Risultati della ricerca per: monia scarpelli
Venerdì, 06 Aprile 2012 10:34

Favole di fantasia... e meno male!

Vi sembra che fiabe e super eroi di questi tempi (tra Winx e Ben10) siano peggio di quelli a cui eravamo abituati noi?Vediamo cosa ne pensa una mamma....

***

Diciamocelo: essere cresciuti mentalmente sani e nonostante tutto, per la nostra generazione, è stato quasi un miracolo. Noi genitori – io per prima – paventiamo il momento in cui i nostri piccini cominceranno a volersi trasformare in uno degli alieni di Ben10, seminando per casa mostruosi Gormiti come Pollicino faceva con le sue briciole; oppure immaginiamo le nostre piccine infatuate delle Winx, che sognano quegli abitini succinti, i lunghi capelli e i tacchi appena accennati. La cara e vecchia Lolita la prenderebbero di tacco... appunto!

Pubblicato in Primi anni

Caro il mio uccellino – passerotto è quello che mi viene più spesso di citare e non per il classico di Baglioni, ma perchè era uno dei nomignoli con cui il babbo chiamava me da piccola – che sta imparando a zampettare e che volerà presto per il mondo...
Ho iniziatoa scrivere questa lettera un milione di volte. Ne avevo già scritta una, prima che tu nascessi, ma adesso che sei qui, che vedo ogni giorno le tue piume spuntare e le tue ali sgranchirsi per quello che sarà il tuo volo, è più difficile trovare le parole, più complicato essere obiettiva.

Pubblicato in Vita in famiglia

State pensando ad un manuale d'istruzioni, al famoso libricino che si trova dentro alle scatole dei frullatori e dei cellulari (in quest'ultimo caso, alti più o meno come il Devoto Oli) ? No, niente di tutto ciò, anche perchè non esiste un manuale d'istruzioni per mamme (non è un caso che non venga fuori assieme alla placenta).

Quello di cui voglio parlare è un elenco, senza alcuna pretesa che sia plausibile per tutte noi né tantomeno completo, di tutto ciò che non dovremo dimenticare nel passaggio dalla vita “in solitaria” a quella di “mamma”. Eh sì perchè da quel momento in poi sole davvero non lo siamo mai e questo è meraviglioso, ma ci dimentichiamo anche tanti aspetti di noi come “figlie”.

Pubblicato in Primi anni

"Non è una storia di Natale, nonostante il titolo, ma vale la pena di essere raccontata e spero abbiate voglia di ascoltarla.
Un legame col Natale però ce l'ha: prima di quella che per me è la festa più bella dell'anno ho incontrato per la prima volta gli occhi di una donna, di una mamma come me. Erano due occhi grandi e pieni di speranza e stavano dietro ad un tavolo bianco, coperto di pupazzi in vendita per una raccolta fondi.
Non la conoscevo eppure conoscevo la sua storia, ma solo perchè la sua vita privata era diventata anche cronaca poco più di un anno prima e io non avevo potuto dimenticarla.

Pubblicato in Benessere naturale
Giovedì, 16 Febbraio 2012 13:00

Le mamme non cambiano mai

Quello che ripeto più spesso quando parlo del mio “Mani di vaniglia” o anche solo del mio essere mamma è che quando diventi mamma lo rimani per sempre, qualunque cosa accada.
Un paio di anni fa', ho aperto la mia presentazione ad un meeting a cui partecipava un nutrito gruppo di colleghi proveniente da diverse parti del mondo, dicendo: sono una mamma, sono una scrittrice, ma oggi sono qui perchè sono anche responsabile di questo progetto.

Pubblicato in Vita in famiglia
Giovedì, 09 Febbraio 2012 13:00

Una farfallina nella mia pancia

Monia ci racconta la più grande delle emozioni per una mamma in attesa, il momento in cui sente i primi movimenti del suo bambino nella pancia, quello sfarfallio inconfondibile che arresta per un moemnto il respiro e ti fa realizzare tutto d'un tratto che davvero stai crescendo un'altra vita dentro di te.

***

Notte fonda, la primavera fuori dalle finestre con tutti i suoi profumi, quell'odore di novità, di arrivi e d'inizi.
Respiro lenta e regolare sotto la mia trapunta leggera, che prelude al copriletto estivo dei colori del tramonto e, d'un tratto, una farfalla nello stomaco.

Pubblicato in Gravidanza e parto

Con un sorriso sulle labbra, scopriamo in questo simpatico racconto di Monia, quello che è capitato un po' a tutte in gravidanza: qualche strappo alla regola, pensando che, una volta nato, al bimbo certe schifezze non le avremmo mai concesse!...

Sole di primavera in cielo e aria nuova intorno, con due pance a giro per il polmone verde della loro città.

Le pance sono la mia e quella della mia amica Fra; la mia più pronunciata, la sua in via di sviluppo (e che sviluppo avrebbe avuto di lì a poco, con quelle due monelle che la gonfiavano come un pallone aerostatico!).

Pubblicato in Gravidanza e parto
Mercoledì, 18 Gennaio 2012 11:24

La mamma è come Troncon!

Ancora una volta Monia ci regala le sue riflessioni un po' ironica e un po' serie sul suo ruolo di mamma, questa volta si chiede...che tipo di mamma sarò?

***

Si sa: siamo un po' quello che pensiamo di essere, un po' quello che vogliamo, un altro po' quello che gli altri ci dicono che siamo e alla fine, ma solo alla fine, un po' ciò che siamo davvero.

Dico solo un po' perchè siamo variegati come gusti di gelato e soprattutto perchè mica è facile essere ciò che siamo davvero: scoprirsi, accettarsi, coltivarsi senza remore.

Pubblicato in Gravidanza e parto

Il compito più futile durante la gravidanza è quello dell'acquisto del corredino per il nuovo venuto o della stesura della “lista di nascita”, tanto di moda da qualche anno a questa parte.
Ovviamente, essendo uno dei compiti più futili è anche uno di quelli che le donne in attesa amano di più.
Io non sono una patita dello shopping, non lo sono mai stata e non lo sono nemmeno adesso, nel post-gestazione (lo giuro, non è una finzione letteraria: compro davvero poco, anche se riesco a fare comunque acquisti inutili... questo secondo me è stato scritto nel nostro DNA, magari era dentro il morso di mela di Eva, come uno dei bigliettini della fortuna nei biscotti del ristorante cinese).

Pubblicato in Gravidanza e parto
Giovedì, 08 Dicembre 2011 06:00

Il ginecologo in gravidanza

Monia ci racconta in modo ironico il suo rapporto con il ginecologo, presenza fissa e ingombrante della sua gravidanza, ma anche presenza rassicurante, quasi familiare
***

Si aggirano per i corridoi degli ospedali e delle cliniche con uno strano sorriso in faccia o una ruga di disappunto sulla fronte. Hanno mani magre e nervose o, come nel mio caso, grandi e forti (sono quelle che ti fanno tremare al primo pensiero, ma che poi ti tranquillizzano).

Pubblicato in Gravidanza e parto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.