Mentre ancora “tondeggiavo” come un melograno, mio marito mi guardava sorridendo e facendomi una domanda a cui nessuno dei due sapeva dare una risposta: “Ma quando torniamo a casa col fagotto come facciamo?” E poi si batteva la fronte col palmo della mano, in segno di totale confusione.
Il fagotto in questione era ovviamente nostro figlio, che già immaginavamo avvolto in tutine e coperte che lo proteggessero dal caldo, dal freddo, dal mondo, da qualunque cosa.

Nascita “fusion”

Maggio 24, 2012

Sei venuto al mondo nel primo giorno di ferie del tuo babbo. Prima dote: il tempismo!

Attorno a noi una camerata che sembrava uscita da un racconto: eravamo gli unici italiani, il resto del mondo si stendeva accanto a noi passando per il Messico, le Filippine, l'Albania e l'Honduras. La prima notte l'ho passata con un occhio aperto, come fanno i gatti quando sonnecchiano, sbirciando dentro la culla in cui dormivi sopraffatto dal tuo salto nel mondo, completamente abbandonato alla vita, le braccia larghe e le mani a pugno, le labbra appiccicate in un cuore.

Che la ricetta biologica per avere un figlio comprenda un ingrediente maschile non è una grande scoperta. Sono loro, i nostri uomini, l'altra metà della mela e di mele, come sul banco del mercato, ce ne sono di tutti i tipi.

Nel mio caso, le proporzioni fisiche vogliono che sia io la metà di mio marito, non proprio la metà esatta ma quasi; e meno male che, come dice mio suocero, sono come il detersivo per lo sporco impossibile: concentrata!

 

In occasione della Settimana Mondiale dedicata all'allattamento vi offriamo uno scritto di Bianca Buchal, appassionata e studiosa della nascita, sulle funzioni e peculiarità dell'allattamento.

***
L’allattamento materno è una funzione che esalta in maniera completa i valori femminili. Le conseguenze che ne derivano arricchiscono non soltanto mamma e bambino in prima persona, ma al tempo stesso tutta la società.

L’allattamento al seno offre una meravigliosa opportunità affinché madre e figlio imparino a conoscersi sin dalla  nascita, perché la prima poppata avviene molto presto.

La d.ssa Grozzo, psicologa, ci fa riflettere sui "dogmi" che spesso accompagnano l'idea dello svezzamento... mettendoci un po' di buon senso, a molte soluzioni e consuetudini viene da dire "forse non è proprio la cosa migliore..."

***
Il primo rapporto con il cibo si stabilisce da neonati, con l’allattamento prima, con il divezzamento poi.
Questi due momenti della vita vengono secondo me sottovalutati grandemente. Si dice alle madri di trattare i bambini come se fossero tutti uguali. Ci si scoraggia subito di fronte ad una difficioltà nell’allattamento. Il biberon è sempre dietro l’angolo. Le madri difficilmente vengono aiutate sull’allattamento.

Alessandra esplora questa pesante domanda, "saprò amare questa secondo figlia che arriva come l'altra? toglierò qualcosa ad una per dare all'altra?", vediamo cosa scopriamo attraverso la sua esperienza di mamma...

***

Nel corso della mia seconda gravidanza mi sono chiesta molte volte se avrei amato la piccola Anna Luce tanto quanto la mia prima bimba. Avrei provato lo stesso slancio, la stessa intensità, lo stesso entusiasmo? Maria Sole quattro anni fa ha conquistato il mio cuore e la mia vita. E’ con lei che si è aperta per me e Andrea una nuova fase della nostra vita, come coppia e come genitori. Chi altro mai avrebbe potuto farci sentire di nuovo così pieni di gioia e di amore?

Monia, l'autrice di Mani di vaniglia: nascita di una mamma in 40 settimane, scrive per noi questo divertente post in cui tra domande e ricordi ci racconta che fare la mamma non è un gioco di perfezione.
***

 Prima di diventare padre non mi ero ovviamente mai posto il problema; lo sentivo lontano e comunque già "sapevo" che sarebbe stato un problema di quella disgraziata che avrei trovato sulla mia strada e che sarebbe diventata, se non mia moglie, la madre dei miei figli.

Trovato la santa con vocazione al martirio che ha deciso di sposarmi è arrivato anche il primo figlio e quando Chiara ha avuto problemi ad allattare, a me sembrava del tutto normale passare al latte in polvere... non vedevo proprio il problema.

Ricorderò per tutta la vita una notte, come sempre un sabato notte..., con il bambino che piangeva affamato, mia moglie che piangeva dal dolore; avrei voluto andare davvero in farmacia a prendere del latte in polvere ma Chiara si oppose e piangendo continuò ad allattare...

Pagina 3 di 3

Iscriviti alla newsletter

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.