Leggere ci rende piu forti... e più pieni di vita

Con la forza delle parole si combatte la violenza: un libro può avere un grande valore, a novembre ancora di più.

Leggere ci rende piu forti: Giunti per le donne

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il 25 novembre, Giunti con #leggerecirendepiuforti fa due cose belle in una:

1. lancia una promozione sulla narrativa al femminile, oltre 50 libri, la maggior parte di scrittrici donne, scontati del 20% fino al 28 novembre 2015

2. destina parte del ricavato di questa promozione al progetto “Piccoli Ospiti Pangea”, un progetto di sostegno ai figli delle donne maltrattate. Questi bambini hanno vissuto tra le mura domestiche la violenza del padre sulla madre. Hanno assistito a scene di violenza, sentito i rumori delle percosse, degli oggetti rotti, delle urla e delle minacce. Tutto questo provoca terrore nei bambini, ma anche solo sapere e percepire la violenza li rende fragili e impotenti.
Il progetto finanziato da Giunti, attraverso i nostri acquisti, ha lo scopo di recuperare il rapporto madre/figli, compromesso dalla violenza subita, intraprendendo un lavoro di rielaborazione del loro vissuto attraverso attività di laboratori ludo-pedagogici e psico-educativi.

Questa volta acquistando un libro, oltre a fare un dono a noi stesse, sosteniamo le donne: le donne che hanno intrapreso la professione di scrittrici e le donne maltrattate che hanno chiesto aiuto per sé e i propri figli.
E' un messaggio davvero potente e per me leggere è una cosa potente. 

 

Leggere ci rende più forti e non solo

E' difficile raccontare l'emozione che un libro porta nella vita di chi lo legge, è un po' come quando cerchi di spiegare com'è essere innamorati o diventare genitori:  lo capisci veramente quando lo sperimenti.

Per me leggere è come infilarsi un microchip di realtà virtuale nella testa in stile Nirvana (vi ricordate il film), o indossare un visore futuristico e sedersi su una poltrona in stile Matrix, trovandosi improvvisamente catapultati in una realtà parallela, in un mondo diverso, è come infilarsi nel teletrasporto di Star Trek...

Per me i viaggi nella realtà virtuale dove in un battito di ciglia ti ritrovi in Brasile, o in Nuova Guinea, oppure salti indietro di secoli, o in avanti nel futuro, dove puoi diventare bambino, cane, uomo, donna, dove puoi prendere le parti dei cattivi o dei buoni, sono un'esperienza quotidiana quando afferro in mano il kindle o un libro con pagine fruscianti.

Leggere è ancora meglio della realtà virtuale perché queste straordinarie apparentementi impossibili possibilità, che nei film ci raccontano come le conquiste del futuro, sono accessibili facilmente, a chiunque, senza bisogno di tecnologie all'avanguardia o di grandi investimenti e soprattutto perché delle storie che leggi e che vivi, puoi portarti dei pezzi indietro nella vita vera. 

Un libro può tingere di allegria una giornata, può farti sentire più romantica, può aprirti gli occhi su punti di vista che non avevi mai considerato, può renderti più aperta o più cinica, può insegnarti ad essere una persona migliore, può controvertire quello che pensavi su una cosa.

Quando leggi ti accorgi di quanto possa essere sovversivo o pericoloso o liberatorio... un libro è come un imbuto che ti versa nel cervello idee vecchie o nuove, suggestioni vecchie o nuove. 

 

I 50 e più libri della promo Giunti #leggerecirendepiuliberi

Nonostante #leggerecirendepiuforti sia associata ad una campagna con un tema serio e importante come quello della violenza sulle donne, ne 50 e più libri in promozione trovate narrativa di tanti tipi: ci sono le storie impegnate, ma anche quelle più leggere, ci sono libri che ti portano a spasso per il tempo o a spasso nelle emozioni e lo fanno con uno stile che ti conquista quanto la storia.

