20 consigli di lettura per bambini delle elementari

Oggi vi suggeriamo dei bellissimi libri di lettura per i bambini dai 6 ai 10 anni

Ricordate i nostri consigli di lettura per bambini in età prescolare e per piccolissimi alle prime parole?
Beh ci mancavano per i bimbi delle scuole elementari.
Molti di loro si saranno visti assegnare come compito delle vacanze quello di leggere alcuni libri.
Sì ma quali?

Ecco qualche idea sparsa, pescando qua e là tra classici ed ultime novità, fumetti e primi romanzi per iniziare la lettura autonoma.

Sono tutti libri che possono essere letti a voce alta da un genitore a partire dai 6 anni circa, ed autonomamente dopo gli 8.

Primi romanzi

Un po' classici

pippiIl primo grande romanzo classico di sicuro successo presso ogni bambino non può che essere Pippi Calzelunghe.
Ne abbiamo visto il telefilm, ne conosciamo le avventure e le immagini, ma il romanzo originale ancora oggi resta secondo me un capolavoro imperdibile.

Astrid Lindgren, Pippi Calzelunghe, Salani, 2012

Pippi è una bimba ribelle e sola, incarna il bisogno e la volontà dei bambini di avere uno spazio ed un tempo propri, separati da quelli dei genitori, in cui curarsi delle cose importanti dell'infanzia (il divertimento, il rischio, l'amicizia, lo sperimentare) e non curarsi delle altre (le regole, le necessità pratiche, il danaro).
Allo stesso tempo Pippi simboleggia la solitudine di una così grande assenza.

Scritto da una donna a sua volta ribelle ed anticonvenzionale: Astrid Lindgren, al suo tempo avversata, ma oggi riconosciuta universalmente: le è stato intitolato perfino un premio letterario.
Su Pippi e sulla sua autrice vi segnalo le belle riflessioni di Genitoricrescono: Perché abbiamo ancora bisogno di pippi calzelunghe.

In Italia si trova edito da Salani, con le belle illustrazioni di Ingrid Vang Nyman, e l'ultima ristampa è del 2012.

 

lupouraganoPinin Carpi è un autore italiano, che ormai possiamo annoverare tra i quasi classici. Oltre all'evidente vantaggio di offrire storie da leggere in lingua originale, Carpi regala personaggi pieni di cuore, vicende divertenti e magiche, una grande attenzione ed empatia nei confronti dell'animo bambino.
Per giunta con un linguaggio vivace, pieno di accidenti, espressioni buffe ed aggettivi d'altri tempi.

Per cominciare l'ideale è un romanzo quasi a puntate, fatto di episodi autoconclusivi, che permettono di tenere l'attenzione alta, anche se non si è ancora abituati a storie lunghe.

Pinin Carpi, Le avventure di Lupo Uragano, Piemme, 2004

Lupo Uragano è un marinaio davvero eccezionale. Gira per i mari con una nave dalle fattezze di isola e con la compagnia di bizzarri animali e di una dolce cuoca di bordo, piena di calma e di buon senso. Un marinaio così non può approdare in luoghi normali: infatti ogni città raggiunta da Lupo ha qualche caratteristica incredibile, che ribalta il quotidiano, e lo rende proprio come ogni bimbo lo ha, almeno una volta, sognato.

Altri capolavori di Carpi, per chi già legge romanzi lunghi, sono Cion Cion blu e La città dei maghi. Altre due girandole di personaggi e vicende magiche, dallo stile inconfondibile. In questo caso però si tratta di libri lunghi (sulle 300 pagine con poche illustrazioni) con una storia unica, quindi da riservare al momento in cui si è sicuri che i bambini sono in grado di seguirla.

 

Unkastner quasi classico (purtroppo) sempre attuale è questo romanzo snello ma densissimo.

