso è opportuno che Lei si rivolga ad un avvocato competente nella materia, che potrà apporfondire i fatti e valutare se è il caso o mno di rivolgesri al tribunale per i Minorenni.
cordialità.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2013-03-21 12:11
Buongiorno, rispondo al signor Sabatini. Data la delicatezza del caso, gli aspetti particolarmente dolorosi e il vostro timore che la bambina sia trasferita all'estero, vi consiglio di rivolgervi ad un avvocato che valuti al meglio la situazione e il da farsi.
cordialità
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2013-03-21 12:19
Rispondo a "zio mimmo": in termini generali se non ci sono particolari limitazioni poste dall'autorità giudiziaria, nell'atteggiame nto della madre che affida temporaneamente i figli ai parenti del ramo paterno, è implicito un consenso a che essi vedano, in tale occasione, anche il padre. occorrerebbe però una valutazione accurata della situazione, ma non è questa la sede per farlo.
cordialità
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # una nonna che soffre 2013-04-17 14:55
Perchè questo problema non è abbastanza conosciuto nelle sedi preposte e perchè tramite la scuola non sipuò intervenire per evidenziare il disagio del bamino quando in maniera violenta lo si separa dagli affetti consolidadi parenterali.Se il problema parte dal bambino i nonni avrebbero meno ritorsioni da parte dei genitori. Nelle scuole non sempre si evidenziano problemi disagi specialmente di carattere su abusi psicologicinei confronto di minori.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 17:26
trea un pò andro ache io dal giudice speriamo bene
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # ADRIANA AMMIRATO 2013-06-15 09:38
Egr.Avv. Georgiacodis,

vorrei sapere se il Giudice del Tribunale
dei Minori di Torino a cui mi sono rivolta,in quanto i genitori conviventi si opponevano a che io frequentassi il mio nipotino,possan o decidere che io lo veda non in uno spazio neutro ma a casa mia.

Faccio presente che il bambino ha 3 anni,
e se dovessero decidere secondo quanto desidero,chi lo accompagnerebbe a casa mia?

Vorrei anche far presente che a seguito mio ricorso,durante l'udienza davanti al giudice,i genitori, dopo avermi insultata
insieme al loro avvocato e scritto una
valanga di cattive bugie sul mio conto,
alla fine avevano espresso il loro consenso di farmi frequentare il nipotino
accompagnandolo loro a casa mia.

Sono stata io, a scivere al Giudice
di rinunciare per via del comportamento
di mio figlio e della sua compagna.

In questi giorni però ci ho ripensato , ed ho presentato richiesta al Tribunale di poter frequentare il nipotino senza la presenza dei genitori.
Ringrazio,e attendo sua risposta.
Distinti saluti
Adriana Ammirato

Torino14/6/2013
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Marilyn B.. 2013-06-25 14:49
:sad: Questa è la seconda volta che scrivo ma adesso racconto la mia storia dall'inizio!Io sono inglese sono in italia da tanti anni sono sposata e dopo 5 tentativi di avere un figlio 3 aborti e 2 parti prematuri abbiamo adottato un bambino di 3,5 anni con un mare di problemi! Soffio al cuore,rachitico per dire soltanto due. Abbiamo fatto crescere questo figlio non pensando mai all'adozione ma concentrandoci a fare stare bene questo bambino. Adesso ha 32 anni è sposato e ha una bambina sua. E qui cominciano i miei problemi.Ho accolto mia nuora in casa come una figlia dicendola che questa era casa sua che potava contare su di me quando aveva bisogno.Ma lei aveva altre idea fin dal principio non rispondeva al telefono. Mio figlio diceva che aveva un carattere chiuso.Ho pensato di darle un po di tempo ma la cosa è peggiorato posso tel.fino 12 volte in un giorno e lei non risponde,mi ha fatto delle cattiveria spaventoso.Io sono vegetariana,bat tessimo della bambina della bambina non mi ha fatto niente da mangiare! Se vado a trovare la bambina lei arriva sempre più in ritardo mai chiedere scusa.non mi lascia un attimo da sola con la bambina e non permette mio figlio di portare sua figlia