Il marito di mia mamma e la moglie di mio papà

By Maggio 23, 2012

"E' arrivata tua mamma e tuo..."
Quante volte ho dovuto completare questa frase con un'incerto "...suo marito". E quante volte ho pensato di inventare una parola che definisse la relazione tra me e il marito di mia mamma o tra me e la moglie di mio papà.
La verità è che le uniche parole esistenti, patrigno e matrigna, hanno un sapore così negativo da non prenderle neanche in considerazione.
E che dire delle "sorellastre"?
Alzi la mano chi non ha visualizzato immediatamente Anastasia e Genoveffa, le due bruttissime antagoniste di Cenerentola.


Ultimamente ho scoperto che esiste il grado di parentela "comare" e "compare" che definisce la relazione tra la propria mamma e la propria suocera (o tra papà e suocero). Ma il "marito di mia mamma" resta sempre il marito di mia mamma quasi che la nostra relazione esista solo in funzione di quella che lui ha con mia mamma.

In effetti in parte è così, se i miei genitori non si fossero separati e risposati non avrei avuto nessun rapporto con altri adulti. La "famiglia allargata" è un fenomeno abbastanza recente, il referendum sul divorzio risale al '71 ma ancora negli anni '90 quando frequentavo il Liceo, essere" figlia di genitori separati" era un marchio raro e non sempre ben accetto.
La percentuale di divorzi però è sempre in aumento e aumentano quindi anche le famiglie allargate. La parola famiglia assume significati nuovi che vanno al di là dei legami di sangue o di quelli burocratici. Difficile dire se questo sia un fatto positivo o negativo. Di certo molte coppie prima del referendum rimanevano sposati senza amarsi nè condividere più nulla l'uno con l'altra. In ogni caso è un fatto e in questo articolo lo prendiamo come tale.

Un papà un giorno raccontandomi la sua storia mi disse che aveva cresciuto entrambe le figlie allo stesso modo ma la prima non era in realtà sua figlia biologica, aveva un altro papà che vedeva spesso e con cui entrambi avevano un ottimo rapporto. Mettiamo per esempio che decidesse di lasciare la sua compagna, cosa succederebbe al rapporto con questa bambina?
Ricordo con grande divertimento la difficoltà di un'addetta all'anagrafe quando, già adulta, spostai per un periodo la mia residenza a casa di mia mamma e del suo attuale marito...
"quindi lei e questo Signore risultereste...conviventi!"
Convenimmo entrambe che era una soluzione ridicola ma che era l'unica soluzione burocraticamente possibile.

Da quando mia figlia è in grado di fare domande mi chiede spesso di quando la nonna F. e il nonno S. erano sposati. Lo fa con curiosità così come mi chiede "come nasce l'acqua?"  ma lo fa anche con una semplicità che mi sorprende poichè per lei tutto il tema della famiglia allargata/separata/di fatto... non ha nessun significato. Per lei esistono degli adulti che hanno con lei un rapporto affettivo e a cui lei vuole bene, indifferentemente dal tipo di parentela e dalle loro relazioni.

Per me essere "figlia di genitori separati" ha avuto un impatto abbastanza forte nella mia vita ma noto che lo stesso non vale per i miei nipoti per esempio. Forse conta l'età che hanno i figli quando avviene la separazione o forse conta la relazione che i genitori riescono a mantenere anche dopo la separazione, di sicuro difficile e soggetta a brusche interruzioni e riprese. Anche perchè se due persone decidono di separarsi significa che la loro relazione non era poi tanto serena, è quindi spesso molto arduo ricostruire la serenità dopo il distacco.
O forse ancora conta il tessuto sociale che hai intorno che contribuisce a farti sentire un pesce fuor d'acqua oppure "nella normalità".

Posso dire nella mia esperienza che l'aver avuto due "altri" genitori e due "altri" fratelli è stato e continua a essere un grande arricchimento nella mia vita e, a parte rare eccezioni, mi pare di osservare che questo valga per la maggior parte dei figli ormai adulti. La premessa doverosa è che il genitore "altro" deve essere molto consapevole e lucido del fatto che non può intervenire a livello educativo con dei figli che ha "guadagnato" a 10-12 anni.
Allora il genitore "altro" diventa un adulto con cui poter condividere cose che possono essere difficili da dire ad un genitore, ti conosce e ti ama ma non entra nella dinamica conflittuale tipica del genitore con il figlio. Allo stesso modo i fratelli "altri" allargano il numero di persone a cui poter chiedere aiuto o semplicemente con cui stare bene insieme avendo vissuti ed esperienze comuni.