Erich Kastner, La conferenza degli animali, Piemme, 2011

Si racconta la storia di una sollevazione del tutto originale: di tutti gli animali del mondo a difesa dei bambini vittime delle guerre.
Un libro importante e piacevole, con qualche difetto non trascurabile nella rappresentazione dei rapporti tra sessi, dovuto certamente all'epoca: risale infatti al 1949. Per questo motivo va letto con spirito critico, e mediato.
Una recensione con riflessioni importanti legate alla rappresentazione di genere è quella di Libriemarmellata.

 

il dragoItalo Calvino, Il drago e le farfalle ed altre storie, Mondadori, 2012

L'ultimo classico è di uno dei più grandi scrittori italiani, che tanto ha offerto anche ai bambini. Oltre a romanzi adatti a ragazzini un po' più grandi, ha curato la grandissima raccolta di Fiabe italiane, che si può trovare edita da Einaudi, e pubblicato il meraviglioso Disegni arrabbiati, dedicato ai bambini più piccoli.

Ma recentemente è stata pubblicata una raccolta inedita di tre strepitosi racconti, meravigliosamente illustrati e davvero perfetti per bambini sopra i 6 anni.
Parlano infatti di draghi, pirati, inganni e viaggi stupefacenti. Hanno una lunghezza limitata ed un linguaggio ironico, denso, musicale.
Se volete saperne di più, potete leggerne la recensione su LibereLettere.

 

 Un po' avventurosi

Cosa c'nocedicoccoè di meglio di tante avventure con un piccolo protagonista che gira il mondo, ne combina di tutti i colori, ha tanti amici, sembra proprio un bambino ... ma è un draghetto?

Ecco allora non un libro, ma un'intera serie, di cui il primo è:

Ingo Siegner, Nocedicocco draghetto sputafuoco, Einaudi, 2009

Graziosamente illustrato dall'autore, il primo volume è forse il più carino ed ispirato della serie: vengono presentati tutti i principali personaggi e la vita sull'Isola dei Draghi (dove i piccoli hanno molti problemi in comune con i piccoli umani, come ... la scuola!) e si svolge una travolgente e divertente avventura al salvataggio di uno dei migliori amici di Nocedicocco.

Ma se i protagonisti diventano, come probabile, un must di famiglia, avrete da sbizzarrirvi con tutte le successive avventure a tema.
Le nostre preferite? Nocedicocco fa il giro del mondo, Nocedicocco e gli indiani, Nocedicocco e l'isola dimenticata.

 

minuscoloC'è un altro piccolo protagonista di un'avventura davvero unica: si tratta di Minuscolo, un elefantino che perde la sua famiglia e si trova costretto ad un vero e proprio viaggio iniziatico.

Da questo viaggio difficile e nato dalla necessità, Minuscolo riporterà molti amici, affetti, ed una nuova e completa coscienza di sé e del proprio piano di vita.

Erwin Moser, Minuscolo, Einaudi, 2000

Un romanzo davvero breve ed ideale per gli inizi, leggibile anche tutto in una volta, ma abbastanza "intenso" per certi versi: la perdita dei genitori, lo scoraggiamento, la fiducia in sé ... contiene molte cose importanti.
Anche qui l'autore è al contempo illustratore, con immagini incantevoli ed inconfondibili.

Immagini che potete ritrovare nelle sue raccolte di racconti, come La barca dei sogni, popolate di personaggi onirici, dolci e rigorosamente zoomorfi.

 

Un po' noir

Dite che questo genere non è adatto a dei bambini? In realtà molto immaginario delle fiabe tradizionali è fondato sulla paura e sulla sua sconfitta. Penso che, mantenendosi sempre in ascolto, si possano proporre storie un po' terrorizzanti, con personaggi strampalati, fuori dal comune e situazioni dall'umore un po' nero.

ilgggTutti conoscerete il genio sarcastico di Roald Dahl. Famoso per La fabbrica del cioccolato, ed entrato ormai nell'empireo dei più grandi autori per bambini. Questa è l'età giusta per iniziare a proporlo.
Un titolo per cominciare?