a casa a trovarmi senza di lei. ma la bambini va alla casa di sua madre e padre che ha avuto un ictus nella gola!sono bravi persone i suoi genitori ma hanno abbastanza da fare con questo problema!! Io sono anche un amante dei cani che sono veramente bravi perché per anni ho imparato di educare anche loro!! Mia nuora ha sempre vissuto con i cani e anche mio figlio ma da quando c'è la bambina mio figlio dice che io ho dei leoni in casa lui da piccolo aveva un pastore tedesco per amico!!! Ultimamente ha mandato mio figlio a casa nostra per cantare le lode dei suoi suoceri che loro tolgono il pane della bocca per dare soldi a loro in questo momento io e mio marito stiamo pagando l'ennesimo auto di mio figlio e i debiti di un negozio che abbiamo aperto poi chiuso per mio figlio. Ma tutto questo non conta nei occhi di lei. E in ultima si sta infilando nel'adozione.Io e mio marito abbiamo raccontato a nostro figlio delle 3,5 anni prima che era venuto da noi.Senza scendere troppo in dettaglio!! Un giorno che non c'eravamo mio figlio ha cercato i documenti e ha telefonato alla sua famiglia di origine e ha incontrato il suo fratello gemello (con lei e senza dire niente a noi!!)Adesso dice che noi non siamo i suoi veri genitori e quindi la bambina non è nostra nipote. tutto questo con la mia cara nuora mio figlio non mi ha mai detto una cosa così brutto: Non capisco perché mio figlio lascia sua moglie intromettersi in cose che non le riguarda!!Io e mio marito siamo arrabbiati e disperati nello stesso tempo!! Abbiamo consultato un nostro amico psicologo ma non ha potuto darci abbastanza consigli se non di cercare di andare d'accordo. Ma come possiamo andare d'accordo con una persona che fa di tutto per fare l'incontrario? Se qualcuno può darmi dell idea. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # mauro latini 2013-07-09 17:54
Complimenti avvocato. Mi trovo in un gineprauo. Mia nuora mi impedisce a me ed alla mia moglie di vedere i nipoti solo per cattiveria unilaterale.Ne è nato un dissidio con mia moglie che vorrebbe prendere iniziative forti, Tpo legarsi ad un cancello) mentre io penso a qualcosa di meno traumatico, quali ad esempio promuovere una iniziativa popolare per adottare una legge che disciplini la materia e garantisca ai nonni di abbracciare il proprio nipote, foss'anche per pochi minuti.
Può naiutarmi?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs GenitoriChannel 2013-07-10 06:59
Mauro mi spiace per tanto disagio e sofferenza. Io non sono l'avvocato.

Credo che bisogna lavorare sul distendere i rapporti familiari e disinnescare le dinamiche di conflitto, questo e' il primo passo per garantire il benessere del bambino e una modalita' piu' serena di rapporto da cui partire.
Garantire i diritti legali non disinnesca l'acrimonia e le tensioni nei rapporti, li acuisce e chi ne fa le spese in genere è il bambino che si sente ostaggio delle dissidie familiari.

Prova a leggere quanto ho scritto a Marilyn B.

in bocca al lupo
bs
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 17:38
ciao mauro latini sono daccordo sia con te che con tua moglie vengo pure in piazza con te ma questo schifo deve finire
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # giuliana lenzi 2013-08-09 10:05
Gentile Avv. a causa di incomprensioni mai volute chiarire da parte di mia figlia di quasi 34 anni lei ed il suo compagno mi hanno negato di poter conoscere il loro bambino di quasi 2 anni. Non ho rapporti con mio marito e siamo separati in casa anche a causa di questa situazione in cui lui " regge il sacco" a nostra figlia. Ho tentato di tutto anche facendole avere dei regali per la nascita che mi fu annunciata via mail, io non ne sapevo assolutamente niente e mi sono stati fatti ritrovare dietro la porta di casa. Cosa posso fare? Mi sento molto sola e triste. La ringrazio. G.L.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs genitorichannel 2013-08-10 16:11
Gentile giuliana,
Posso immaginare quanta sofferenza possa produrre una relazione del genere, oltre al dolore di non conoscere un nipote.