Allora la parola "famiglia allargata" prende una grossa connotazione positiva e magari sostituisce in parte quel tessuto familiare di una volta, i cui fili sono stati sfilacciati dagli spostamenti, dalla volontà di fare delle scelte individuali (che non erano previste qualche generazione fa).

Mi ritrovo perciò nella speranza che i nostri figli, seconda generazione dopo i cambiamenti epocali degli anni '70, possano mettere le basi per un nuovo concetto di famiglia basato sui valori classici di unione, amore, forza, fratellanza e libero di restrizioni e paradigmi non più attuali o che perlomeno inventino una parola sensata con cui poter chiamare il marito di mia mamma o la moglie di mio papà!

di Barbara Motolese

Articoli correlati (da tag)

  • La comunicazione empatica e non violenta La comunicazione empatica e non violenta

    La Comunicazione NonViolenta (chiamata anche CNV o comunicazione empatica) è un processo di comunicazione assertiva sviluppato da Marshall Rosemberg a partire dagli anni '60 e  ci aiuta a esprimere il nostro sentire sospendendo il giudizio su di sè e sugli altri. Anche nella comunicazione con i nostri figli, piccoli o grandi che siano, possiamo mettere in pratica piccoli o grandi cambiamente che miglioreranno la relazione con loro .

    In questo articolo Luana De Falco, Mediatrice Relazionale e Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta, ci introduce a questo argomento portandoci anche qualche esempio pratico.

    Se vi interessa l'argomento, il 26 e 27 Maggio Luana sarà vicino a Torino con Maria Grazia Lia per un corso dedicato a "Homeschooling e comunicazione empatica", tutte le informazioni a fine articolo.

     ***

    Nel suo libro….”Le parole sono finestre (oppure muri)”, Marshall Rosenberg scrive:“ La CNV (Comunicazione NonViolenta) è un linguaggio di processo che scoraggia le generalizzazioni statiche….”.

    Ho voglia di dirvi tantissime cose sulla CNV, oggi ho pensato di condividere con voi questo passaggio, che ci parla di quanto la staticità nel pensiero e nel lessico, bloccano la possibilità di incontrarci. 

    Cos'è la CNV?

    Quando diciamo sei così, è giusto questo o quello, devi fare la tal cosa, non ci si comporta in questo modo, …. velocissimamente ci pietrifichiamo in una posizione (statica) e in questa staticità non c’è più spazio per un dialogo fluido, curioso, creativo.
    Quello che ci propone la Comunicazione NonViolenta è di appropriarci di un linguaggio in cui parliamo di come ci sentiamo noi, in relazione a quello che accade e portare la nostra curiosità per cosa prova l’altro.

    Usciamo dalla staticità dei luoghi comuni, di definizioni generiche, di convinzioni culturali e sociali, per parlare di cosa proviamo ed ha valore per noi, proprio in quel momento ed interessarci all’altro per quello che è vivo in lui.

    Mettiamo in scena una danza, un dialogo ricco di scambi, in cui non sentiamo più il bisogno di dimostrare, attaccare o difenderci ma spiccano la voglia di farci conoscere e la curiosità di conoscere.
    Ogni volta che appiccichiamo un etichetta o diamo un giudizio su qualcuno: “Sei pigro e svogliato” (o sei geniale) … o facciamo una profezia: “Non combinerai mai nulla, se continui così!” ci fissiamo in una posizione di distanza con altro, rigidità, a volte ostilità e risentimento, forse impotenza e rassegnazione e dall’altra parte potremmo incontrare vergogna, senso di colpa o rabbia e insofferenza… tutto questo ci allontana, non ci permette di vederci ed ascoltarci, potrebbe creare dei muri molto faticosi da tirar giù o oltrepassare.



     

    Cosa succede quando usiamo la CNV

    Quando ci liberiamo di questi macigni “culturali” e “abituali”, per sperimentare un linguaggio (Rosenberg… sostiene) “Naturale”, in cui parliamo delle nostre sensazioni e bisogni e ci incuriosiamo ai quelli dell’altro..

