Non è la prima volta che qui su GC si parla di buone pratiche per una decrescita felice: dall'autoproduzione del pane, a quella di giochi con materiali riciclati, al bebè a costo zero. Una di queste buone pratiche non è certo una scoperta, è molto più antica dell'attuale modo di scambiarsi beni e servizi, ed è il baratto...

***

Decrescita è, per definizione, una riduzione complessiva delle quantità fisiche prodotte, è vero.
Ma perchè non rischi di diventare sterile e perchè sia realmente felice, va soprattutto intesa come una trasformazione dell'immaginario collettivo verso stili di vita sostenibili, per la terra e per i singoli, che migliorino la qualità dell'esistenza in modo globale.

Un gioco appassionante per adulti e bambini è quello che ci propone oggi Caterina Lazzari: tingere le stoffe con delle tinture autoprodotte a partire dalle piante e dagli scarti della cucina. Un modo divertente per passare un pomeriggio con i nostri figli ma anche un modo per imparare le caratteristiche delle piante dei nostri giardini.
***

Poco tempo fa ho partecipato ad un incontro sull’argomento, condotto da Adele Vigo e Francesa Sibelli, autrici della bellissima pubblicazione Guida alla tintura naturale, edita dalla Nordpress. Insieme a me c’era il mio bimbo di cinque anni, che è uscito entusiasta, affascinato dagli intrugli, dai pestelli, dalle trasformazioni, dalla vividezza dei colori.

Come non divulgare questa splendida iniziativa di Maddalena che porta a casa vostra una festa di compleanno completamente sostenibile, per l'ambiente, per il portafoglio e per i bambini. La festa dei bambini non sarà più uno spreco infinito di plastica usa-e-getta ma si trasformerà in un fantasioso gioco di ruolo in cui gli ovetti riciclati diventeranno...qualsiasi cosa!

L'eco-turismo è un fenomeno che riscuote sempre maggior attenzione, ma cos'è: è un nuovo modo di viaggiare che concilia l’etica della responsabilità con le necessità economiche di tutti gli attori coinvolti nei processi di produzione legati ai viaggi, riconoscendo la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile. Simona Ceolin di FunFamily il portale per le vacanze della famiglia, ce ne parla.

Oggi si celebra la 40a giornata mondiale della terra .... eppure mi pare che da 40 anni a questa parte le cose non siano migliorate. I principi cardine sono un futuro basato sulle energie rinnovabili, la responsabilità individuale e il consumo responsabile, la creazione di un’economia verde che porti posti di lavoro e tolga milioni di persone dalla povertà. Per celebrarla abbiamo pensato di proporvi 2 video selezionati dalla rete e 20 aforismi per riflettere. Qual è quello che vi rimane più dentro?

Che bisogna chiudere il rubinetto quando l'acqua non serve lo sanno anche i bambini, ultimamente abbiamo capito anche che i rubinetti devono avere quei dispositivi che incorporano aria, così da sprecare meno acqua, insomma, qualche accorgimento di massima per non sprecare lo conoscono un po' tutti.... ma io mi sono spesso chiesta: ma perché quest'ossessione per il risparmio idrico???

Eccoci arrivati alla primavera, oggi salutata, quasi in tutta italia, da una tiepida giornata di sole.
Prendendo spunto dai primi germogli, cosa c'e' di meglio che pianificare una bella produzione di verdurine fresche di stagione a "metro zero", cioè direttamente sul balconcino di casa?!

Venerdì 18 febbraio 2011 (domani!) torna M’illumino di meno, la Giornata del Risparmio Energetico 2011, special edition per i 150 anni dall’unità d’Italia, una campagna escogitata dalla trasmissione radiofonica Caterpillar, che coinvolge centinaia di comuni e migliaia di persone.
Anche quest’anno Caterpillar invita comuni, associazioni, scuole, aziende e case di tutt’Italia ad aderire all’iniziativa creando quel “silenzio energetico” che ha coinvolto le piazze di tutt’Europa negli anni scorsi, per fare spazio, dove possibile, ad un’accensione virtuosa, a base di fonti rinnovabili.

Sapete dove buttare l'olio della padella dopo una frittura fatta  in casa?
Sebbene non si facciano molte fritture, quando le facciamo, siamo soliti buttare l'olio usato nel lavandino della cucina o in qualche scarico, vero?
Purtroppo questo è uno dei maggiori errori che possiamo commettere. Perché lo facciamo? Semplicemente perché non c'è nessuno che ci spieghi come farlo in forma adeguata.

 

La spesa di dicembre.... e ricettina finale

Prendiamo a prestito questo almanacco di consigli di Francesca Marotta su Lifegate su cosa mettere nel cestino della spesa mese per mese.

Ormai con l'avvento dei supermercati e dell'industrializzazione della catena alimentare non sappiamo più che verdure sono di stagione e quali sono i pesci che andrebbero pescati nei vari periodi (rispettandone la riproduzione, e così via). Così pensiamo proprio utile, prima di tutto per noi cittadine, le indicazioni specifiche mese per mese, della frutta, della verdura e dei pesci da includere nella spesa per essere più green, ovvero mangiare in modo più salutare per noi, i nostri bimbi e per il pianeta.

Così ecco cosa mettere nella borsa (di tela o meter bi) della spesa a Dicembre che, con le feste in arrivo, potrebbe darci una mano in tavola con il portafogli, la linea e a non sentirci letargici magiando di gusto e sano.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.