Santa Lucia, la festa della luce

Nella notte tra il 12 e il 13 dicembre in molte città italiane i bambini aspettano l'arrivo di Santa Lucia, che porta i doni a coloro che sono stati bravi. Anche nei Paesi Scandinavi la Santa è festeggiata come emblema della luce che ha il sopravvento sul buio.

La storia

La leggenda vuole che Lucia sia vissuta verso la fine del III secolo d.C., in Sicilia, erede di una delle famiglie più in vista di Siracusa.

In seguito ad un miracolo occorso alla madre malata, Lucia decide di non rispettare la promessa di matrimonio fatta dalla propria famiglia ad un giovane patrizio e di cedere i propri beni ai poveri.

Venuto a conoscenza di tutto questo, il promesso sposo la denuncia alle autorità, in quanto cristiana e perseguitabile. Durante il processo il promesso sposo tenta di convincerla a rinnegare la propria fede, ma Lucia non cede. Condannata al postribolo, i buoi che devono trascinarla via non riescono a spostarla. Viene data alle fiamme, ma il suo corpo non brucia. Viene quindi decapitata da un soldato.

La versione secondo cui Lucia si cava gli occhi per mandarli al suo pretendente non ha riscontri negli atti del processo. La tradizione popolare si basa proprio sulla cecità della Santa.

Nove anni dopo la sua morte - avvenuta nel 304 d.C. - l'imperatore Costantino proclama la libertà di culto per i Cristiani, mettendo fine ai martiri.

 

La tradizione

Nella notte del solstizio invernale, il giorno più corto dell'anno, Santa Lucia diffonde la luce attraverso i suoi occhi accecati.Con l'adozione del calendario gregoriano, la festa non coincide più con il solstizio, ma ha mantenuto la data del 13 dicembre.

In alcune zone del nord Italia nella notte tra il 12 e il 13 dicembre la santa distribuisce i doni ai bambini. In altre parti d'Italia si regala pane ai poveri o si cuociono piccoli pani rotondi ("gli occhi di Santa Lucia").

Anche in Danimarca, Svezia, Finlandia, Austria, Boemia e Brasile viene ricordata la martire con celebrazioni e feste, che hanno un'origine recente.

 

La Santa dei doni

Santa Lucia, venerata in tutta Italia come protettrice degli occhi, è considerata la responsabile della guarigione dei bambini veronesi da un'epidemia di "male agli occhi" avvenuta nel XIII secolo. I bambini, in quell'occasione, andarono in processione con la promessa che Santa Lucia li avrebbe ricompensati con dei doni.

Da allora, la notte del 12 dicembre i bambini aspettano l'arrivo di Santa Lucia sul suo asinello. I bambini lasciano un piatto con del cibo per Lucia e il suo asinello e vanno a letto presto, con gli occhi chiusi, per paura che Lucia li accechi con la cenere. La mattina dopo, il piatto è pieno di dolci e piccoli doni per i bambini.

La Santa della luce

Santa Lucia è la personificazione dei culti della luce, anche pre-cristiani. Nel nord Europa si celebra la giornata con meno luce dell'anno attraverso l'incoronazione di Santa Lucia con una corona di abete su cui sono fissate 12 candele - che rappresentano i mesi dell'anno.

Il 12 dicembre, al tramonto, vengono accesi i falò che illuminano la notte fino al tramonto del 13 dicembre. All'alba del 13 una giovane viene vestita di bianco e incoronata. A mezzogiorno canti, balli e una celebrazione religiosa sono il culmine della festa. La corona viene poi buttata nel camino e viene allestito un pranzo a base di arrosti, dolcetti speziati e birra.

La Santa nella letteratura e nella musica

Santa Lucia compare in molte opere letterarie, artistiche e musicali di tutti i tempi:

  • Dante, nella Divina Commedia, riserva a Santa Lucia il compito di illuminare la strada dell'uomo nel suo cammino verso Dio.
  • A Ravenna, a Sant'Apollinare Nuovo, si trova il celebre mosaico dedicato alla Santa.
  • Francesco De Gregori ha ripreso l'immagine di Santa Lucia nell'omonima canzone.