    “Sono un po’ preoccupata e inquieta nel vedere che non finisci la tua relazione, vorrei sentirmi tranquilla che ti stai prendendo cura dei tuoi progetti”

    ...e facciamo delle richieste chiare...

    “ti andrebbe di dirmi come ti senti a riguardo?”

    ...entriamo in un linguaggio che incoraggia lo scambio, l’apertura e l’incontro alla ricerca di soluzioni condivise.

    Quando impostiamo un linguaggio di questo tipo con i nostri figli, quello che si sviluppa è il desiderio di contribuire al benessere reciproco, poiché, invece di insegnare com’è “bene” comportarsi, a livello intellettuale…. accompagniamo i bambini nella scoperta di quanto e piacevole quando le nostre azioni contribuiscono a rendere la vita, nostra e altrui, più bella (meravigliosa).

    Questo lo facciamo affiancandoli con l’osservazione, notando insieme a loro quali sentimenti ed emozioni provano in relazione al loro agire e porgendogli i nostri con delicatezza.

     

    Un esempio di Comunicazione empatica

    Invece di dire:

    “Bravo, sei proprio un bravo bambino, è così che ci si comporta!”

    portandogli una valutazione dall’esterno, gli potremmo dire:

    “ ho visto che è spuntato un grande sorriso sulla tua bocca, quando hai sollevato Giacomo da terra e lui ti ha ringraziato ed abbracciato”

    Ci riferiamo a quello che è successo specificatamente e poi lo accompagnamo nell’esplorazione…

    “com’è stato per te?"

    …e gli potremmo anche parlare di noi..

    “io mi sono emozionata, ho provato gioia e leggerezza, mi piace quando vedo che vi sostenete tra di voi”

    .. e potremmo anche esprimere la nostra gratitudine e spiegare il perché..

    “grazie per questo tuo gesto, mi sento al sicuro e nella collaborazione quando ci penso”.

    Che ne dite? … Sì lo so, può sembrare complicato!… quello che ho scoperto io e che è una specie di droga, quando sto in questa qualità di dialogo, quando ci riesco… liberandomi da zavorre, convinzioni e smania di insegnamento e sto semplicemente lì, in quello che c’è in me e nell’altro, con tenerezza, stupore e gratitudine…. questo Nettare è talmente Buono ( Come dice il mio caro amico Eduardo Montoya) che non vedi l’ora di assaggiarne ancora un po’.



     

    Corso Homeschooling e comunicazione empatica, Pino Torinese (To), 26 e 27 Maggio 2018

    L'homeschooling è una strada possibile per la vostra famiglia?
    Per partire con consapevolezza e con le informazioni efficaci. Maria Grazia Lia e Luana De Falco, due mamme homeschoolers, conduranno questo intenso fine settimana attraverso testimonianze, decreti legislativi, vari stili e approcci, verso quella che potrà essere la strada percorribile della vostra famiglia.
    Inoltre verranno condivisi gli strumenti per una comunicazione che arriva dal cuore.

    Per tutte le informazioni consultate l'evento su Facebook

    31282235 1735726356510376 1705750629588140032 o

     


    di Luana De Falco
    Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta
    Mediatrice Relazionale

     

    Credit immagine principale: Side view of handsome father...stock photo di George Rudy su Shutterstock

  • Genitori separati o divorziati: tutte le regole per viaggiare con i figli Genitori separati o divorziati: tutte le regole per viaggiare con i figli

    Se i genitori di un bambino sono separati o divorziati, quali obblighi e diritti hanno se vogliono portare in viaggio il figlio?

  • Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore - II parte Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore - II parte

    Peter Gray commenta il libro di Bruno Bettleheim.

  • Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore

    Peter Gray commenta il libro di Bruno Bettleheim.

  • L'affido: crescere i bambini con amore L'affido: crescere i bambini con amore

    Avete mai pensato di poter essere genitore per un figlio che non avete generato?