:oops:
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # anna 2014-01-05 17:33
cari bs genitori channel siamo in tanti a soffrire per quei sciocchini e ignoranti dei nostri figli anche io avevo un uomo tipo satana che non voleva che portavo imiei figli dai nonni ma mi sono sempre impposta quello che ho imparato a mio figlio grande non è servito aniente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2014-01-16 22:27
Gentile Giuliana, al di là del presentare atti giudiziari per vedere riconosciuto il diritto di frequentazione nonni - nipoti, mi sembra prioritario avviare un percorso, con l'ausilio di qualche mediatore esperto, per recuperare i rapporti con sua figlia. Poi il resto andrà da sè.
cordialità
eleonora georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2014-01-17 10:21
Ho provato con le mie sorelle, con una psicologa e con mio cognato ma lei e loro ( lui e la sua famiglia) sono irremovibili ed io,consigliata da molti mi sono messa in zilenzio ed in disparte. Aspetto, ora, che mia figlia senta il dovere, il piacere e l'amore di contattarmi. Grazie. G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # mauro latini 2013-08-11 17:41
Buona sera Giuliana.
La tua situazione è identica alla mia, anzi nostra, visto che convivo ancora con mia moglie, anche se di fatto separati.I nostri guai sono mia nuora e sono nati nel momento in cui mio figlio l'ha fatta entrare nell'azienda di famiglia. In capo a sei anni, sbracciandosi e dimenandosi ha fatto fuori mia figlia, socia a tutti gli effettidella società e responsabile dell'amministra zione. E' nata una guerra all'insegna della più spietata cattiveria. Mia figlia odia il fratello e la nuorqa. la nuora odia tutta la mia famiglia in particolar modo mia figlia a cui si è permessa di mettere le mani addosso. Mio figlio è uno zombi a causa di questa situazione io cerco di tappare le falle (anche perchè in questa situazione sta andando tutto a rotoli e rischiamo il fallimento) con la speranza di rimediare, ma ormai dopo tutto questo tempo c'è poco da fare
Aggiungo che mia figlia, una volta tenera e dolce, specie con me, ora mi odia
Morale mio nipote che si è allevato da noi(oggi ha 11 anni), dove ha imparato a leggere e scrivere,dove ha trovato il massimo degli affetti, ci è stato negato e per vederlo e dargli un furtivo bacetto siamo costretti ad andare alle otto di mattino all'ingresso di scuola per rubare un attimo della sua attenzione. Nel frattempo è nata un'altra nipote che non abbiamo ovviamente potuta vederla se non di sfuggita.
Ormai l'odio ha preso il soprqvvento sulla ragione e temo atti incolsulti
Personalmente credo che non c'è una soluzione, ma non mi arrendo ed intendo far valere i miei dritti di nonno che purtroppo sono pochi o niente. .
Penso che dobbiamo fare causa comune e trovare un momento di aggregazione per fare massa critica.
Prego genitori channel a favorire questi contatti ed di farLe avere la mia mail che è maurolatini@virgilio.it
Grazie a tutti.
