Sabato, 17 Marzo 2018 11:21

Genitori separati o divorziati: tutte le regole per viaggiare con i figli

By

Se i genitori di un bambino sono separati o divorziati, quali obblighi e diritti hanno se vogliono portare in viaggio il figlio?

Quando la relazione tra genitori finisce, sia essa una separazione di un'unione matrimoniale, o di una coppia di fatto, i genitori rimangono tali tutta la vita e il figlio che hanno in comune li vedrà sempre nella necessità di interagire per prendere decisioni e compiere atti formali, in particolare finché i bambini sono minorenni.

Se siete seprati o divorziati e decidete di andare in viaggio, in Italia o all'estero: di quali documenti avete bisogno? serve l'altro genitore per richiederli? che obblighi di avvisare l'altro avete? che diritti di portare il bambino in giro avete? che limiti può imporre l'altro genitore?

Ne abbiamo parlato con lo Studio Legale Barbara D'Angelo ed ecco le informazioni che possono essere utili se volete viaggiare e siete genitori separati o divorziati.

 

I documenti di viaggio dei minori con genitori separati o divorziati

Anche se i genitori del bambino non hanno più un vincolo legale che li unisce, rimangono genitori. Quindi, valgono le stesse regole che si applicano ai minori che sono figli di genitori regolarmente sposati.

Pertanto, per ottenere i documenti validi per l'espatrio (carta di identità e passaporto o dichiarazione di accompagnamento) dovrà essere acquisito l'accordo di entrambi. Per il rilascio del passaporto dei figli minori e personale del genitore, anche se separato, divorziato o non più convivente, è necessario l'assenso anche dell'altro genitore.

In alcuni casi, nel provvedimento del giudice della separazione o del divorzio è fatto esplicito riferimento agli obblighi o al diritto dei genitori di portare i figli in luoghi diversi da quello di domicilio. Ad esempio il giudice può indicare che è fatto divieto ad uno dei genitori di portare all’estero il minore, o di portarlo in certe località, oppure può indicare che il bambino può andare in certi Paesi, senza necessità di previo assenso dell'altro genitore.

Se nel provvedimento non c’è menzione di queste cose, le regole che si applicano sono quelle che seguono.

Se uno dei genitori è contrario al rilascio dei documenti per l’espatrio per il minore

Nel caso in cui uno dei genitori non sia d’accordo sul rilascio di documenti validi per l’espatrio, l’altro genitore può, se lo ritiene, chiedere l’intervento del Giudice Tutelare che, svolti gli opportuni accertamenti, emetterà un provvedimento di assenso al rilascio del passaporto o della carta di identità valida per l'espatrio sostitutivo del consenso del genitore che l'abbia rifiutato.

Il diniego del rilascio dei documenti validi per l'espatrio dev'essere sorretto da motivazioni fondate (ad esempio, quando si teme che il genitore intenda trasferirsi stabilmente all'estero con il figlio, in tal modo interrompendo o rendendo più difficoltosi i rapporti con il genitore che resta in Italia, oppure nel caso in cui vi sia il fondato pericolo che il genitore si trasferisca definitivamente all'estero, sottraendosi agli obbligi di cura e di mantenimento del figlio).

Comunicazioni sui viaggi dei minori, tra genitori separati

Ciascun genitore ha diritto di sapere dove si trova il proprio figlio e di poter comunicare con lui. Quindi, in linea generale, se un genitore organizza un viaggio con il figlio, dovrà comunicare all’altro genitore dove porta il figlio ed indicare un recapito telefonico al quale l'altro genitore possa raggiungere telefonicamente il figlio (basta un cellulare anche dello stesso genitore o il numero della struttura ricettiva). Questo sia all’estero che in Italia, sia per un periodo breve che lungo.

Diciamo che, come per i genitori sposati, entrambi i genitori hanno il diritto di sapere dove sta il figlio e di raggiungerlo telefonicamente.

Un genitore può impedire il viaggio del minore con l’altro genitore?

Nei casi normali di separazione, il genitore che porta il figlio in viaggio ha diritto di farlo, non è tenuto ad acquisire il benestare dell’altro genitore. Deve solo comunicare la meta e un contatto.
Ovviamente questo vale se il viaggio non inficia il diritto dell’altro genitore di trascorrere del tempo con il figlio; se si verifica questa condizione, occorrerà trovare un accordo e, in caso di mancato accordo, rivolgersi al Tribunale per essere autorizzati espressamente al viaggio all'estero.

Se uno dei due genitori è inadempiente, rispetto alla comunicazione, o al rispetto dei tempi di visita dell’altro, si può portare la questione al giudice il quale potrebbe commissionare una sanzione e, nei casi più gravi, persino condannare il genitore inadempiente a risarcire il danno che l'altro genitore o lo stesso figlio hanno subito per il fatto di essere stati costretti ad una lontananza forzata.

L’unico caso in cui il genitore può chiedere ad un giudice di impedire che l’altro genitore porti il bambino in un luogo per un periodo di vacanza è che ci siano evidenze che la meta possa essere pericolosa per il minore. Ad esempio, se si vuol portare il bambino in un Paese instabile politicamente o in guerra, o in un posto insicuro, insalubre, etc. per il bambino. I possibili pericoli per il figlio dovranno essere dimostrati da parte del genitore contrario al viaggio.

Se il genitore ha l’affido esclusivo

Le logiche non cambiano rispetto a quanto abbiamo detto, a meno che l’affido esclusivo non sia accompagnato da indicazioni specifiche o molto stringenti da parte del giudice al momento della separazione.

 

di Barbara Siliquini revisionato dall'Avvocato Barbara D'Angelo

 

 

crediti immagine: Happy mother... on Shutterstock

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Aggiungi commento


Commenti   

Alessia
+1 # Alessia 2018-12-17 14:41
Vorrei sapere visto che i mei genitori sono separati e io e i mei fratelli abitiamo soltanto con nostra madre in caso che io mia mamma e i miei fratelli volessimo trasferirci all'estero per partire e avere il passaporto mio fratello che ha 14 anni deve avere per forza il consenso del padre?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
GenitoriChannel
0 # GenitoriChannel 2018-12-17 15:12
Tutti i minori per avere il passaporto devono avere firma e consenso di entrambi i genitori salvo che sia affidati in via esclusiva ad un solo genitore.
In questo caso il genitore che ha l'affido esclusivo deve portare in questura il decreto del tribunale che lo specifica al momento di richiedere i passaporti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Lalla
0 # Lalla 2019-06-10 04:10
Iio ho l affido esclusivo e ho dovuto chiedere il nullaosta del giudice tutelare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Alessandro Frappi
0 # Alessandro Frappi 2019-02-25 10:49
Buongiorno,

volevo sapere se il passaporto di un minore richiesto dai genitori nel corso dell'unione, successivamente alla separazione occorsa consensualmente , è valido sino alla sua naturale scadenza o deve essere rifatto ex novo.

Nell'attesa, ringrazio e trasmetto cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
GenitoriChannel
0 # GenitoriChannel 2019-02-25 13:39
Salve Alessandro,
direi che continua ad essere valido.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.