Aggiungi commento


Commenti   

giada
0 # giada 2012-05-23 10:26
Ciao! io sono separata e figlia di genitori separati...
i miei genitori si sono separati quando avevo 15 anni, mio padre si è risposato cinque anni dopo. Se devo nominare sua moglie con chi non mi capisce se nomino solo il nome proprio, per è...la moglie di mio padre, semplicemente :-) non amo il termine matrigna, mi sembra così negativo!
Con mia figlia è diverso: io e suo padre ci siamo separati quando aveva un anno, un anno dopo abbiamo iniziato la convivenza con il mio compagno, ora lei ne ha tre e mezzo ed una sorellina (sorellastra?? ma per favore!) di tre mesi. Per lei il mio ex marito è il "babbo", il mio compagno, che io le ho sempre presentato per nome, è "papà". Lo ha deciso lei, parlando con un'amichetta. Così come chiama nonni tutti e sei (i miei genitori, la mia nonna, i genitori del suo babbo e i genitori del mio compagno). Solo la moglie di mio padre non è "nonna" ma "tata", perchè non ha l'età da nonna :-)
per noi è tutto così complesso, per loro è semplice e naturale, è sempre stato così. Gioca con tutti, obbedisce a me e al mio compagno. Coccola noi due, e vive la "sorellastra" come una sorella al 100% ^^

in Francia il compagno\coniug e del proprio genitore è il "terzo genitore". (quindi si possono avere un papà, una mamma e due terzi genitori, non c'è un quarto). C'è una legislazione che difende il diritto del bambino, nel caso di separazione tra genitore e terzo genitore, di continuare ad avere il legame affettivo che ha instaurato con questa "nuova" figura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Barbara Siliquini
0 # Barbara Siliquini 2012-05-23 10:55
Citazione giada:

in Francia il compagno\coniuge del proprio genitore è il "terzo genitore". (quindi si possono avere un papà, una mamma e due terzi genitori, non c'è un quarto). C'è una legislazione che difende il diritto del bambino, nel caso di separazione tra genitore e terzo genitore, di continuare ad avere il legame affettivo che ha instaurato con questa "nuova" figura.


Wow Giada, grazie per la tua condivisione, e anche per questa informazione sul terzo genitore... molto interessante.
bs di GenitoriChannel
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
MammaVale
0 # MammaVale 2012-05-23 16:10
Ciao!
anche io figlia di separati, ma ahimè Siciliani, non Francesi. Quindi la battaglia, 40 anni dopo, non è ancora finita :(
Mi fa piacere leggere di una separazione che ha addirittura "arricchito".
Io da quella dei miei genitori ho avuto solo sofferenza, rabbia, astio, infelicità e lacrime.
(unica nota positiva: la nuova moglie di mio papà che io chiamo "la mia Fatamatrigna"! l'unica persona responsabile e con la testa sulle spalle in tutta questa storia)
La rabbia è tale che quando una mia cara amica si è separata, vivendo i suoi racconti ho lasciato morire la ns amicizia: ha iniziato anche lei a fare gli stessi errori di mia madre, e io non sono riuscita a controllare i miei sentimenti neanche con lei...
Soffro ogni volta che la incrocio, soffro per me, e per i suoi figli, vittime innocenti di un'altra separazione...
:(

MammaVale
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
ERINA
0 # ERINA 2015-05-23 17:06
Ciao Io sarei stata una matrigna , ma ormai, oggi no lo sono più perchè mio marito è deceduto, A questo punto potrei pensare che ognuno di noi può fare la propria strada, invece mi ritrovo dopo tanto tempo40 anni , ad essere presentata come mamma , però oggi non sono pronta , perchè in questi anni, ho molto sofferto di questa situazione, se 40 anni fa avessi avuto anche solo un cenno di affetto e non di competizione , tante cose sarebbero andate diversamente , perchè mio marito era vedovo, dunque non toglievo nulla, Dovessi tornare indietro risposerei mio marito , perchè il nostro è stato un grande amore , ma senza figli, Io non ne ho fatto di miei , destino o ppure cosa , ciao Erina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
barbara M
0 # barbara M 2015-05-25 14:21
Grazie della tua testimonianza Erina, i rapporti genitori-figli sono spesso complicati, più di quel che dovrebbero, indipendentemen te che siano figli biologici o meno.
L'anno dopo aver scritto questo articolo il marito di mia mamma è morto per un tumore fulminante, è stato molto triste per tutti noi, in un modo un poco diverso siamo uniti da legami molto forti anche se non sono tutti "di sangue"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.