Ho letto diversi titoli tra quelli che Giunti ha inserito nella promo. Ce ne sono alcuni che ho divorato, alcuni che mi sono piaciuti e, ovviamente, anche alcuni che ho faticato a leggere.

Lucinda Riley, ad esempio, è tra le autrici che scrive libri che si fanno divorare. Sono storie dove si intrecciano presente e passato, saggezza e frivolezza, emozioni, luoghi... 

Le cose che non so di te, di Christina Baker Kline, è un libro che non posso non segnalarvi perché mi è piaciuto moltissimo: mette in parallelo le storie di 2 ragazze orfane assegnate a varie famiglie affidatarie. Una è una ragazza dei nostri giorni, un'adolescente che ha creato una corazza per proteggere la fragilità del sentirsi sola e non voluta, l'altra è una ragazzina degli anni 20, una bambina dei "treni degli orfani".
Il libro mi ha permesso di scoprire una parte inquietante della storia degli Stati Uniti degli anni 20, quando centinaia di migliaia di bambini orfani o allontanati dalle famiglie, finivano in adozione a persone che li utilizzavano come servi... un libro da leggere, pieno di intrecci e colpi di scena, con una trama molto realistica e vivace, ricco di spunti, che insegna a guardare oltre certi atteggiamenti e modi respingenti tipici degli adolescenti, che toglie un velo da una pagina di storia inquietante, ma che si fa leggere senza sosta e vi lascia felici con un lieto fine.

Ovunque tu sarai è una storia bella scritta con grande eleganza, l'abbiamo recensita su Genitori Channel in passato.

Approfittate della promo Giunti in sostegno delle donne per farvi un giro di giostra nella realtà virtuale nella quale i libri ci sanno portare regalandoci pezzi da tenere nella vita vera. 

Ci sono moltissimi libri tra cui scegliere, e se ne trovate uno che vi è piaciuto molto, non ve lo tenete per voi! lasciatemi il titolo nei commenti.

 

di Barbara Siliquini

in collaborazione con Giunti

Leggere ci rende più forti 210x210

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

  • Svegliarsi dentro a un sogno: un giallo-rosa da leggere tutto d'un fiato Svegliarsi dentro a un sogno: un giallo-rosa da leggere tutto d'un fiato

    Incontriamo Kiara Dea, autrice del romanzo “Svegliarsi dentro a un sogno”. Parlaci un po’ di te.

    Sono una mamma, ho due bambini e sono felicemente sposata da più di vent’anni. Ho un lavoro part-time e nel tempo “libero” assisto mia madre invalida e faccio la mamma, oltre a gestire un’attività lasciata alla famiglia da mio padre, deceduto qualche anno fa.  

    Questo è il tuo primo romanzo, che hai autopubblicato con Amazon Kindle. Quando hai trovato il tempo di scriverlo, visto i tuoi numerosi impegni?

    Mi è sempre piaciuto scrivere (oltre a leggere, naturalmente), ma non avrei mai pensato di riuscire a scrivere un romanzo. La cosa è nata e si è sviluppata lentamente, un po’ alla volta e senza troppe aspettative. Ho scritto per il piacere di farlo. I personaggi hanno quasi preso vita da soli. Il lavoro di revisione è stato più duro perché ho dovuto fare tutto da sola. 
    Ho scritto principalmente di notte e nei ritagli di tempo, la revisione l’ho fatta soprattutto durante i viaggi nei mezzi pubblici per recarmi al lavoro, con lo smartphone.

    Perché hai scelto di autopubblicarti?

    Una volta terminato il libro, mi sono guardata attorno e ho scoperto che di neoautori come me ce ne sono a migliaia! Le case editrici scrivono a chiare lettere di non spedir loro manoscritti, in quanto non hanno il tempo di leggerli. A quel punto ho fatto una piccola ricerca ed ho scoperto questa bellissima opportunità di poter predisporre un libro personalmente, sia cartaceo che in formato ebook, in modo completamente gratuito. Ho scelto Amazon perché mi dava maggiori garanzie sul fatto che il prodotto risultasse di buona fattura. Inoltre adoro il programma Kindle, mi piace molto la sua impostazione grafica per gli ebook. Devo dire che sono soddisfatta anche della versione cartacea.

