Prima di diventare padre non mi ero ovviamente mai posto il problema; lo sentivo lontano e comunque già "sapevo" che sarebbe stato un problema di quella disgraziata che avrei trovato sulla mia strada e che sarebbe diventata, se non mia moglie, la madre dei miei figli.

Trovato la santa con vocazione al martirio che ha deciso di sposarmi è arrivato anche il primo figlio e quando Chiara ha avuto problemi ad allattare, a me sembrava del tutto normale passare al latte in polvere... non vedevo proprio il problema.

Ricorderò per tutta la vita una notte, come sempre un sabato notte..., con il bambino che piangeva affamato, mia moglie che piangeva dal dolore; avrei voluto andare davvero in farmacia a prendere del latte in polvere ma Chiara si oppose e piangendo continuò ad allattare...

campagna nastro rosa tumore senoIn omaggio alla Campagna Nastro Rosa dedicata alla prevenzione del tumore al seno, oggi, lunedi 18/10/10 Genitori Channel si tinge di rosa, unendosi alle iniziative in rosa che animeranno tutto il mondo per questa causa e al cerchio virtuale che unifica decine di blog e siti a sostegno della campagna di prevenzione, grazie all'iniziativa promossa da mammafelice.

Nel mese di Ottobre luoghi reali e virtuali si tingono infatti di rosa, colore simbolo della lotta contro il tumore al seno. Una luce rosa, infatti, unirà idealmente tutta l'Italia, con tanti monumenti, edifici e statue che resteranno illuminati per una o più notti a testimoniare che, grazie a un’efficace e corretta prevenzione, questa malattia tumorale si può, e si deve, vincere! E come in Italia, anche in tutto il resto del mondo si accenderanno di luce rosa location famosissime e prestigiose, quali l’Empire State Building (New York, USA), le Cascate del Niagara

baby pit stop a milanoIn occasione della conferenza stampa di presentazione del primo BabyPitStop - realizzato presso la Clinica Mangiagalli di Milano alla presenza di Amanda Sandrelli, madrina dell’iniziativa - Unicef Italia ha annunciato la decisione di monitorare il rispetto del Codice OMS/Unicef per la commercializzazione dei sostituti del latte materno e degli altri parametri previsti dal progetto.

Nei punti allattamento non sarà infatti possibile offrire alle madri volantini, opuscoli, omaggi, riviste o cartoline per ricevere regali che abbiano a che fare con i prodotti sopra indicati. Allo stesso modo, non si potranno affiggere poster o altri oggetti di arredamento con loghi e marchi di ditte che producono sostituti del latte materno, biberon e tettarelle, n é tali prodotti potranno essere esposti o donati alle mamme che si fermano ad allattare.

In occasione della SAM 2010 (settimana mondiale dell'allattamento 2010), desideriamo segnalare un sito molto bello e utile: www.allattamentoschisi.org.

E' il sito è di Regina Masaracchia, infermiera professionale, IBCLC, mamma di 3 figli, uno di questi nato con palatoschisi, ovvero con un'incompleta formazione del palato duro, che si presenta con una fenditura (una caratteristica che spesso e' nota con il termine improprio di "labbro leporino"). Questa caratteristica è diffusa all'incirca su 1 bambino ogni 1.000.

Si è aperta il 1 ottobre la SAM 2010, Settimana Mondiale dell'Allattamento. Per celebrarla desideriamo proporvi una video-intervista inedita, fatta da Genitori Channel e dalla giornalista Giorgia Cozza ad Ibu Robin Lim, la nota "ostetrica scalza" vincitrice del premio Alexander Lange 2006.

Con l'esperienza e la dolcezza che la contraddistinguono, Ibu Robin dice che tutte le madri vogliono il meglio per i loro figli, chi sceglie il latte artificiale non è “venuta meno" a suo figlio, perchè ama suo figlio, sono, se mai, la società, i medici, la famiglia, che sono "venuti meno" a quella madre, che non ha bisogno di atteggiamenti giudicanti, bensì di amore e supporto.

Godetevi questo stralcio di video intervista

Intervista a Ibu Robin Lim - una madre che non ha allattato è una mamma che è stata lasciata da sola dalla società 

{youtube}AIZhR07Kclg{/youtube}

 

 

E' indispensabile riportare questa testimonianza di Chiara Pozzi Perteghella, perchè la notizia non può passare inosservata: le viene impedito di tenere con sè, per poterlo allattare a richiesta, il figlio di 3 mesi, mentre sostiene un esame di abilitazione a diventare consulente di allattamento IBCLC....

Gli USA e la loro fobia per l'allattamento in pubblico sono già tra noi?

Il Codacons ha deciso di presentare un esposto all'Antitrust relativamente al Congresso Nazionale della FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) in programma il prossimo ottobre a Firenze.

Al centro dell'attenzione dell'associazione, il rapporto che lega la categoria dei pediatri a due note multinazionali specializzate in prodotti per bambini, Nestlè e Nutribèn. Si apprende infatti dal programma del Congresso della Fimp, che nel corso dell'incontro verranno assegnati due premi in denaro: il "Premio Nutribèn' e il "Nestlè Nutrition Institute Prize 2010 per il Pediatra di Famiglia'.


Spesso in rete abbiamo trovato domande di mamme incinta che chiedevano quanto fosse opportuno bere vino, birra o altro in gravidanza, e articoli che dicevano un po' tutto: da "l'alcol va evitato in gravidanza" a "si all'alcol, ma con moderazione in gravidanza."

"Mentre sto facendo pranzo, la donna nel tavolo affianco al mio si mette ad allattare la figlia senza coprirsi, poi mette la bambina sul tavolo e la cambia"

questo il messaggio della modella di Play Boy Kim Kardashian su Twitter, e poi ancora

"Anche mia sorella allatta! E' una cosa bella e naturale, non c'e' niente di male, ma lei si copre, non con le tette in bella mostra!"

sempre su Twitter.

L'esperienza di Silvia ci dimostra le difficoltà nell'allattamento che spesso le mamme incontrano al primo figlio: dissuasioni di chi e' intorno che anzichè aiutare cerca di dissuaderti, un'esperienza di cui ha fatto tesoro per i figli seguenti con cui le cose sono andate meglio.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.