Roald Dahl, Il GGG, Salani editore, 2010, con illustrazioni di Quentin Blake

La storia di una bimba, della sua paura, di un amico decisamente sui generis ... Se volete saperne di più, potete leggere interessanti considerazioni su GiGi, il Giornale dei giovani lettori.

Se poi scoprite che lo stile convince i vostri lettori, vi potete lanciare ne Gli sporcelli, o procurarvi un bel cofanetto con più romanzi.

 

fumonegliocchiCompletamente diverso, ma un'autentica perla di bellezza sempre dallo stile un po' dark, questo piccolo libro di cui Fabian Negrin è autore unico:

Fabian Negrin, Fumo negli occhi, Orecchio Acerbo, 2005

Una storia d'amore decisamente eccezionale, dal ritmo perfetto, dall'immaginario fiabesco, di sapore orientale e quasi horror (ma il giusto). Illustrata in maniera incantevole, con tavole davvero emozionanti e di una raffinatezza unica. Come il racconto.

 

Storie illustrate, ma "difficili"

Ecco alcuni esempi per sfatare il mito che gli albi illustrati (ovvero libri con poche parole e preponderanza di immagini, di solito di grosso formato) non interessino più i bimbi sopra i sei anni.

 

nuvolabluTomi Ungerer, La nuvola blu, Electakids, 2012

Per cominciare ecco la recente riedizione di uno stupendo classico pacifista ed emozionante.

La storia di una nuvola coraggiosa, nonviolenta e capace di vera empatia, con le illustrazioni piene di forza e la sottile ironia del grande Tomi Ungerer. Una storia davvero per lettori già in grado di elaborarla.
Potete leggerne la nostra recensione su LibereLettere.

Se poi volete leggere altro di Ungerer, sicuramente i lettori potrebbero apprezzare le amicizie "particolari" di Crictor, Rufus e I tre briganti, anche se sono comunque già adatti anche a bimbi più piccoli.

 

mangialibriOliver Jeffers, L'incredibile bimbo mangialibri, Zoolibri, 2009 (versione pop up, 2011)

Una storia esilarante, ma per raccontare un accadimento profondo: la scoperta della lettura e delle aspettative (errate) su di sé.
Una storia che ha molto a che vedere con il modo in cui ai bambini viene chiesto di apprendere, e quello in cui invece effettivamente apprendono. Davvero imperdibile.

Di Jeffers e del libro si può leggere di più nel bellissimo post di Gavroche.

Sempre di Jeffers, un altro albo in cui dei ragazzini intorno ai sette - otto anni possono riconoscersi alla perfezione: Nei guai.
Storia irresistibile sugli effetti a valanga di alcune, innocue, azioni tipiche dei bambini che giocano.

 

zoosegretoFrancesca Bazzurro, Giovanna Zoboli, Zoo segreto, Topipittori, 2004

Ecco che un albo, con una grazia ed una raffinatezza unici, riesce ad entrare nel mare profondo e talvolta tumultuoso dei sentimenti, utilizzandone, per parlare al piccolo lettore, la somiglianza con i diversi animali ed i loro caratteri distintivi.

Un libro che trovo bellissimo per poetica e scelte grafiche, e che ha dato inizio al catalogo di questa coraggiosa casa editrice, come raccontato da loro stessi sull'omonimo blog.
Catalogo che, anche per quanto riguarda il settore degli illustrati, trovo abbia un occhio di riguardo nei confronti dell'immaginario dei più grandi, e nel quale si può dunque pescare a piene mani.

Qualche titolo? Ad esempio i più recenti Cose che non vedo dalla mia finestra e La leggerezza perduta.