    Il tuo romanzo è un giallo-rosa, sei un’appassionata del genere?

    Fin da piccola ho letto molto, soprattutto autori classici. Con gli anni il mio gusto è virato verso la letteratura romance, che mi aiuta a evadere dalla routine della quotidianità. Mi piacciono anche i gialli, purché non siano troppo cruenti. Per questo ho scelto un mix di rosa e giallo.

    Svegliarsi dentro a un sogno racconta di una mamma single e dei problemi che queste donne devono affrontare. Quindi non è autobiografico?

    No, decisamente. Non mi trovo né mi sono mai trovata nella sfortunata condizione iniziale di Annie, la protagonista del romanzo. Ma ho molte amiche che hanno dovuto affrontare questa situazione, quindi mentre scrivevo il libro sono riuscita ad immedesimarmi nella parte della protagonista.

    Senza svelare troppo della trama, ci ha colpito il fatto che la protagonista per anni abbia rinunciato alla sua sessualità, forse perché scottata dall’esperienza negativa con il marito o forse perché crescere un figlio da sole richiede una quantità di tempo e di energia che soffoca i naturali impulsi di una donna. Ti è mai capitato di attraversare uno di quei momenti?

    Certo. Diventare mamma è già un’esperienza che assorbe moltissime energie. Io ho attraversato un momento molto difficile quando ero incinta della mia secondogenita. Mio padre si è ammalato, ed è morto quando la piccola aveva sette mesi. Mi sono trovata a dover affrontare il lutto, la gestione di un’azienda di cui non sapevo quasi niente, due figli di età molto diverse (all’epoca il primogenito aveva otto anni). In quel periodo la mia sessualità era totalmente assopita, lo stress era troppo e ho seriamente rischiato la depressione. Mio marito mi ha sempre sostenuta e aiutata, è soprattutto grazie a lui e anche alla mia forza di volontà se sono riuscita a venirne fuori e a ritrovarmi anche come donna, oltre che come mamma.

    Hai qualche altro manoscritto in cantiere?

    Ho cominciato il secondo romanzo, questa volta più noir rispetto al primo, ma per ora è troppo presto per anticiparne la trama. Anche perché mentre scrivo i personaggi scelgono di modificare il canovaccio che ho in testa, e non so mai esattamente cosa succederà e dove mi porteranno.

    Come si fa ad acquistare Svegliarsi dentro a un sogno?

    Per ora il romanzo è in esclusiva presso il Kindle store di Amazon in formato ebook e partecipa anche al programma Kindle Unlimited (chi è abbonato lo può leggere gratuitamente). Inoltre chi acquista l’ebook lo può prestare senza costi aggiuntivi per 14 giorni ad altri lettori. La versione cartacea è acquistabile tramite il sito Amazon.it, la spedizione è gratuita per chi aderisce ad Amazon Prime. 



     

  • Ebook: dove trovarli gratis o a poco prezzo Ebook: dove trovarli gratis o a poco prezzo

    Vuoi fare un viaggio incredibile in un posto esclusivo spendendo pochi euro? Si può!

  • 10 risorse per risparmiare sui libri per la scuola 10 risorse per risparmiare sui libri per la scuola

    E' ora di ordinare i libri di scuola e possiamo risparmiare almeno fino al 20% ecco come.

  • Bologna Children's book fair: nutrire il gusto per la lettura Bologna Children's book fair: nutrire il gusto per la lettura

    Il gusto per la lettura si forma da 7 a 10 anni e si raffina negli anni successivi

  • Il libro di Christofer - A Wonder Story Il libro di Christofer - A Wonder Story

    Un nuovo imperdibile libro della saga di Wonder: Il libro di Christofer.

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.