Mauro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # nonna Pina 2013-12-14 07:10
La gioia di essere nonna è stata offuscata dall'esclusione quasi totale da questo ruolo. Oggi sono le distanze a stabilire le regole e sono distanze profonde, non quelle delle scelte lavorative, ma quelle artatamente create da chi vorrebbe usare i bambini come forma di ricatto affettivo. Ma chi ama veramente ad un certo punto valuta cosa sia meglio per il proprio figlio e i suoi bambini ed allora si fa da parte, consapevole del fatto che la gelosia è insicurezza e l'insicurezza fragilità pericolosa e convinta che il legame tra madre e figlio resta un legame speciale che non deve essere sfiorato da chi non ha rispetto per niente e nessuno. Sono certa che proprio questo atteggiamento farà si che un giorno i bambini chiederanno ragione dell'esclusione dei nonni paterni e ci cercheranno, ma intanto ameranno anche questa mancanza e questa mancanza ci riempie di loro e protegge entrambe tutte le parti in causa dalla grettezza di chi non ama nessuno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2013-12-16 08:40
Sono d'accordo con te e mi permetto di darti del tu visto la nostra situazione affettiva molto simile
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Giuliana 2013-12-30 15:45
Sono d'accordo su quanto hai scritto. Io sono sempre nella stessa situazione ma non come nonna paterna ma materna. Spero sempre in un cambiamento e in un ritrovato amore con mia figlia con cui avevo un rapporto splendido. Fin quando è arrivato lui... ed i suoi genitori! Che tristezza il natale. Sogno sempre il mio unico nipote che, facendo i conti, ha 2 anni compiuti e lo immagino biondo, bello, con gli occhi celesti come mia figlia. Perchè, mi chiedo molto spesso, c'è così tanta crudeltà e non più valori morali? Auguri a tutte le mamme e a tutte le nonne che soffrono come me e che sperano sempre in un "miracolo"! NONNA GIUGI
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Marylin 2014-01-02 08:22
Salve Nonna Giuliana, Ho ricevuta una mail in cui dici che sei d'accordo con quello che ho scritto,ma penso che queste tue parole erano dirette a nonna Pina. Questa povera nonna scrive che i suoi congiunti usano i bambini come una forma di "ricatto affettivo" e sono pienamente in sintonia con le sue idee. Sinceramente non riesco a comprendere come fanno questi ragazzi a scendere così in basso a un livello squallido. Tutto la situazione mi lascia svuotata. In tutta la mia vita non avrei sognata di trattata mia suocera con tanta crudeltà, non mi passava per l'anticamera del cervello. Mi spiace per la tua situazione perché è tua figlia che ti esclude della sua vita. Che peccato che non possiamo parlarci direttamente.No nna Marilyn.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # paola50 2014-01-15 11:16
Una nonna disperata che non sa piu' cosa fare per poter vedere i suoi nipoti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Giuliana 2014-01-17 10:38
Ti capisco! Perchè non ci muoviamo tutti insieme? L'unione fa la forza!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara 2014-01-20 08:35
Sarebbe un ottima idea metterci tutti insieme se non per fare valere i diritti di questi poveri nipoti che sono privati dell'amore dei nonni! Nonna Marilyn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Giuliana 2014-01-20 16:10
Come poter fare? Pensiamoci tutti un po'!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Marylin 2014-01-21 14:38
Ciao Giuliana, La mia idea è questa fare scrivere una lettera, che poi diventerà una petizione mettendo in evidenza i diritti dei bambini perché i nonni non ne hanno, da una persona che conosce le leggi e mandare questa lettera a chi di dovere per esprimere i nostri punti di vista. A presto Marilyn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Elisena 2014-01-22 08:21
E' un poroblema troppo trascurao, i bamini hanno tutto il diritto di vedere i nonni fanno parte della loro memoria storica. Anche la scuola manca di competenze .Spesso sono vittime di genitori immaturi li usano come ricatto non rendendosi conto del male che fanno loro e le conseguenze future concordo con la lettera che possa mettere in evidenza il problema .se ne parli ,sene parli Elisena
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marylin 2014-01-22 09:45
Salve Elisena, (che bel nome!) Sono pienamente d'accordo con quello che dice! Dobbiamo fare qualcosa per i nostri poveri nipotini che come lei dice che sono vittime di ricatto, mi fa male il cuore per loro, io personalmente non saprei cosa avrei fatto senza i miei nonni! Marilyn Byrne Graziano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2014-01-27 12:10
Va bene, sono d'accordo. Io firmerò senz'altro. Ti abbraccio. G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # bs Genitori Channel 2014-01-16 10:28
Cari nonni e genitori che scrivete qui, qualcuno ha chiesto "ma chi è bs GenitoriChannel ", sono io, barbara siliquini, una delle fondatrici di Genitori Channel, nota come bs di Genitori Channel. Sono mamma di 3 bambini.