 

Libri per conoscere (quello per cui in inverno non c'è mai tempo)


esperimenti3Delphine Grinberg, Gioco scienza: i 60 esperimenti più divertenti, Editoriale Scienza, 2013

Non c'è niente di meglio per imparare che sperimentare da sé. E non c'è niente di meglio dell'estate per prendersi del tempo per scoprire gli elementi della natura, grazie a qualche semplice - ma efficace - esperimento.
In fondo d'estate pulire è più facile, e bangnarsi non è poi così grave ...

In questo volume trovate tutte le idee che vi servono per approcciare problemi scientifici importanti, ma in maniera assolutamente empirica e divertente. Con esperimenti semplici, e che non abbisognano di materiali particolari, ma solo di quelli domestici e di riciclo.
Per saperne di più, leggete i test del libro, su LibereLettere.

 

natiieriLaura Magni, Roberto Lucani, I nati ieri e quelle cose lì (ovvero tutto quello che i ragazzini vorrebbero sapere sul sesso), Carthusia, 2007

E per concludere: perché non approfittare della calma delle vacanze e del tempo passato insieme per parlare di un argomento naturale quanto difficile come il sesso?

Marcello Bernardi, il celebre pediatra, che commenta questo libro, sosteneva che per i bambini ricevere risposte sincere ed adeguate è un diritto. Però talvolta per darle può servire un aiuto, e questo libro, che più che un albo è in realtà un fumetto corredato da brevi testi, lo è a pieno titolo.

È sincero, spudorato, affronta tutti gli argomenti connessi, anche i più spinosi, ma è al contempo delicato.
Ne parla anche Sonia Bozzi, su UPPA.

 

E con questo abbiamo cercato di darvi un po' di idee sparse, ma a tutto tondo. Vi servono suggerimenti specifici? Scriveteci!

E poi diteci: quali libri vogliono mettere i vostri bimbi negli zaini prima di partire?

di Caterina Lazzari
LibereLettere

 

Articoli correlati (da tag)

  • Svegliarsi dentro a un sogno: un giallo-rosa da leggere tutto d'un fiato Svegliarsi dentro a un sogno: un giallo-rosa da leggere tutto d'un fiato

    Incontriamo Kiara Dea, autrice del romanzo “Svegliarsi dentro a un sogno”. Parlaci un po’ di te.

    Sono una mamma, ho due bambini e sono felicemente sposata da più di vent’anni. Ho un lavoro part-time e nel tempo “libero” assisto mia madre invalida e faccio la mamma, oltre a gestire un’attività lasciata alla famiglia da mio padre, deceduto qualche anno fa.  

    Questo è il tuo primo romanzo, che hai autopubblicato con Amazon Kindle. Quando hai trovato il tempo di scriverlo, visto i tuoi numerosi impegni?

    Mi è sempre piaciuto scrivere (oltre a leggere, naturalmente), ma non avrei mai pensato di riuscire a scrivere un romanzo. La cosa è nata e si è sviluppata lentamente, un po’ alla volta e senza troppe aspettative. Ho scritto per il piacere di farlo. I personaggi hanno quasi preso vita da soli. Il lavoro di revisione è stato più duro perché ho dovuto fare tutto da sola. 
    Ho scritto principalmente di notte e nei ritagli di tempo, la revisione l’ho fatta soprattutto durante i viaggi nei mezzi pubblici per recarmi al lavoro, con lo smartphone.

    Perché hai scelto di autopubblicarti?

    Una volta terminato il libro, mi sono guardata attorno e ho scoperto che di neoautori come me ce ne sono a migliaia! Le case editrici scrivono a chiare lettere di non spedir loro manoscritti, in quanto non hanno il tempo di leggerli. A quel punto ho fatto una piccola ricerca ed ho scoperto questa bellissima opportunità di poter predisporre un libro personalmente, sia cartaceo che in formato ebook, in modo completamente gratuito. Ho scelto Amazon perché mi dava maggiori garanzie sul fatto che il prodotto risultasse di buona fattura. Inoltre adoro il programma Kindle, mi piace molto la sua impostazione grafica per gli ebook. Devo dire che sono soddisfatta anche della versione cartacea.

