Super User

Super User

Madri in carcere

Ottobre 11, 2012

Realtà nascoste, tenute nell’ombra e non prese in considerazione.
Oggi vi voglio parlare delle mamme che vivono in carcere, che sono tenute lontane dai propri figli o che dividono la pena con i propri bambini fino ai 3 anni di età.

Una “maternità interrotta”, come la definisce Silvia Girotti dell’Associazione AVOC (Associazione Volontari del Carcere), un’esperienza che segnerà per sempre la vita di bambini e mamme. 

I buoni propositi si presentano puntualmente due volte l’anno, a Gennaio e a Settembre.

Sono ciclici come le stagioni! E noi puntuali come non mai, siamo alla ricerca di nuove ispirazioni!

Tra corsi di zumba, knitting, acquerello e chi più ne ha più ne metta, spiccano le originali proposte della nostra Paper Designer Barbara Perrone: un corso di creazioni con la carta per riempire la pausa pranzo con qualcosa che nutre la creatività e tiene a bada al linea!

Barbara è una fatina della carta e dei tessuti: datele in mano un fazzoletto o un foglio di carta in apparenza mesto, e vi tirerà fuori abiti, borse, accessori, bomboniere.... 

L’episiotomia è un taglio praticato su vulva e vagina durante la fase espulsiva del parto, in genere quando la vagina si distende sotto la pressione della testa del feto. Oggi le principali evidenze scientifiche mostrano che l'episiotomia NON va praticata, perché non è utile in nessuna delle circostanze in cui si pensava che lo fosse.

L'episiotomia non migliora gli esiti del parto

L'episiotomia è stata introdotta nel 1800, ma cominciò ad essere utilizzata di routine negli anni '70 nella convinzione (che oggi sappiamo essere errata) che fosse utile per:

  • evitare i traumi da lacerazione spontanea del perineo
  • aumentare il benessere del bambino alla nascita
  • ridurre il dolore nella fase espulsiva
  • ridurre la durata della fase espulsiva
  • ridurre l'incontinenza dopo il parto

 

Eccoci al rientro, con le scuole che presto riapriranno e i ritmi da impostare nuovamente. Partiamo con ordine, occupandoci della spesa: quali varietà di frutta e verdura acquistare?

Partiamo con la verdura: fagioli, carote, pomodori ( perfetti per la salsa da conservare per l’inverno), fagiolini, piselli, cetrioli, zucchine, melanzane, lattuga, rucola, sedano e barbabietole.

Anche la frutta offre molte alternative, golose e dolci come piace ai bambini: lamponi, pere, uva, fichi, susine, albicocche e pesche ( le ultime due varietà almeno nella prima quindicina del mese).

È il mese ideale per cimentarsi nella preparazione di marmellate e conserve che torneranno utili nei mesi più freddi. Il caldo se ne sta andando e le giornate che precedono l’inizio della scuola sono perfette per rallentare i ritmi e godere della reciproca compagnia, occupando il tempo in un lavoro rilassante e piacevole. E poi, i bambini saranno orgogliosi di mangiare e offrire composte fatte da loro durante l’inverno!

 

di Cristiana Calilli
www.centopercentomamma.it

 

Tutti pronti per lo shopping pre scuola?! ...io mi sto riprendendo a fatica dal rientro dalle ferie: le vacanze sono sempre rigeneranti, ma quando rientri ci vuole una dose doppia di energia per tornare a carburare. ...il lavoro da riprendere, i compiti estivi da finire e ...lo shopping per i bimbi: penne, matite, grembiuli, scarpe e vestiti...

I bambini nascono con i piedi piatti: l'arco plantare si forma gradualmente nei primi anni di vita, ma se il piede piatto persiste dopo il 7-8 anni alcuni esercizi possono aiutare il bambino a migliorare.
A piedi nudi sulla sabbia: questo è il miglior esercizio per i piedi nostri ma soprattutto dei bambini.

Noi genitori nati negli anni '70 ci ricordiamo bene che in classe c'era sempre almeno un compagno di scuola con le orrende scarpe ortopediche: quelle di pelle blu, alte e con una faccia veramente scomoda oltre che un po' “geek” diremmo oggi.

Quando mia figlia Aylin è cresciuta e il piede è rimasto piatto, ho temuto che quella fosse la sua sorte. Ma oggi le scarpe ortopediche sono addirittura bandite (per fortuna) ed ecco cosa ho scoperto sul valgismo (piede piatto).

Con il rientro a scuola ed il ritorno dell’autunno diventa ancora più importante una giusta distribuzione dei pasti, con un nutriente spuntino a metà mattina ed uno a metà pomeriggio, per fare avere in tutti i momenti della giornata la giusta energia al vivace metabolismo dei nostri bambini.

Sì ma cosa proporre per gli spuntini dei nostri bambini?

Come già ha fatto per le colazioni, Caterina ci propone sette idee diverse, per ogni giorno della settimana, ed uno sguardo un po’ diverso dal solito su questo pasto … piccolo ma importante quanto gli altri.

I fichi sono la mia passione! Potrei mangiarli a colazione, a pranzo e a cena senza mai stancarmi.
Sono ottimi per preparazioni dolci, ma anche in contrasto con sapori decisi sono deliziosi.
Le dieci ricette che preferisco a base di fichi (provare per credere!):

Vivere senza TV

Agosto 27, 2012

Quando qualcuno viene a sapere che non abbiamo la tv di solito ci chiede "e cosa fate la sera? " Ecco io di solito mi trovo a pensare la cosa inversa " ma come trovano il tempo di guardare la tv?"

Sento dire in continuazione "non ho tempo", "se avessi il tempo", "mi manca il tempo" e via dicendo, e allora perché' impiegare una, due o addirittura molte ore al giorno a guardare cio' che le stesse persone definiscono dei programmi stupidi, sessisti, privi di senso?

Quando ho conosciuto mio marito ci sembro' assurdo impegnare parte del nostro minuscolo salotto con un enorme televisore e lo regalammo. Sono passati 8 anni e mai abbiamo rimpianto quella scelta.

Abbiamo tenuto il lettore DVD e un piccolo monitor con cui, assai di rado in realtà ci guardiamo un bel film.

Dopo l'arrivo dei nostri figli si pose il problema se, quando e per quanto tempo  piazzarli davanti alla magica scatola quadrata. E' indubbio che i bambini siano abbastanza ipnotizzati da essa, soprattutto dai 2-3 anni in poi, motivo per cui e' davvero uno dei pochi strumenti che hanno a disposizione i genitori per prendersi qualche sacrosanto momento di relax oppure per risolvere qualche momento difficile (e chi ha figli piccoli Sa quanti ce ne siano!)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.