L'altra anima di Genitori Channel è Barbara Lamhita M, spesso abbreviata bm, mamma di 2.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marilyn Byrne Grazia 2014-02-12 17:17
Ho sentito appena ieri che è stata sancito il diritto dei nonni di frequentare i nipoti.Mi auguro che sia vero sono stanca di questa situazione.Se è vero è una bella victoria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2014-02-13 20:30
Questa è una notizia certa? Già approvato il diritto? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marylin 2014-02-17 14:15
Ciao Giuliana,purtro ppo ho perso la tua mail,così ti rispondo attraverso il canale di Genitori Channel. La notizia ho ricevuta dalla mia amica che è un avvocato di Cassazione puoi comunque vedere per te vai su: Decreto legislativo sulla filiazione:sanc ito il diritto dei nonni di frequentare i nipoti. Ciao a presto Marilyn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2014-02-21 10:21
Ti ringrazio molto ed ora vedrò cosa fare. Penso, comunque che aggraverò l'odio di mia figlia verso di me. Ti abbraccio. G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marilyn 2014-02-21 10:54
Ciao Giuliana, Sono sicura di quello che dici ma sinceramente non so che altro strada intraprendere Auguri e un abbraccio. Marilyn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2014-02-24 09:01
Ciao, ho fatto sapere a mia figlia che ho il diritto- dovere di conoscere mio nipote e che, se la legge me lo consentirà farò valere il mio diritto. Un caro saluto e auguri a tutte noi nonne ingiustamente "tristi"! G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs Genitori Channel 2014-02-24 10:47
Gentile Giuliana,
le segnalo l'articolo su questo tema:
genitorichannel.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marilyn 2014-02-24 10:52
Ciao Giuliana, buona fortuna con tutto il cuore! Marilyn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2014-02-26 11:23
Grazie, speriamo di farcela! Anche a te buona fortuna. G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs Genitori Channel 2014-02-20 09:30
Abbiamo scritto un articolo sulle nuove norme:
genitorichannel.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs Genitori Channel 2014-02-20 09:31
Cari nonni all'ascolto,
il 7 febbraio sono entrate in vigore nuovenorme che vi riguardano, potete trovare un articolo su questo qui:http://www. genitorichannel .it/vita-famigl ia/il-nuovo-dir itto-dei-nonni- di-vedere-i-nip oti.html
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # giuseppe carli 2014-03-07 16:55
Oggi i genitori sono ultra possessivi. Si sono dimenticati che loro li abbiamo allevati noi. Bambini ne nascono pochi e quei pochi sono ultra viziati, per cui i genitori sono ansiosi e paurosi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marilyn Byrne Grazia 2014-03-11 10:47
Per Sig.Giuseppe Carli, Un motivo in più per farsi aiutare dei nonni che hanno visuto più a lungo e forse conoscono qualcosa in più della vita. Auguri!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara Motolese 2014-08-11 10:14
Ecco le nuove norme in materia di relazioni nonni-nipoti, spiegate dall'avvocato genitorichannel.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # aurelia 2015-02-24 12:09
Salve, circa un anno e mezzo fa'ho perso mio fratello di 36 anni, la moglie dopo pochi mesi ha trovato un altro uomo tenendo tutto nascosto tornado a casa ( dove abitavano palazzo dei miei genitori ) tardi tutte le sere insieme ai piccoli ( uno di 4 anni ed un'altra di 1 anno).Ci sono vari battibecchi fino a che non ha voluto farci vedere i bambini, vorrei sapere i nonni (miei genitori )hanno diritto di vedere i nipoti? E se si quanti giorni e quante ore? Inoltre il sabato o la domenica i bambini possono stare una Giornata intera con i nonni? In attesa di un Vs. Gentile riscontro porgo cordiali saluti. PS preciso che la mamma usa i figli come arma contro di noi...inoltre la più piccola non la conosciamo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2015-03-24 18:04
buongiorno,
i nonni hanno diritto di avere una relazione significativa con i nipoti , non ci sono tempi predeterminati in astratto. Una definizione di tempi e orari la potrebbe dare eventualmente il Tribunale per i Minorenni in caso di contenzioso sul punto.