    Il tuo romanzo è un giallo-rosa, sei un’appassionata del genere?

    Fin da piccola ho letto molto, soprattutto autori classici. Con gli anni il mio gusto è virato verso la letteratura romance, che mi aiuta a evadere dalla routine della quotidianità. Mi piacciono anche i gialli, purché non siano troppo cruenti. Per questo ho scelto un mix di rosa e giallo.

    Svegliarsi dentro a un sogno racconta di una mamma single e dei problemi che queste donne devono affrontare. Quindi non è autobiografico?

    No, decisamente. Non mi trovo né mi sono mai trovata nella sfortunata condizione iniziale di Annie, la protagonista del romanzo. Ma ho molte amiche che hanno dovuto affrontare questa situazione, quindi mentre scrivevo il libro sono riuscita ad immedesimarmi nella parte della protagonista.

    Senza svelare troppo della trama, ci ha colpito il fatto che la protagonista per anni abbia rinunciato alla sua sessualità, forse perché scottata dall’esperienza negativa con il marito o forse perché crescere un figlio da sole richiede una quantità di tempo e di energia che soffoca i naturali impulsi di una donna. Ti è mai capitato di attraversare uno di quei momenti?

    Certo. Diventare mamma è già un’esperienza che assorbe moltissime energie. Io ho attraversato un momento molto difficile quando ero incinta della mia secondogenita. Mio padre si è ammalato, ed è morto quando la piccola aveva sette mesi. Mi sono trovata a dover affrontare il lutto, la gestione di un’azienda di cui non sapevo quasi niente, due figli di età molto diverse (all’epoca il primogenito aveva otto anni). In quel periodo la mia sessualità era totalmente assopita, lo stress era troppo e ho seriamente rischiato la depressione. Mio marito mi ha sempre sostenuta e aiutata, è soprattutto grazie a lui e anche alla mia forza di volontà se sono riuscita a venirne fuori e a ritrovarmi anche come donna, oltre che come mamma.

    Hai qualche altro manoscritto in cantiere?

    Ho cominciato il secondo romanzo, questa volta più noir rispetto al primo, ma per ora è troppo presto per anticiparne la trama. Anche perché mentre scrivo i personaggi scelgono di modificare il canovaccio che ho in testa, e non so mai esattamente cosa succederà e dove mi porteranno.

    Come si fa ad acquistare Svegliarsi dentro a un sogno?

    Per ora il romanzo è in esclusiva presso il Kindle store di Amazon in formato ebook e partecipa anche al programma Kindle Unlimited (chi è abbonato lo può leggere gratuitamente). Inoltre chi acquista l’ebook lo può prestare senza costi aggiuntivi per 14 giorni ad altri lettori. La versione cartacea è acquistabile tramite il sito Amazon.it, la spedizione è gratuita per chi aderisce ad Amazon Prime. 



     

  • Ebook: dove trovarli gratis o a poco prezzo Ebook: dove trovarli gratis o a poco prezzo

    Vuoi fare un viaggio incredibile in un posto esclusivo spendendo pochi euro? Si può!

  • 10 risorse per risparmiare sui libri per la scuola 10 risorse per risparmiare sui libri per la scuola

    E' ora di ordinare i libri di scuola e possiamo risparmiare almeno fino al 20% ecco come.

  • Marocco on the road con bambini - Marrakech, Casablanca e costa atlantica Marocco on the road con bambini - Marrakech, Casablanca e costa atlantica

     Marrakech, Casablanca, Azzemmour, El Jadida, Oualidia, Essauira con i bambini.

  • Lavoretti e giochini per l'estate Lavoretti e giochini per l'estate

    Idee in libertà per intrattenere i bambini durante l'estate...

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.