 

Di Cristiana Calilli

Cento per cento Mamma

 

Immagine Alkelda

 

Articoli correlati (da tag)

  • Centrotavola golosi per Natale Centrotavola golosi per Natale

    Iniziate a pensare alla tavola per le feste? A completare l'atmosfera natalizia di allegria è senza dubbio il centrotavola, una composizione che riprende i colori del tema scelto e che ravviva l'ambiente.

    Centrotavola con la frutta secca

    Holiday-Craft-Topiary-Ball-mdn

    La frutta secca è benaugurante e si è soliti mangiarla durante i pranzi o le cene natalizi. Nel centrotavola di Woman's Day i pistacchi sono colorati di rosso e incastonati a costruire una palla floreale.

     

    albero cioccolataefrutta www foodbeam com

    Un goloso albero di cioccolato e frutta secca, sistemato al centro del tavolo, crea la giusta scenografia al nostro pranzo e funge da dessert d'eccellenza. La ricetta è di 100 piatti.

     

    adventni vencki8

    Le candele illuminano la tavola imbandita e ricordano l'avvento, la frutta secca è benaugurante e la cannella profuma l'ambiente: un centrotavola completo e allusivo, un bel modo di festeggiare il Natale. La ghirlanda fa parte di una raccolta di lavoretti di Casa Trend.

     

    Centrotavola con il pane

    centrotavolarose

     

    Il centrotavola si mangia! Un cespuglio di erbe aromatiche con delle rose di pane inserite tra i rametti, di Sale e pepe quanto basta.

     

    Schermata 11-2456262 alle 15.52.02

     

    Gli alberelli di Natale decorano il tavolo e durante il pasto possono accompagnare le pietanze. Questa è la magia del pane di Cindystar.

     

    piatto-pronto-grissini-bicchiere-crema-centrotavola-nastri-lettera-natale-decorazione dettaglio ricette slider grande3

    Grissini e salsine con cui assaggiarli: un centrotavola che aiuta a spezzare il languorino che si ha quando ci si siede a tavola, con lo stile tipico di Donna Moderna.

     

    Centrotavola di frutta e verdura

     

    albero natale decorazini2

    Gli alberi di Natale realizzati con fette di verdure o frutta sono un'idea originale di Io vivo a Roma.

     

    SDC12029

    Come centrotavola le foglie esterne della verza, arricchite da una candela natalizia. Il progetto è di Silvia ai fornelli.

     

    piatto-pronto-decorazione-con-alimenti-centrotavola dettaglio ricette slider grande3

    Una tavola essenziale e colorata con al centro l'alberello di cruditè di Donna Moderna: un successo assicurato per la vista e il palato!

    Altre idee di alberelli di Natale mangerecci su Facebook:

     

    solo verdure su Diario di Naturetica

    centrotavola verdura

    Solo frutta golosa per l'albero su  Baby Shower Party

    centrotavola frutta

    E il tagliere rustico La piccola bottega delle idee:

    centrotavola con formaggio

     

    E per finire

     

    centrotavola con arance

    Una serie di idee centrotavola con arance impreziosite da chiodi di garofano, anici stellati rami di pino e pigne, per dare colore e profumo alla tavola, un progetto visto su Psicoalimentarsi e curarsi naturalmente, sempre su Facebook

     

    Di Cristiana Calilli

    Cento per cento Mamma

  • Dolcetto o Scherzetto?! Le leggende e le tradizioni di Halloween Dolcetto o Scherzetto?! Le leggende e le tradizioni di Halloween

    La tradizione di Halloween non appartiene certo alla nostra cultura, ed è arrivata in Italia, con sempre maggior successo, solo negli ultimi 10 anni. Ma la tradizione nel paesi anglosassoni è molto lontana nel tempo e fonde leggende popolari, tradizioni e religione.

    Ma voi sapete cosa vuol dire Halloween e qual è il significato dei simboli e delle atmosfere di Halloween?...noi lo raccontiamo a voi, voi raccontateci come l'avete raccontato ai bimbi!

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.