avv. Eleonora Georgiacodis
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # aurelia 2015-02-24 12:09
Salve, circa un anno e mezzo fa'ho perso mio fratello di 36 anni, la moglie dopo pochi mesi ha trovato un altro uomo tenendo tutto nascosto tornado a casa ( dove abitavano palazzo dei miei genitori ) tardi tutte le sere insieme ai piccoli ( uno di 4 anni ed un'altra di 1 anno).Ci sono vari battibecchi fino a che non ha voluto farci vedere i bambini, vorrei sapere i nonni (miei genitori )hanno diritto di vedere i nipoti? E se si quanti giorni e quante ore? Inoltre il sabato o la domenica i bambini possono stare una Giornata intera con i nonni? In attesa di un Vs. Gentile riscontro porgo cordiali saluti. PS preciso che la mamma usa i figli come arma contro di noi...inoltre la più piccola non la conosciamo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # caridad cuervo 2015-03-04 20:15
Me e negato vedere mio nipote..lui sofre ha 6 anni..io sto molto male
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # peppe 2015-03-20 07:18
buongiorno nel caso in cui ai due genitori viene sospesa dal trib. dei min. la propia genitorialità ed il neonato viene affidato alla nonna paterna il nonno materno ha il diritto di poter stare con il nipote ho è la nonna paterna a regolare secondo suo giudizio il rapporto nonno nipote? cosa deve fare il nonno materno in tale situazione e se la nonna materna gli nega di poter stare con il nipote che deve fare....vi prego datemi notizie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # avv. E.Georgiacodis 2015-03-24 18:10
In generale vale il principio per cui il minore ha diritto a frequentare i nonni e i parenti di ciascun ramo familiare; nel vostro caso vi è un provvedimento del Tm che sospende la potestà dei genitori e affida il minore ad una nonna, dovrebbe avere regolato i rapporti con tutti i nonni.Se così non è i nonni "esclusi", se ne hanno fondato motivo, possono rivolgersi in autonomia al Tm e chiedere di potere frequentare il minore. Il TM deciderà nel solo ed esclusivo interesse del minore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # info 2015-03-24 11:53
salve volevo un informazione ... si sono rotti i rapporti con una nonna e bisnonna molto giovani...per cui volevo sapere se io come mamma ho diritto nel tutelare l immagine di mio figlio...cioè fotografie, poster...richie dendole in modo che l immagine di mio figlio non sia divulgata a terzi... volevo sapere se richiedendole io abbia il diritto di riaverle grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara 2015-03-24 15:29
La tutela dell'immagine dei bambini spetta ai genitori quindi sicuramente la nonna e la bisnonna non possono autorizzare la pubblicazione di foto o video dove compaia il bambino.
Non credo però che ci sia nessun appiglio per richiedere la restituzione delle foto se utilizzate in ambito privato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # cristina maretti 2015-03-28 09:21
il mio mipotino ha 14 mesi vive a Novate Milanese , noi nonni paterni a Sestri levante (ge) , i genitori conviventi e non sposati si sono separati a fine novembre per volonta' della mamma che aveva una relazione con altra persona.
Adesso in fase di accordo di separazione la mamma accetta l'accordo economico (euro 600 al mese per il mantenimento del bimbo) ma ostacola il nostro diritto a vedere il bimbo, in quanto non vuole che mio figlio ,nei due fine settimana in cui tiene il bambino, lo porti da noi a Sestri Levante, e' successo nel corso di questi mesi solo due volte, il bimbo e'stato benissimo, ha mangiato e dormito regolarmente, lo abbiamo fatto giocare, uscire . lei sostiene che quando torna da lei fa i capricci e non lo vede sereno. Cosa possiamo fare al riguardo ? perche' lei deve avere il diritto di lasciare il bimbo ai suoi genitori tutto il giorno e lo portano dove vogliono, mentre noi possiamo vederlo solo a Novate Milanese e senza diritto di pernottamento ? stiamo uscendo di testa , se ci puo' dare un consiglio sarebbe gradito.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione